Enti in rete L.482/99   

Monviso Re di Pietra - Poesie

Monviso

Vìsol - in grafia normalizzata

di Antonio bodrero

Monviso
italiano Per confortarci, Padre, per assolarci,
ci hai dato un padrino, uno specchio del sole,
specchio nuovo, sole antico,
grande ombra, scala bruna, ora freddo, ora caldo,
basso e salente in alto,
per portarci più alto, con l’animetta volare,
sulle canzoni volare, con le volate cantare;
ci hai creato i monti, monti di gioia: Mon-gioia!
Uno dei migliori è il Monviso, la nostra gioia più savia,
ammirare il bello tra i bagliori, il tempio contemplare.
Per ad-orarti dal Monviso ci hai fatto l’Autaret,
ti sei fatto dei grott-omini, svago di Musa, per giocare,
con lo stillicidio delle balme, affinché i tuoi figlioletti
di fate, di silvani potessero sognare
li hai fatti quando ai creato i ciciu del Villar.
Cosa c'è mai là sulla Costa? Quante ali, lunghe ali;
di ali d'angeli, o Costa, di ali lunghe ci delizi;
Cima dei Tre Prescelti, la Trinità ci dài,
Acquitrini di buon sangue e montagna di pace,
laghi di Lassù e di Laggiù, Piano di Fiorenza nostra,
sorella della toscana, il cielo, l'uccello vi bruca;
farfalle, falene ti sbatton le ciglia, pastore,
che lieto mungi,
per dirti con i colori: “Solo il cielo il tuo riparo,
il Monviso. A buona stella”.
Monviso, di tutte le cime sei il capo montone,
come di tutti i ruscelli la tua Durenza e il tuo Po.
Vanno col corteo notturno, piano, comodi,
lungo la Sea Bianca,
i tuoi morti, Monviso salente, tra valanga e slavina;
alla Messa dei contriti il Lugo, vecchio dio, canta,
gracchio dagli occhi d'oro che come canta incanta.
Qui la creazione nasconde i suoi tesori
e come è bella fuori, tanto è bella dentro:
Grotta del Rio Martino
con un Monaco nero di ferro, una Monaca bianca e d'oro;
li ha fatti con la sua pazienza, a lacrime di stillicidio,
le stalattiti sanguinanti il Creatore paziente:
per lui mille anni sono un piccolo istante;
Grotta di Rio Martino e Buco di Valenza
saranno la Provvidenza
quando l'Apocalisse ci priverà
della Terra più genuina, di fuori: verde, sole
e ciò che c'è di meglio;
ahi all'ora malora dei quattro cavalieri,
custodiscici, come hai fatto fino dai tempi remoti,
Padre, Monviso, perdona, allarga il tuo crivello.
La “Phalena Libatrix”, farfallina, affetto
delle nostre sante balme, ci salverà dai pianti,
ci insegni l’arcano delle parole degli Avi:
“Paralò”... ”sun abran...”
e “tia cimaretu cutimà?”. Vedrai
la gran chiave, non dell'oro, ma dell’arcano supremo:
la Grotta di Brinduira, donde, gran giorno finale
giorno beato, immortale resurrezionale,
usciranno Olivieri, Orlando, Rinaldo, Guerino
e Carlone l'imperatore, tutto il palagio paladino,
con te, Chiaffredo il nostro;
Santo, aiuta i corpi, le anime nostre e vostre.
occitan Per nos solatjar, Paire, per nos ensolelhar,
nos as donat un pairin, un miralh dau solelh,
miralh nòu, solelh vielh,
grand’ombra, eschala bruna, aüra freid, aüra chaud,
bas e montant en aut,
per nos portar mai aut, bo l’armeta volar
sus lhi chançons volar, bo lhi voladas chantar;
nos as creats li monts, monts de jòia: Mont-jòia!
Un di mielh es lo Vísol, nosta jòia mai cròia,
balar bèl en belièra, lo temple contemplar.
Per T’ad-orar dau Vísol nos as fach l’Autaret,
te sies fach de bar-òmes, l’a-Musa, per trelhar,
bo lhi estosins di barmas, per tant que tie filhets
di fadas, di servans poguessen pantalhar;
l’as fach quora as creat lhi chichos dau Vilar.
Cò lhi a-la ailai s’la Còsta? Que d’alas, lonjas alas; d’alas d’àngels, a Còsta, d’alas lonjas nos ar-gales;
cima di tres Chausits, la Ternitat nos das,
Sanhétas de bon sang e montanha de patz,
laus d’A-mont e d’A-val, Plan de Florença nosta,
sòrre de la toscana, lo cèl, l’aucèl vos brota;
parpalhons, parpalhòlas te parpelejon, pastre,
que gauchós fas tiá mosta,
per te dir a colors: “Mec lo cèl es ta sosta,
lo Vísol. A bon astre”.
Vísol, de tuchi lhi crests tu sies lo parò,
coma de tuchi lhi rials ta Durença e ton Pò.
Van bo lo cors, plan, d’aise, al long ta Sea Blancha
tie mòrts, Vísol montant,
tra chalancha e valancha;
a Messa di tabuis lo Lugo, vielh diu, chanta,
caucal di lugres d’òr que coma chanta enchanta.
Aicí la creacion estrema si tresòrs
e coma es jòlia fòra, tant es jòlia dedins:
Barma dar Beal Martin
bo un Monge nier de fèrre, na Monja blancha e d’òr;
lhi a fachs bo siá paciéncia, grimas d’estosins,
lhi estala-sanh sanhants lo Creator pacient:
per ele mila ans son un pichòt moment;
Barma dar Beal Martin e Pertuis de Valença
serèn la Providença
quora l’Apocalipse nos faserè estar sensa
la Tèrra mai genica, de fòra: vèrd, solelh
e aquò que lhi a de mielh;
ahi a l’ora mal’ora di quatre chivaliers,
garda-nos coma as fach findi di temps arríers,
Paire, Vísol, perdona, eslarja ton cernelh.
La “Phalaena Libàtrix”, parpalhòla, grinor
de nostas santas barmas, nos gandirè di plors,
nos mòstre lo mascunh di paraulas di Reires:
“Paralò”... “son abràn...”
e “tia chimaréto cotimà?”.
Vas a veire
la gran clau, pas de l’òr, dau mascunh sobeiran:
la Barma de Brindoira, donte, grand jorn final,
jorn beat, des-mortal e re-surreccional,
sortirèn Ulivier, Roland, Rinaud, Garin
e Charlon l’emperaire, tot palais paladin,
bo tu, Chafrè lo noste;
Sant, ajuda li còrps, lis armas nostas e vostas.?