Enti in rete L.482/99   

Ormea

Olmea

Ormea
italiano Ormea, anticamente denominata Ulmeta per la presenza di un gran numero di olmi, fu originariamente abitata dai Liguri Vagienni e poi conquistata dai Romani. All'inizio del X secolo subì le incursioni dei Saraceni che costruirono la torre cilindrica che svetta a valle del paese e la grande grotta murata che spunta fra le rocce di Cantarana: il carnevale storico di Ormea ripropone j aboi, personaggi mascherati che fanno la questua, tradizione che richiama probabilmente i Mori.
Gran parte del comune, posto a 736 m di quota in alta Val Tanaro, parla il dialetto ormeasco, mentre la frazione di Viozene parla il brigasco, lingua influenzata dal ligure ma connotata anche da tratti di nizzardo e occitano.
I ruderi del Castello dalla collina di S. Mauro dominano il capoluogo; il maniero, sorto nel X secolo, fu ampliato e fortificato in fasi successive sino al 1625, e distrutto dai Francesi nel 1794. Il nucleo urbano originario insiste attorno alla principale Via Roma, dalla quale si snoda la rete dei vicoli, in dialetto trevi, che conservano edifici con antichi affreschi, fregi e portali.
La primitiva Chiesa Parrocchiale fu probabilmente eretta nel quarto secolo, e dedicata a San Martino; essa era retta dai monaci benedettini. Quella attuale risale al 1300 con campanile romanico del X secolo, all’interno del quale vi era l'antica porta di accesso alla città, composta da un arco a tutto sesto verso la città e uno a sesto acuto verso l’esterno. Internamente un affresco porta la data dell’11 novembre 1397 e rappresenta fatti della vita del Vescovo San Martino e il Cristo Pantocratore. Nei dintorni si possono ammirare la Cappella della Madonna degli Angeli dell’inizio del XIX sec, San Rocco del 1500, la Chiesa dei Battuti o dei Disciplinati Bianchi, la cui Compagnia aveva per scopo la partecipazione alle processioni e alle sepolture con il caratteristico abbigliamento costituito da una cappa bianca. La Chiesetta dell’Annunziata fu distrutta quasi completamente durante la dominazione francese, e poi restaurata nel 1798; sul colle di San Martino sorge la Cappella di San Mauro Abate, esistente già nel 1500, mentre la Cappella dell’Albareto, dedicata alla Natività di Maria Santissima, è chiamata pure "Madonna delle ciliegie". È quasi un piccolo Santuario legato ad un fatto prodigioso: l’8 settembre 1675 durante il canto del Gloria nella Messa, un ramo di ciliegio, davanti alla Chiesa, produsse un mazzetto di fiori e alcuni frutti.
Nel Medioevo Ormea fu eretta a Marchesato e nei secoli successivi, per merito del marchese Carlo Vincenzo Ferrero d’Ormea, si costruì un lanificio che poteva competere con le industrie inglesi, tanto che fu scelto come fornitore di stoffe rosse dell'esercito sabaudo. Nel 1804 Ormea venne insignita da Napoleone del titolo di città, ma con la campagna napoleonica la fabbrica e l'antico castello che domina il centro storico furono distrutti. Sul finire del 1800 Ormea conobbe un periodo di notevole sviluppo economico grazie al turismo internazionale, con la costruzione di numerose ville e del Grand Hotel, oggi sede della Scuola Forestale.
Attualmente Ormea conta 1750 abitanti e l'economia è basata sull’industria della carta e sull’imbottigliamento delle acque minerali, oltre che sul turismo.
occitan Olmea, anticament dicha Ulmeta per la presença de nombrós olms, era en origina abitaa dai Ligurs Vagiens e puèi conquistaa dai Romans. Al principi del X secle subís las invasions di Sarrasins que construisson la tor a val del país e la granda gròta muraa entre las ròchas de Cantarana: lo carnaval istòric de Ormea arpropon j aboi, personatges masquerats que fan la questua, tradicion qu’arsòna lhi Mòrs.
Granda part de la comuna, plaçaa a 736 m d’autessa en auta Val Tanar, parla lo dialèct ormeasc, mas la fracion de Viozenas parla lo brigasc, lenga influençaa dal ligur mas decò marcaa da traças de niçard e occitan.
Lhi rests del Chastèl da la colina de S. Maur contròlon lo cap luèc; construit ental X secle, ven engrandit e fortificat mai d’un bòt fins al 1625, e destrujut dai Francés ental 1794. Lo centre originari es a l’entorn de la principala Via Roma, d’ente parton lhi carrobis o quintanas, en dialèct trevi, emè palais da lhi antics frescs, decoracions e portals.
La primitiva Glèisa Parroquiala ven realizaa ental IV secle, e dediaa a Sant Martin; era resua dai monges benedetins. Aquela actuala remonta al 1300 emè lo cloquier romanic del X secle, dedins lo qual lhi avia l'antica pòrta d’intrada a la citat, formaa da un arc romanic vers la citat e un gòtic vers fòra. Dedins un fresc pòrta la data de l’11 de novembre del 1397 e rapresenta un moment de la vita de l’Evesco Sant Martin e lo Crist Pantocrator. A l’entorn se pòlon admirar la Chapèla d’la Madòna d’lhi Angels del principi del XIX sec, Sant Ròc del 1500, la Glèisa di Batuts o Disciplinats Blancs, qu’avia una Companhia que devia partecipar a las processions e sepolturas emè la vesta blancha. La gleisèta de l’Anonciaa es esquasi destrujua al temp de la dominacion francesa, e puèi restauraa ental 1798; sal còl de Sant Martin lhi a la Chapèla de Sant Maur Abat, del 1500; la Chapèla de l’Albaret, dediaa a la Nativitat de Maria Santissima, es chamaa decò "Madòna des ceriesas". Es esquasi un pichòt Santuari liat a un fach prodigiós: l’8 de setembre del 1675 chantant lo Gloria a la Messa, una rama de ceriesa, denant la Glèisa, auria produch de flors e de fruchs.
En etat medievala Olmea deven Marquesat e en lhi secles d’après, gracias al marqués Carlo Vincenzo Ferrero d’Olmea, nais un lanifici que fasia concorrença a las industrias anglesas, e ven cernut coma fornitor de draps ros de l'exercit sabaud. Ental 1804 Olmea ven nominaa citat da Napoleon, mas emè la campanha napoleònica la fabrica e l'antic chastèl venon destrujuts. A la fin del 1800 Olmea coneis un gran esvilup econòmic gracias al torisme internacional, emè la construcion de nombrós vilins e del Grand Hotel, qu’encuei òspita l’Escòla Forestala.
Olmea fai 1750 abitants e l'economia es basaa sus l’industria d’la carta, l’embotelhament des aigas mineralas, e sal torisme.