Enti in rete L.482/99   

Vaie (Vayes)

Vaie

Vaie (Vayes)
italiano

Vaie (o Vayes) è un piccolo paese della Bassa Valle di Susa che si sviluppa sulla destra orografica della Dora, protendendosi con le sue graziose borgate montane sul versante settentrionale della valle. Il comune conta poco più di 1400 abitanti e si estende su una superficie di 7 km², 5 dei quali occupati da un rigoglioso manto boschivo, custode delle terapeutiche acque sorgive, che nate sulla montagna, dalle sorgenti del Truc e del Penturetto, alimentano le 10 fontane comunali.
Abitato sin da epoche remote, come attesta il famoso “Riparo Rumiano” di località Baità, in cui è stata accertata la presenza umana dal Neolitico antico sino all’età del rame, Vayes potrebbe derivare il suo nome da vallis, *valleus, utilizzato in forme femminili plurali (forse in concordanza con terrae), sebbene le scarse citazioni documentarie («de Vaiie», anno 1207) non consentano indicazioni certe (1).
Particolarmente vocata alle attività estrattive, Vaie conserva ovunque memoria della lavorazione e dell’utilizzo millenario della pietra: la località Pradera, il cui nome già svela l’originaria destinazione del sito, lo stesso Riparo Rumiano, adibito a cava litica dall’epoca romana, le antiche cave dei Fratelli Pent, forse sfruttate già nel Rinascimento, il cui gneiss granitico fu impiegato in diversi edifici storici torinesi, e la suggestiva “Pietra delle macine”, testimonianza al tempo stesso di una civiltà rurale tradizionale e del prezioso lavoro degli scalpellini, impegnati a estrapolare dalla roccia le enormi macine destinate ai mulini locali.
Il borgo di Vayes sorge lungo l’antica Via Francigena e ancora oggi conserva l’originale impianto urbanistico caratterizzato dal susseguirsi di edifici addossati l’uno all’altro, intervallati da stretti vicoli che si snodano perpendicolari alla strada principale. A ridosso del nucleo centrale, domina, ergendosi su un poggio naturale, il santuario di San Pancrazio, già consacrato a Santa Margherita, cui è intitolata la nuova chiesa parrocchiale costruita nel 1840. Secondo la tradizione, l’edificio, forse risalente all’XI secolo, fu dedicato al martire nel 1878 a seguito di un voto pronunciato dalla popolazione sopravvissuta ad una devastante epidemia.
Il territorio montano di Vaie ospita le piccole borgate del Molé, del Folatone e della Mura, disposte lungo la cresta della dorsale che separa la Bassa Valle di Susa dall’Alta Val Sangone, a ridosso della caratteristica Roccia Corba, meta interessante per gli amanti dell’arrampicata.
La Mura appare sul crinale circondato da pascoli verdeggianti e ricche faggete, e si apre su un panorama che spazia su tutta la bassa valle. La tradizione vuole che proprio in questo luogo si dipartissero le Mura Longobarde erette al confine con il vicino Regno dei Franchi e che sempre in questa zona Carlo Magno avesse trovato un passaggio strategico per aggirare le difese nella Battaglia delle Chiuse del 773.
La posizione geografica del comune di Vayes, posto quasi all’imbocco della Bassa Valle di Susa e toccato dalle grandi vie di comunicazione, ha probabilmente inciso sulla situazione linguistica del paese, il quale ha accolto molto presto le innovazioni del piemontese provenienti dalla pianura, ciò a scapito della parlata locale, oggi usata solo in ambito famigliare dalla popolazione più anziana.
Nel dialetto vaiese parrebbero ravvisabili lievi somiglianze con la parlata del vicino comune di Coazze, posto al di là dello spartiacque valsusino: ciò potrebbe dipendere dal passato insediamento di diverse famiglie coazzesi nel territorio di Vayes, e sarebbe confermato dalla denominazione di alcune borgate, derivante dal cognome dei loro proprietari (Presa Picco, Presa Giaccone) e dalla diffusione in paese di cognomi tipicamente coazzesi (ad es. Tonda, Rege, Giacone, Rosa Brunet ecc.).


