Enti in rete L.482/99   

Villar Perosa - Lhi Vialars

Video-intervista a Renzo Ribetto, autore di "Bourcet: fiaba senza tempo"

Video-entrevista a Renzo Ribetto autor de "Borcet, fabla sensa temp"

di Maria Anna Bertolino

Video-intervista a Renzo Ribetto, autore di "Bourcet: fiaba senza tempo"
italiano

Nelle Alpi del torinese, uno degli esempi di borgo abbandonato e ora riscoperto è Bourcet, complesso di borgate situate nel comune di Roure (TO), in Val Chisone, che vanno dai 1300 m s.l.m. ai 1800 m s.l.m. Il territorio, da sempre via di transito verso la Francia, ha vissuto sin dagli anni ’30 del Novecento uno sviluppo industriale repentino, con l’installazione degli opifici tessili nella bassa valle che hanno favorito l’emergere di una classe operaia e l’inevitabile esodo di famiglie dall’alta valle, come ricorda Renzo Ribetto – di cui si riporta la video-intervista –, che ha dedicato al villaggio il suo amore per la scrittura per la fotografia, con alcune pubblicazioni e numerose immagini scattate in tutte e quattro le stagioni, perché, ripete, la montagna occorre conoscerla a tutto tondo, cosa che non si è fatta negli ultimi sessant'anni.

Renzo Ribetto è un ex guardia parco e da quasi 30 anni lavora al parco del Po cuneese, ora è il responsabile del Servizio di educazione ambientale e responsabile dei Musei del parco, ma vive dove è cresciuto: a Villar Perosa.

Il legame con il territorio, attestato dalla lunga frequentazione delle montagne che attorniano casa sua, l'ha portato a conoscere Bourcet e ad innamorarsene.

Spinto dall'idea di una montagna diversa da quella a cui stava assistendo, fatta di flussi turistici legati al periodo invernale e allo sci, è arrivato nel vallone ignaro del fatto che il nome non si riferisse ad un abitato particolare ma ricomprendesse una serie di borgate anche distanti tra loro.

Le case, la maggior parte aperte, l'hanno stregato in quanto al loro interno vi si può leggere un'infinità di cose: dalla una maestria nella lavorazione delle pietre alla funzionalità degli spazi ma anche l'artigianato degli strumenti della vita quotidiana, il confezionamenti degli indumenti, e poi le scatole e le bottiglie vuote di medicine e di liquori , rimasti laddove sono stati lasciati decenni addietro.

A detta del guardia parco, Bourcet resta un incanto che mai si finirà di leggere e decifrare, ma ciò che resterà è la deturpazione subita dalle case a causa del vandalismo, ennesima violenza dopo la colonizzazione della società di massa, impostasi negli anni '50 del Novecento, che ha cancellato in toto un popolo ed una cultura.

Dopo aver visto e riflettuto a lungo a Bourcet e su Bourcet, la repentinità del "degrado" delle case e il rinselvatichimento dei terreni che scorrevano sotto i suoi occhi l'hanno portato a ragionato su cosa si potesse fare e su come si potesse intervenire. Anche se non è detto che un villaggio debba per forza "salvarsi", poiché può avere un percorso di vita che poeticamente lo porta a morire (dato che le cose belle non sono infinite), se si vuole comunque salvare qualcosa occorre, suggerisce l'intervistato, una scuola di architettura locale dove si insegnano le tecniche di costruzione antiche, come i muri a secco, i serramenti, le serrature e le ringhiere, intervenendo però in ottica moderna con le nuove soluzioni che permettano di vivere agevolmente, quali la coibentazione.

I giovani interessati a questo mestiere potrebbero lavorare anche altrove, perché dotati di un saper-fare prezioso e applicabile in numerosi contesti montani, quelli propensi a trasferirsi in montagna troverebbero impiego sia nel campo dell'agricoltura che in quello del turismo in quanto sono sempre più le persone che visitano tali luoghi: il "nuovo" turismo, tuttavia, dovrebbe essere compatibile con quello che è stato ricostruito nell'ambiente e con la cultura che lo ha animato nel tempo.

