Enti in rete L.482/99   

Ceresole Reale

Sérizòlës

Ceresole Reale
italiano

Ceresole Reale è un piccolo paese alpino di circa 170 abitanti situato nel limite estremo della Valle Orco, ai piedi del gruppo montuoso delle Levanne. Il comune si estende su un’ampia superficie (99,57 km²), in una fascia altimetrica che va dai circa 1500 m di quota dei primi insediamenti raggiunti dalla strada statale ai 3619 m della Levanna Centrale.
La maggior parte del territorio comunale è compresa nel Parco Nazionale del Gran Paradiso, primo parco nazionale d’Italia, istituito con Regio Decreto il 3 dicembre 1922, sebbene le sue origini debbano ricercarsi più indietro nel tempo. Già all’inizio dell’800, infatti, dinanzi alla necessità di proteggere lo stambecco dal rischio di estinzione ne fu proibita la caccia nel Regno di Sardegna e nel 1856 Vittorio Emanuele II dichiarò l’area Riserva Reale del Gran Paradiso. Ciò valse a Ceresole l’acquisizione nel 1862 del titolo di Reale, per aver ceduto al sovrano il diritto esclusivo di caccia sui camosci e sugli stambecchi. Infine, nel 1919 re Vittorio Emanuele III donò allo Stato i 21.000 ettari della Riserva affinché diventassero il nucleo di un parco nazionale.
L’abitato di Ceresole risale molto probabilmente all’età medievale; tuttavia le sue miniere di argento, rame, ferro e piombo venivano sfruttate già ai tempi dei Romani, i quali, secondo la leggenda locale, avrebbero impiegato per la loro coltivazione numerosi schiavi cristiani. Ne costituiscono una testimonianza le miniere d’argento della Galisia, funzionanti fino al ‘700, il cui toponimo, che dà il nome anche al valico di collegamento con la Val d’Isère (a quota 3002 m), deriverebbe dal latino Galliceum - Gallicea, la Gallia, intendendo dunque località che collegano o confinano con la vicina Gallia (Francia)1.
Un’antica iscrizione rinvenuta nel XVI secolo indicherebbe nella conca di Ceresole (oggi occupata dal bacino idrico della diga dell’AEM di Torino) la presenza di un lago, il cui argine inferiore sarebbe stato rotto da Marco Vispio Agrippa, per liberare la valletta dalle acque stagnanti. Il ritrovamento di strade lastricate sui versanti laterali avvalorerebbe l’ipotesi.
Il toponimo di Ceresole, attestato nelle carte medievali con Cirisolis, Cirixolis o Cerexolas, deriverebbe dall’etimo Ceresiolae ‘piccole ciliege’ e sarebbe connesso alla presenza di un bosco di ciliegi selvatici nel luogo in cui fu edificato l’insediamento2. L’ipotesi pare plausibile se si considera che in epoca medievale si verificò un innalzamento globale delle temperature.
Il paese è formato da una serie di caratteristiche borgate disposte su un dolce altipiano. Il paesaggio quasi sorprende il visitatore, giunto fino alla località Scalere percorrendo ripidi tornanti lungo la stretta gola solcata dal torrente Orco. Il toponimo Scalere è attestato già nel XIV secolo negli Statuti di Pont e Valli (come ad Scalerium) e indica un punto piuttosto pericoloso dell’antica mulattiera che saliva da Noasca (in corrispondenza della vecchia galleria stradale), caratterizzato da un passaggio scosceso a ridosso della cascata dell’Orco, reso più praticabile dalla presenza di scalinate in pietra, da cui trarrebbe origine il nome stesso3.
Tra le borgate principali di Ceresole ricordiamo Prese, in cui sorge lo storico Grand Hotel, Cortevecchio, Garsinés, Pian della Balma, Capoluogo, Borgiallo, con la graziosa cappella dedicata a San Rocco, Mua, Villa e Chiapili (di sotto e di sopra) che conduce verso il lago Serrù.
La presenza sul territorio della residenza reale e lo sviluppo di un turismo elitario durante la Belle Epoque hanno influenzato fin dalla seconda metà dell’800 la situazione linguistica di Ceresole, caratterizzata dal contatto stretto del ceresolino con il piemontese. Oggi il dialetto locale, pur conservando, nonostante l’adozione di tratti piemontesi, un carattere arcaizzante, è utilizzato da un gruppo sempre più ristretto di parlanti (perlopiù anziani), ciò a causa del massiccio esodo della popolazione verso il fondovalle (in particolare a Cuorgné e Valperga) e dell’uso preponderante dell’italiano in ambito famigliare, divenuto ormai la lingua materna delle nuove generazioni.

1Riferimenti in G. Bertotti, A. Paviolo, A. Rossebastiano, Le valli Orco e Soana. Note sui nomi delle località, torrenti e montagne delle Valli Orco e Soana e sul loro significato, Cuorgné, Edizioni CORSAC, 1994, p. 19.


2Riferimenti in Dizionario di toponomastica, cit., p. 192.


