Enti in rete L.482/99   

Marmora

La Marmo

Marmora
italiano Marmora, posta in un vallone laterale della Val Maira a 1223 metri di altitudine, conta circa 90 abitanti ed è costituita da 17 borgate e frazioni, tra cui Brieis, Garino, Sagnarotonda, San Sebastiano, Serre, Tolosano, Torello, Vernetti. Il suo passato romano è confermato da due toponimi di borgata, Urzio e Arvaglia, che sembrano derivare rispettivamente da Ursus, orso e Arvales, i sacerdoti del culto della terra e della dea Cerere. Lo stesso toponimo Marmora potrebbe derivare dal latino marmor, con riferimento all’estrazione e lavorazione di marmo o semplicemente di pietre da costruzione. Testimonianza del periodo romano è visibile nella chiesa parrocchiale in un’arula votiva del I secolo d.C., riportante un’iscrizione dedicata alla Vittoria Alata, da ricondurre probabilmente ad una vittoria militare ottenuta in questa zona.
Marmora fu soggetta al marchesato di Busca e successivamente a quello di Saluzzo, pur godendo dell’autonomia dei comuni facenti parte della Confederazione dei dodici comuni dell’alta valle. Passò ai Savoia nel 1601: per il suo isolamento, non fu toccata dalle dottrine eretiche che si diffusero in valle nel XVII secolo. Anche a Marmora si verificò alla fine dell’Ottocento il fenomeno dell’emigrazione stagionale alla ricerca di nuove opportunità di lavoro: oggi le principali attività economiche sono l’agricoltura, l’allevamento e la trasformazione casearia, accanto all’attività turistica.
La Parrocchiale di San Massimo si trova a 1548 metri, nei pressi di borgata Superiore, in posizione isolata e dominante sull’intero vallone. Conserva un pregevole campanile gotico con finestre a monofora e bifora e affreschi medievali dei fratelli Biasacci. La Cappella di San Sebastiano si trova immersa nel verde lungo la mulattiera che porta a Torello. Conserva al suo interno un ciclo pittorico di metà Quattrocento di grande importanza, attribuito a Jean Baleison di Demonte. I temi principali sono le storie della nascita e dell’infanzia di Cristo e il martirio di San Sebastiano.
In borgata Superiore si trova la biblioteca più alta d’Europa: si tratta dell’immensa raccolta di libri di Padre Sergio, ottuagenario monaco benedettino milanese, che scelse di vivere a Marmora trentatre anni fa, raccogliendo quasi sessantamila volumi, principalmente di carattere saggistico e scientifico.

occitan La Marmo, ent’un valon de la Val Maira a 1223 metres d’autessa, fai 90 abitants e es formaa da 17 ruaas e fracions, coma Brieis, Garin, Sanharotonda, Sant Bastian, Serras, Trosan, Torel, Vernet. Son passat roman es confermat da dui topònims de ruaas, Uers e Arvalha, que semelhon derivar da Ursus, ors e Arvales, lhi ministres del cult de la terra e de la dea Cerere. Decò lo topònim La Marmo poleria venir dal latin marmor, per l’extraccion de marmo o peiras da construccion. Testimoniança romana es, en la gleisa parroquiala, un autar votiu del I secle d.C., abo una inscripcion dedicaa a la Victòria Alaa, benlèu per una victòria militara obtengua aicì.
La Marmo dependia dal marquesat de Busca e après da n’aquel de Saluces, bela si avia l’autonomia des comunas de la Confederacion des dotze comunas de l’auta val. Passa ai Savòia ental 1601: era talament isolaa que ven pas truchaa das doctrinas ereticas qu’arribon en valada ental XVII secle. Decò a La Marmo a la fin dell’Uech Cents la gent part a la recercha de trabalh: encuei las principalas activitats econòmicas son l’agricoltura, l’enlevament e la produccion de fromatges, dapè a l’activitat toristica.
La Parroquiala de Sant Maxim se tròba a 1548 metres, a la ruaa Sobeirana, isolaa e dominanta sal valon. Garda un bel cloquier gòtic emè monòforas e biforas e frescs medievals di fraires Biasacci. La Chapèla de Sant Bastian se tròba ental verd s’la mulatiera que pòrta a Torel. Dedins lhi a un cicle pintat de metat Quatre Cents de granda importança, de Jean Baleison de Demont. Lhi temas son las istòrias de la nativitat e enfança del Bambin e lo martiri de Sant Bastian.
En ruaa Sobeirana se tròba la biblioteca pus auta d’Europa: es la grandiosa racòlta de libres de Paire Sergio, monge benedetin milanés de 80 ans, que 33 ans fai a cernut de viure a La Marmo, cuelhent esquasi seissantamila volums, sustot de satgistica e sciéncia.