La rivitalizzazione dei borghi, dunque, se gestita correttamente, può essere il volano per una nuova economia e terreno per la sperimentazione di soluzioni ecocompatibili.

occitan

Dins las Alps dal turinés, un di exèmples de borg abandonat e aüra redescubèrt es Borcet, un complèx de ruaas situaas dins la comuna de Rore, en val Cluson, que van dai 1300 ai 1800 mètres s.l.m. Lo territòri, da sempre un passatge vèrs la França, a viscut já da lhi ans ’30 un subit desvolopament industrial, embe l’installacion di opificis téxils en bassa valada, qu’an favorit l’emèrger d’una classa obriera e l’inevitable exòde des familhaa da l’auta valada, coma recòrda Renzo Ribetto (dont reportem l’entrevista), que a dedicat al vilatge son amor per l’escritura e la fotografia, embe qualquas publicacions e un baron d’images escataas en totas quatre las sasons; perqué, repet, la montanha chal la conóisser a tot reond, çò que s’es pas fach enti darries sessant’ans.

Renzo Ribetto es gardiaparc da esquasi 30 ans, trabalha al Parc dal Pò cuneés, mas viu ente es creissut, a Vilar Peirosa. Lo liam embe lo territòri, atestat da la lònja frequentacion des montanhas qu’environon sa maison, l’a menat a conóisser Borcet e a ne’n tombar amorós. Possat da l’idea d’una montanha diferenta d’aquela qu’avia derant el, facha facha de flux torístics liats al periòde uvernl e a l’esquí, es arribat ental valon ignar dal fach que lo nom se referisse pas a un abitat en particular, mas que comprenesse una seria de ruaas mesme dinstantas enre elas. Las maisons, per lo mai dubèrtas, l’an enchantat, estant qu’a lor dedins én pòl léser un’infinitat de causas: da la maestria de lo trabalh des peiras a la foncionalitat di espacis, mas tanben l’artisanat des aisina de la vita quotidiana, lhi confecionament di vestits, e puei las misinas e lhi liquors retrobats, demorats aquí dins lors vielhas botas de veire ente son estats laissats temp lhi a.

A dicha dal gardiaparc, Borcet resta un enchant que jamai se finirè de léser e decifrar, mas çò que restarè es lo degalhament subit da las maisons a causa dal vandalisme, enena violença après la colonizacion de la societat de massa que s’es empausaa despuei lhi ans ’50, qu’a esfaçat totalament un pòple e una cultura.

Après aver vist e reflechit a lòng a Borcet e sus Borcet, la rapiditat de la degradacion des maisons e lo rensalvatgiment di terrens qu’escorrion dessot si uelhs l’an portat a rasonar sus de possiblas solucions e intervents. Bèla se es pas dich qu’un vilatge deve per fòrça “salvar-se”, daus que pòl aver un percors de vita que poeticament lo pòrta a murir (já que las causas bèlas son pas infinias), se totun én vòl salvar qualquaren chal, suggerís l’entrevistat, un’escòla d’arquitectura locala ente se mostron las ancianas técnicas de construccion coma lhi murs a sec, lhi serraments, las serraduras e las balustraas, mas en intervenent dins un òptica modèrna embe de nòvas solucions que permeton de viure aisament, coma la coibentcion.

Lhi joves interessats an aqueste mestier polerion trabalhar bèla d’autre cant, puei que dotats d’un saber far precios e aplicable a de nombrós contèxts de montanha, aquilhi que vòlon se meirar amon trobarion un emplex sia ental champ de l’agricultura qu’en aquel dal torisme, puei que son sempre de mai las personas que vísiton aquilhi luecs: lo “novèl” torisme, totun, deuria èsser compatible embe aquel qu’es estat rebastit dins l’ambient e embe la cultura que l’a anmat dins lo temp.

La revitalizacion di borg, pr’aquò se gestia d’un biais corrèct, pòl èsser lo volan per una nòva economia e lo terren per l’experimentacion de solucions ecocompatiblas.