Nòvas d’Occitània    Nòvas d'Occitània 2012

invia mail   print document in pdf format Rss channel

Nòvas n°108 Genoier 2012

"Liriche Subalpine": i Bojanen ai Murazzi a Torino il 28 gennaio

"Liriche Subalpine": Lhi Bojanen ai Murazzi de Turin lo 28 de genoier

Folk Rok Rap cantati in occitano e in piemontese in un repertorio che verrà presentato ai Murazzi il 28 gennaio alle ore 21 al CHACHAMURI per il concerto di apertura di Pape J. (Massilia Sound System)
Intervista a Luca Poetto
di Ines Cavalcanti

"Liriche Subalpine": i Bojanen ai Murazzi a Torino il 28 gennaio
italiano D.Il progetto Bojanen: una nuova voce nel panorame della nuova creazione occitana?

R.Spero proprio di si. La nuova creazione è sempre una buona cosa e poter trasmettere oggi un messaggio in lingua occitana è parte della mia storia. Sono nato a Mentouilles, una borgata di Fenestrelle, il paese conosciuto turisticamente per il suo immenso forte, in casa i miei genitori parlavano occitano tra di loro ma con me hanno parlato in italiano. Le mie orecchie si sono imbevute di occitano e intorno a me sentivo anche spesso parlare in piemontese. Ad un certo punto questi due linguaggi sono sgorgati come una sorgente dal profondo di me stesso perchè mi appartenevano, facevano parte della storia della mia vita ed è così che ho iniziato a comporre testi in occitano e in piemontese.

D.Che significato volete attribuire oggi al vostro nome "Bojanen?"

R.Oggi a questo nome vogliamo attribuire quello sforzo più o meno comunitario del resistere contro un mondo che va disgregandosi di quei valori culturali, sociali come la lingua e la cultura dei territori, la capacità dei popoli ad autodeterminarsi, il significato di comunità.... Tutti valori che si stanno inesorabilmente perdendo nel nome del consumismo, dell' appiattimento culturale/linguistico verso una globalizzazione delle genti volta non all' abbattimento delle frontiere statali ma agli aspetti culturali dei popoli stessi col fine di poter vendere il più possibile in questo centro commerciale che ha già il nome di Babele.
Il pensare, comporre, comunicare in un' altra lingua significa pensare, comporre, comunicare utilizzando la propria testa e quindi essere meno soggetti alle influenze del sistema.

D. Il progetto Bojanen oggi?

R. Il progetto "Bogianen" nato dall'incontro di Luca Poetto (voce e scrittore dei testi) e Francesco Cavallero (ghirondista arrangiatore e compositore) oggi ha portato alla produzione del Cd "Liriche subalpine", composto da nove pezzi: Assiêtta, Ij ciapacioch, Ço que nous avem, Rigodon, Charcor carcaren, Arcòrd delay, Sem montanhòls, Sêum, Ji bogianen. E' una prima tappa alla quale vogliamo ne seguano molte altre. Intanto per perfezionarmi nella lingua e nella musica occitana ho iniziato un percorso artistico presso la Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo dove studio ghironda con Luca Pellegrino e frequento il corso di lungua e cultura occitana con Gianna Bianco.

D. Come definiresti il tipo di musica che state proponendo?

R: Una mescolanza tra folk, rok, rap, suoni elettronici. Una musica che vogliamo arrivi a delle orecchie giovani.

D. E arriva?

R: Sicuro, i giovani ascoltano le nostre composizioni e in un primo tempo non fanno molto caso alle parole,si comportano come fanno in genere con l'inglese. Ma poi molti di loro sono presi dalla curiosità e approfondiscono, vogliono sapere di cosa trattano i nostri testi, vogliono conoscere in modo più approfondito la nostra storia, conoscere le nostre motivazioni.

D. Dunque una lingua viva per parlare di tutto?

Sicuro vogliamo una lingua viva per parlare di tutto. Il testo che presento all'ascolto dei lettori di Nòvas d'Occitània per es. è un testo che parte da una visione introspettiva, che mi è arrivato attraverso una ricerca interiore, dallo stato di un momento.