3Riferimenti in Le valli Orco e Soana, cit., p.29.

franco-provenzale

Sérizòlës ou i eust eun chit pais ëlpìn ëd chirca 170 abitant, cou ‘s treuvët eunt ‘oou limit éstrèm dla Val Orc, a li pìa doou group eud leu Lévanne. Lou coumun ou ocupet ‘na grosa aréa (99,57 km²), a n’aouteussi qu’è vait da chirca 1500 métër eud lë prume queu zla vìi doou quertoùn a li 3619 m dla Lévanna Chentral.
‘Na grosa part doou tèritori coumunal ès treuvet eunt ‘oou Parc Nësiounal doou Greun Përadis, prum parc nësiounal d’Italia, créà a to Regio Decreto lou 3 eud djëzèmbër doou 1922, anque sé eul souë ourigin ou vount più eun drè eunt ‘oou tèn. Gë a l’inisi dl’Eutsënt, di fati, eudvant a la nchèsità eud proutègi l’esteumbèc daou risquio d’ëstinsioùn è t’istaia prouibia la casa eunt ‘oou Renh eud Sardegna é eunt ‘oou 1856 Vittorio Emanuele II ou i eu diquiarà la dzona “Riserva Reale del Gran Paradiso”. Peur seun Sirizòlës è i eu vanhia lou titoul eud “Real” eunt ‘oou 1862, për avè dounà aou ré lou dirit ésclouziou eud casa su li chamous é ill’ëstembèc. Poi, eunt ‘oou 1919 lou ré Vittorio Emanuele III ou i eu dounà a l’Estat li 21.000 ettari dla Riserva për fane lou chéntro d’eun parc nësiounal.
La coustrusioùn doou pais eud Sirizòlës è i eust proubabilmeunt d’épouca médiéval, ma eul souë minèrë d’ërgeunt, d’aram, eud fèr é pioump ou vinivount sfruitaië gë a li tèn eud li Roumën, cou, sécoundou la counta loucal, ou drouvavount divèrsi squiaou cristiën. Ou sount ‘na téstimounieunsi eul minère d’ërgeunt dla Galizia, eun founsioùn fin aou ‘700, eundoua lou toponim, cou dounet lou noum aou valic eud coulégameunt a to la Val d’Isère (a n’aouteussi eud 3002 m.) ou dérivérit daou lëtìn Galliceum – Gallicea, la Gallia, cousidéreunli post cou coulégount o cou counfinount a to la vizina Gallia (Freunsi)(1).
N’ëntica iscrisioùn, trouvaia eunt ‘oou XVI sécoul, è indiquérit eunt la counca eud Sirizòlës (ëncui ocupàia daou basìn idric dla diga eud l’AEM eud Turìn) la prézénsi d’eun lac é lou soun argin ënfériour ou srit istà rout da Marco Vispio Agrippa, për libérà la val dar z’aivë stënhant. Lou ritrouvamënt eud vìi lëstricaië zli vérsant latéral ou dounet counférma eud l’ipotézi.
Lou toponim eud Sirizòlës, atéstà eunt eul cartë médiéval a to Cirisolis, Cirixolis o Cerexolas, ou dérivérit da l’etimo Ceresiolae “piccole ciliegie” é ou srit coulégà an bosc eud siriëzë sëlvage eunt ‘oou post eundoua è-avet l’insédiamënt(2). L’ipotesi è zmiet pousibila sé ès counsideret que eun épouca médiéval ou t’istà n’aoumeunt gloubal eud leu témpératurë.
Lou pais ou i eust fourmà da tènte caratéristiquë frësioùn cou s’ trëvount zbërjairië tou’d’euntoueurn. Lou paizajou è i eust ‘na sourprèiza peur lou vizitatoù, aruvà fin a la loucalità Scalér, paseunt peur eul rivë é eul gorgë soulcaië daou tourènt Orc. Lou toponim Scalér ou i eust gë atéstà eunt ‘oou XIV sécoul ënt li Statuti eud Pount é Val (coume ad Scalerium) për indicà eun pout péricoulous dla vieui mulatèri qu’è mountavet a Nouasca (a l’aoutëssi dla vieuìi guërrì stradal), quëratérizà da eun pasajou drèt vizin a la cascada eud l’Orc, réndù più sèmplichë da ‘na scalinada eun pèra qu’è i eu l’istès noum(3).
Tra eul frësioùn più eumpourtantë è-i-eu eud Ceresole ricourdèn Prézës eundoua ès treuvet lou storic Grand Hotel, Courtavës, Garsinës, Piën dla Balma, Gèzia, Bourjal, a to la bèla chapèla dédicaia a Seun Roc, Mué, Vilà e Chapil dzout e Chapil dzoure cou portet vèrs lou lac Sèrù.
La prézènsi soou téritori dla rézidënsi réal é l’ézvilup d’eun turizmo élitari eunt la Belle Epoque ou i ont eunfluì fin da la scounda métà eud l’800 su la sitouasioùn lingouistica eud Sirizòlës, quërëtérizaia daou strèt countat dla moda eud Sirizòlës avé lou piémoutèis. Euncui lou dialët loucal, anquë sé ou counsévet caratéristiquë ërcaiquë a to carque trat piémoutèis, ou i eust déscourù da eun group sémpër più quitì eud parlant (più eud tout eunsieun), sousì a caouza dlou massis ézodo dla popoulasioùn vèrs la basa val (eun përticoular a Cournhai é Valperga) é për l’utilis prévalënt dli’italiën eun famìi, vunù la lènga matèrna eud leu neuvë générasioùn.


1Riferimént eunt G. Bertotti, A. Paviolo, A. Rossebastiano, Le valli Orco e Soana. Note sui nomi delle località, torrenti e montagne delle Valli Orco e Soana e sul loro significato, Cuorgné, Edizioni CORSAC, 1994, p. 19.


2Riferimént eunt Dizionario di toponomastica, cit., p. 192.


3Riferimént eunt Le valli Orco e Soana, cit., p.29.