Enti in rete L.482/99   

Argentera

L'Argentiera

Argentera
italiano Ultimo comune della Valle Stura, al confine con la Francia, è posto a 1984 metri di altitudine e conta 70 abitanti, sparsi in più frazioni piuttosto lontane tra loro. Il suo ampio territorio è occupato da boschi di larici e pini, alti rilievi come l'Oserot, 2.860 m, l'Enchastraye , 2.955 m, e la Rocca dei Tre Vescovi, 2.867 m, e pascoli per ovini e bovini, il cui allevamento costituisce l’attività prevalente degli abitanti. Il toponimo suggerisce la presenza nell’antichità di miniere di piombo argentifero.
Citata come Argenteria in un documento dell’inizio del XIII secolo, fu sotto Oddone, primo conte di Savoia. Alla metà del Duecento passò nelle mani degli Angiò per oltre un secolo, quando tornò sotto il dominio sabaudo. Bersezio è la frazione più popolata, nonché sede comunale: sorge intorno al campanile romanico della parrocchiale di San Lorenzo, il cui priorato benedettino, fondato nel IX secolo dai monaci di San Teofredo, costituiva la prima grande tappa per i pellegrini in arrivo dalla Francia. La chiesa, sopraelevata nel XVIII secolo, è l’unica della valle ad aver mantenuto orientamento e struttura originari, e conserva sul fianco esterno una lastra marmorea romana con un bassorilievo che raffigura due guerrieri, forse Ercole, protettore dei viaggi, e Marte dio della guerra, assai venerato sulle Alpi. Di pregio anche gli strumenti liturgici: una crocetta romanica e una gotica, calici, ostensorio, reliquiario di S. Lorenzo, piatto, dinantario e turibolo dei secoli XV – XVI. Nel Medioevo erano documentati qui un ospedale per pellegrini, l'ospizio di Sant'Antonio eretto dagli Ospitalieri, il castello dei Cavalieri di San Giovanni ancora indicato su uno sperone a valle dell'abitato, e la chiesetta di Santa Maria Maddalena eretta dai monaci di San Dalmazzo, ora cappella della frazione Prinardo. A valle di Prinardo si trovano le rovine di Severagno e le case di Serre, mentre poco oltre sorge un insediamento di recente costruzione, Villaggio Primavera, presso cui fino ad alcuni anni fa era posta la dogana.
La più suggestiva delle frazioni è Ferrere o Ferriere, posta a 1900 m in un vallone laterale ed ora abitata solo d’estate: le sue abitazioni, alcune delle quali conservano i tetti in scandole di legno, sorgono intorno alla Parrocchiale di San Giacomo, eretta nel 1908 al posto di una documentata già nel Seicento, oggi crollata, e al campanile del 1827-28. A fianco della chiesa sorge La mizoun dal countrabandìer, casa - museo che testimonia la dura vita del contrabbandiere, figura molto diffusa nelle terre di confine.
Porta il nome del comune la frazione l’Argentera, che conta poche case raccolte intorno alla Parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo, eretta su una precedente nel 1545 e ricostruita nel 1770 con unica navata e altare laterale: qui si venerava – specie in caso di calamità - il “benedetto crocefisso" che fin dal Seicento attirò l'attenzione della popolazione perchè grondava sangue e rimaneva intatto alle distruzioni della Confraternita in cui era custodito. La fama del crocefisso si accrebbe quando venne presentato nel 1864 da Don Bosco nella breve biografia sul giovane salesiano di Argentera, Francesco Besucco.
Risalendo verso il lago e il Colle della Maddalena, confine di Stato a 1996 m, si incontrano gli impianti di risalita, attività su cui oggi si fonda l’economia locale invernale, e la borgata diroccata Grange, distrutta da un incendio nella Seconda Guerra Mondiale.
occitan Darriera comuna de la Val d’Estura, al confin emè la França, es a 1984 metres d’autessa e fai 70 abitants, sus de fracions pituèst da luenh entre lors. Son grand territòri es ocupat da bòscs de melzes e pins, auts rilieus coma l'Òserot, 2.860 m, l'Enchastralhe, 2.955 m, e la Ròca di Tres Evescos, 2.867 m, e pasturas per feas e vachas, vist que l’enlevament es l’activitat principala de lhi abitants. Lo topònim fai pensar a la presença ental passat de minièras de plomb argentifer.
Chamaa Argenteria ent’un document del principi del XIII secle, era sot Odon, premier comt de Savòia. A la metat del Dui cents passa sot lhi Anjau per mai d’un secle, quora torna sot lo domini sabaud. Bersés es la fracion mai popolaa, e cap luec: es baronaa a l’entorn del cloquier romanic de la parroquiala de Sant Lorenç, qu’avia un priorat benedetin, fondat ental IX secle dai monges de Sant Teofred, e era la premiera granda sosta per lhi pelerins qu’arribavon da la França. La glèisa, auçaa ental XVIII secle, es la soleta de la val a aver mantengut orientament e estructura originaris, e garda sal fianc de fòra una lastra romana en marmo emè un basrelièu de dui guerriers, benlèu Ercol, protector di viatges, e Mart diu de la guerra, ben venerat sus las Alps. Da notar decò lhi instruments liturgics: una crotz romanica e una gòtica, cales, ostensòri, reliquiari de S. Lorenç, plat, dinantari e turibol di secles XV – XVI. Ental period medieval eren documentats aquì un espidal per pelerins, l'ospici de Sant'Antòni fondat da lhi Ospitaliers, lo chastèl di Cavaliers de Sant Joan enca’ senhalat s’un bric sot lo vilatge, e la gleisèta de Santa Maria Madalena fondaa dai monges de Sant Dalmatz, eira chapèla de la fracion Prinard. Pus lens de Prinard se tròbon las roinas de Severanh e las maisons de Serre, e gaire après de construcions modèrnas, lo Vilatge Primavera, ente fin a lhi ans Novanta lhi avia la dogana.
La fracion emè mai de gaubi es Ferrieras, plaçaa a 1900 m ent’un valon lateral e eira abitaa mec d’istaa: sias maisons, quarqu’una emè lhi cubèrts a scandolas de bòsc, son estrechas a l’entorn de la Parroquiala de Sant Jaco, realizaa ental 1908 al pòst d’una documentaa jà ental Sieis Cents, encuei destrucha, e al cloquier del 1827-28. Dapè a la glèisa se tròba La mizoun dal countrabandìer, maison - musèu que testimònia la dura vita del contrabandier, figura ben comuna en las terras de confin.
Pòrta lo nom de la comuna la fracion de l’Argentiera, just quarque maison e la Parroquiala di Sants Peire e Paul, realizaa sus una precedenta ental 1545 e enca’ ental 1770 emè una navada soleta e autar lateral: aquì se venerava – sustot en cas de malaürs - lo “benedet crocifís" que jà ental Sieis Cents perdia sang e se salvava da las distrucions de la Confrairia ente era gardat. La nomèa del crocifís creis quora ven presentat ental 1864 da Don Bòsc en la biografia del jove salesian de l’Argentiera, Francesco Besucco.
Remontant vers lo lac e lo Còl d’la Madalena, confin d’Estat a 1996 m, se tròben lhi emplants d’esquì, activitat principala per l’economia locala d’uvern, e la ruaa derochaa de Granjas, destrucha da un encendi en la Seconda Guerra Mondiala.