Enti in rete L.482/99   

Corio

Queuri

Corio
italiano

Nei documenti medievali si fa riferimento al Comune con il nome di "Corico" nel 1046, di "Coire" nel 1184 e solo nel 1279 compare Corio. Parrebbe perciò derivare o dal latino "corium", "coria", zolla, cotica di terreno, oppure da un nome di persona, si pensi che nel 1781 tra Nole e Grosso fu rinvenuta l'iscrizione funeraria "Bassi Cureonis Sexti f(ilii)", tomba di "Bassus Cureo", figlio di "Sextus", ciò attesta la presenza di una famiglia di ricchi proprietari, i "Curii" o "Corii" o "Cureones", con poderi a Corio, Balangero e San Francesco e che proprio a quelle zone hanno lasciato il nome.

Corio è uno dei paesi più antichi e grandi tra la Stura e il Canavese. Non è mai stata sede di qualche famiglia nobile. Dalla fine del XIV secolo fu un feudo dei Biandrate di San Giorgio, che avevano un amministratore a Rocca. Ancora nel 1824, volendo Piano Audi separarsi da Corio per divenire parrocchia autonoma, chiese ancora il permesso al conte Guido Biandrate. Corio poté crescere soprattutto nel XVIII secolo, tant'è vero che nel 1744-49 si costruì la nuova chiesa e nel 1777 si inaugurò il ponte sul Fandaglia per i collegamenti con Cirié e Torino, mentre prima era più agevole andare nel Canavese, a Cuorgné e Rivarolo.

franco-provenzale

(grafia BREL)

Eunt i documeunt mediévai, eun latin, deul 1046 l'è Corico, deul 1184 Coire, deul 1279 Corio. Adounc (aloura), o a-vèn dal latin "corium", "coria", "teuppà", mé ca-i-è Cour, Cuori, Coura eun Vénèto, o a-vèn da eun nom eud pérsouna romana. Tant-a-l'è vèir a i-avìan trouvà l'iscrisioùn funèraria "Bassi Cureonis Sexti f(ilii)", toumba eud Bassus Cureo fieul eud Sextus, adounc na famìa de Zgnour, i Curi o Corii o Cureones, o quèicouza parèi, ca-i-aviàn le casìne a Queuri, Bélandjêr e San Franseusc, e  ca-i-an lasà eul so nom a coule bourguê.

Queuri a-l'è un di pais pi vèi e pi greus eun tra Stura e eul Canavézan.A l'è mai stêt la sède eud quèi famìa nobil, eul so castèl eun réaltà a l'èra la rouca (a l'è pér soulì que eun bot i-dizìan la Rouca eud Queuri), ma pér soulì a s'è posoua avèir na tradichoun tchivica tan forta, fèta di tanti particoular è, eun tal pais, da na bourguèzia d'avouquèt, mèdic e préver eumpourtant eud-co a Turin.

Da la fin deul Terzeunt a l'èra eun fèoudo di count Biandrà eud San Djors, ca-i-aviàn n'aministratour a la Rouca.

Pensè meuc que euncour deul 1824, couan que coui deul Pian di Aoudi a vouyàn destacase da Queuri e far paroqquia a-i-an ancour tchamà i pérmès al count Guido Biandrà (le patente dla paroqquia neuva, la curia eud Turin a-i-à peu mandâ dleu stèmber deul 1829 al vicari dla Rouca). Queuri a-i-à posù creusser pi que d'aout dal Sètsènt, tant a l'è véir que dal 1744-49 as costruis la djèzia neuva e dal 1777 as-inaougura eul pount eud Fandàya pèr i coulègamènt coun Seriè e Turin, couan que invètche prima a l'èra pi fatchil eundàr eunt-eul Canavéis, a Courgnè e Rivareul.