 

 

Charchor cacaren

io non so cosa devo fare per sentirmi vivere
dove andare per meravigliarmi cosa devo bere?
del mondo voglio scrivere ma di ciò che si può dire
non sono sicuro
non mi aiuta dannazzione ne canzoni ne liquori
il passato se n' è andato con sogni donne e amori
noi siamo sempre gli stessi anche se nello specchio cambia il volto
sognamo di andare lontano senza mai sapere la meta
sempre il mondo ci lascia senza parole per ciò ci facciamo trovatori
per cercare qualcosa anche la dove non c'è nulla

occitan Folk Rok Rap chantats en occitan e en piemontés dins un repertòri que serè presentat ai Murazzi lo 28 de genoier a 9 oras de sera al CHACHAMURI per lo concèrt de dubertura de Pape J. (Massilia Sound System)
Entrevista a Luca Poetto
de Ines Cavalcanti


D. Lo projèct Bojanen: una novèla vòutz dins lo panorama de la creacion occitana?

R. Ai bòna esperança. La creacion novèla es totjorn una bòna causa e de poler passar encuei un messatge en lenga occitana fai part de mon istòria. Siu naissut a Mentoles, una borjaa de Finistrèlas, lo país ben conoissut dal torisme per son fòrt grandiós. A la maison mi grands parlavon occitan entre lor mas a mi an parlat italian. Mas aurelhas an chuchat l'occitan e a l'entorn sentiu sovent parlar decò lo piemontés. A na cèrta mira aquesti dui lengatges son salhits coma una sorsa da mon dedins perqué m'apartenion, eron part de mon istòria e parelh ai tacat a far de compausicions en occitan e en piemontés.

D. Que vòl dir encuei per vosautri "Bojanen"?

R. Per nosautri aquela maniera de dir rapresenta l'esfòrç de resistença vèrs un mond que de mai en mai perd aquilh valors culturals, socials, coma la lenga e la cultura di territòris, la capacitat di pòples de se donar un destin, lo sens de comunitat... Valors que se perdon dins una realtat de consumisme, de uniformitat culturala e linguistica, de globalisacion de las gents que pòrta pas a sobrar las frontieras mas a aplatir las particularitat culturalas de chasque pòple abo l'objectiu de vendre lo mai possible dins un centre comercial que se sòna Babel.
Lo pensar, compausar, comunicar dins un'autra lenga vòl dir pensar, compausar, comunicar abo sa pròpria testa e menc condicionats dal sistèma.

D. Lo projèct Bojanen al jorn d'encuei?

R. Lo projèct "Bojanen" naissut dal rescontre de Luca Poetto (vòutz e autor de tèxts) e Francesco Cavallero (compositor, arranjaire e sonador de viola) a portat per aüra a la produccion dal CD "Liriche subalpine" abo nòu tòcs: Assiêtta, Ij ciapacioch, Ço que nous avem, Rigodon, Charcor carcaren, Arcòrd delay, Sem montanhòls, Sêum, Ji bogianen. Es un premier pas mas volem avançar. Per lo moment, per me refortir dins la lenga e la musica occitana ai prencipiat un percors artistic en çò de l'Escòla d'Aut Perfecionament Musical de Saluces ente estudiu la viola abo Luca Pellegrino e seguisso lo cors de lenga e cultura occitana abo Gianna Bianco.

D. Que definicion donaries an aquela musica que vosautri propausatz?

R. Un barbareat de folk, rok, rap, sòns electronics. Una musica que volem portar a las aurelhas di joves.

D. E lhi arribatz?

R. Bè, segur! Lhi joves auvisson nòstra musica e d'en premier fan pas tròp a ment a las paraulas, mai o menc coma fan per l'anglés. Mas après, mai qu'un an la curiositat e vòlon saber que dison las paraulas, saber quala es nòstra istòria, las motivacions de nòstra creacion.

D. Donc una lenga viva per parlar de tot?

R. Es parelh, una lenga viva per parlar de tot. Per exemple, la chançon que presento ai lectors de Nòvas d'Occitània es un tèxt qu'agacha dins mon dedins, la situacion d'un moment.

 

 

Charchon cacaren

Mi sabbou po soc debbou for per me sentir viure

Adount anor per m' éetounor soc debbou bioure

Da mount vòou éecrire ma ‘d soc se poe dire

Siuc pa sugur

E cherchou pa d' ore mequè ‘d for clor

Ma al ée tou' l temp mèi éecur

E m' agè pa countacch!

Ni chansons ni licours

‘l passà s' nen anà abou sèumi fenna e amors

Nou siénn tou' l temp lou memi ma dins ‘l mirolh a change ‘l mourre

Nou seuménn d' anor viò leunh ma sens zhamè sabée ‘dount

Toujours ‘l mount a nou làesse sens mòs

Per soc qu' s' fazénn troubadours

Per charchor cacaren
cò adount lh' à pa ren

 


Condividi