Enti in rete L.482/99   

Giacomo Bellone: Poesias

Guaire

Gasolar

di Giacomo Bellone

Guaire
italiano Non ti sei mai alzato

con il cuore che canta,

come un cardellino in primavera

quando vuole accoppiarsi?

Con gli occhi che corrono

sull'arcobaleno dell'autunno

come uno scoiattolo sul suo castagno?

Con le corde

del violino che hai dentro

accordate con la tua gente,

accordate con il tuo paese?

Sei mai andato a letto

con quel nodo

che non va né su né giù

per quella povera cagna

del tuo paese?

Riversa, le gambe scosciate

per poter darsi tutta.

Con la voglia d'esser cattivo

e di scacciare a calci

i cuccioli più grassi

che succhiano le mammelle più turgide,

che mordono i capezzoli

ed i cuccioli più deboli?

Non ti sei mai alzato,

sei mai andato a letto

senza essere contento o cattivo?

Come fai a stare zitto,

a guaire con la coda bassa,

a non mostrare i denti?
occitan A t'ses mai levat

con lo còr qu'al chanta

'scó un cardelin de prima

quora al vòl coblar-se?

Con lhi uelhs que ilh corron

se l'archibiu de l'auton

'scó un assiròl sal siu castanhièr?

Con las còrdas

dal violin qu'as endins

encordat con la tua gent

encordat con lo tiu país?

Ses jamai anat a cojar-te
con aquel grop
qu'al vai nint ni amont ni aval
pr'aquela paura chana
dal tiu país?
Revèrsa, las piòtas shalaas

per poer donar-se tota.

Coun la vuelha d'èsser gram

e cairar a cauç

lhi canhòls pus gròs 

que teton las possas pus ambinaas,

que mòrdon lhi pipins

e lhi canhòls pus rascassons?

A t'ses jamai levat,

ses mai anat a cojar-te

sensa èsser content o gram?

'Scó fas a istar quiet,

a gasolar con la coa bassa,

a nint mostrar las dents?


Guaire

Gasolar

di Giacomo Bellone

Guaire
italiano Non ti sei mai alzato

con il cuore che canta,

come un cardellino in primavera

quando vuole accoppiarsi?

Con gli occhi che corrono

sull'arcobaleno dell'autunno

come uno scoiattolo sul suo castagno?

Con le corde

del violino che hai dentro

accordate con la tua gente,

accordate con il tuo paese?

Sei mai andato a letto

con quel nodo

che non va né su né giù

per quella povera cagna

del tuo paese?

Riversa, le gambe scosciate

per poter darsi tutta.

Con la voglia d'esser cattivo

e di scacciare a calci

i cuccioli più grassi

che succhiano le mammelle più turgide,

che mordono i capezzoli

ed i cuccioli più deboli?

Non ti sei mai alzato,

sei mai andato a letto

senza essere contento o cattivo?

Come fai a stare zitto,

a guaire con la coda bassa,

a non mostrare i denti?
occitan A t'ses mai levat

con lo còr qu'al chanta

'scó un cardelin de prima

quora al vòl coblar-se?

Con lhi uelhs que ilh corron

se l'archibiu de l'auton

'scó un assiròl sal siu castanhièr?

Con las còrdas

dal violin qu'as endins

encordat con la tua gent

encordat con lo tiu país?

Ses jamai anat a cojar-te
con aquel grop
qu'al vai nint ni amont ni aval
pr'aquela paura chana
dal tiu país?
Revèrsa, las piòtas shalaas

per poer donar-se tota.

Coun la vuelha d'èsser gram

e cairar a cauç

lhi canhòls pus gròs 

que teton las possas pus ambinaas,

que mòrdon lhi pipins

e lhi canhòls pus rascassons?

A t'ses jamai levat,

ses mai anat a cojar-te

sensa èsser content o gram?

'Scó fas a istar quiet,

a gasolar con la coa bassa,

a nint mostrar las dents?