(1) Riferimenti in Dizionario di toponomastica, cit., p. 682.

franco-provenzale

Vaie i-t-in pechit paì de la Basa Val Suza bità su la dréita de la Douira, ma alòn vers lou versòn a mèzanouèit avéi se bèle bourjà mountane. Lou coumun ou l’at in poc plut de 1400 abitòn è se alargit sut’inna estensioun de 7 Kmq, 5 di cal occupà da de bousquinne in baroun éipèsse qui gardoun de eigue medicamentouze qui, neisoué su le mountanhe da le dus dou Truc è dou Pintourèt, alimentoun le dìe fountane coumunale.
Abità finca da epoque remote, coumme dit lou famous “Riparo Rumiano” de la loucalità Baità, andounque t’ità acchertà la prezensa umana da lou neolitic vièlh finca a l’età de l’aram Vaie pourit derivé soun nò da vallis, *valleus, anouvrà din le forme femminile au plural (forse councourdà avéi terrae), onca se le poque chitasioun di document («de Vaiie», an 1207) nou dounoun pa de sigure andicasioun (1).
Particularment adata per le atività d’estrasioun, Vaie l’at dapertot de testimounionse de la lavourasioun è de l’utilizasioun milenaria de la piera: lou post de Pradera, è soun nò jò ou dit l’ouriginaria destinasioun dou post, lou meimo Ripar Rumiano, qu’ou servat a inna cava da l’epoca romana, le vielhe cave di frari Pent, pout eise anouvrà jò din lou Rinashiment, è lou lour gneis granitic t’ità anouvrà per in baroun de coustrusioun storique turineize, è la bela “Piera de le pite”, testimounionsa a ou meimo ten d’inna chiviltà rurala tradisiounal è dou presious travalh de li picapere, qui pilhavoun da la rocha le gronte piere per li mulin dou post.
Lou paì de Vaie ou bità lou lounc de la vielha via franchigena è incò incouèi garde l‘impiont ouriginal ourbanistic caraterizà da la succhesioun de meizoun bità unna su l’ooutra, antervalà da de eitrat viol qui von perpendicoular a lou chumin princhipal.
Su lou noucleo chentral domine sut in pougeul natural, lou santouari de San Pancrasi, jò counsacrà a Santa Marguerita, è a lhei t’antitoulà la noueva ingleiza parouquiala feita din lou millevesentè caronta.
Secount la tradisioun, l’ingleiza forse de l’oundichesim secoul t’ità dedicà aou Martire din lou millevesentestontevet aprè in vout fèit da la popoulasioun soupravisouà a inna gronta epidemia.
Lou teritori mountano de Vaie ou l’at de pechite bourjà dou Moulè, dou Foulatoun e de la Mura, bità lounc la creta de la doursal qui partage la Basa Val Suza da l’Oouta Val Sangoun, tacà la carateristica Rocha Corba, post anteresont per seulli qui voloun rampiè.
La Mura se trove su lou crinal chircoundà da prà da largè, vert e da boc de fò, è se veit in bel panorama su totta la basa val. La tradisioun vout que propri isì partisoun le muralhe longobarde feite aou counfin avei lou renho di Franqui e que, sempre din sëtta zona, Carlo Magno l’avise trouvà in pasajo sprè per girè antorn a le difeize din la batalha de le Quiouze din lou sasentestontetrèi.
La pouzisioun geografica de Vaie bità cazi a l’imboc de la Basa Val Suza e touchà da gront chumin de coumunicasioun, l’at anchidù proubabilment su la sitouasioun de la lenga dou paì que l’at arbatà vutto le inouvasioun dou piemounteis arivà da la pianurra a la plasa de la maniera de parlè dou post, incouèi maque pì anouvrà an famelha da la popoulasioun pì vielha.
Din la lenga de Vaie ièt carcarèn que smilhe a la maniera de parlè de Couase bità aou de lai de le mountanhe dla Val de Suza: sen pourit derivè da de vielhe famelhe de Couase qui soun venouè a itè din lou teritori de Vaie e sarit counfermà da li nò de carca bourjà qui derivoun da lou counhom de li meitre (Presa Picco, Presa Giaccone) e da la difusioun din lou paì de counhom propri de Couase (ad ezempi Tonda, Rege, Giacone, Rosa Brunet ecc.).


(1)  Riferimént din Dizionario di toponomastica, cit., p. 682.