Enti in rete L.482/99   

Edizione 2011

Aurélia Lassaque - Premio Lingua Occitana

Aurélia Lassaque - Premi Lenga Occitana

Aurélia Lassaque - Premio Lingua Occitana
italiano Nata a Sète nel 1983, Aurélia Lassaque è poetessa in lingua occitana e francese. Sensibile alla relazione tra poesia e arti plastiche, ha realizzato numerose collaborazioni artistiche: con il pittore e docente universitario americano Julie Baugnet ha partecipato a un’esposizione negli Stati Uniti nel 2009 e in Italia nel 2010.
Altre collaborazioni hanno coinvolto Adriana Civitarese, Jaumes Privat, Robert Lobet, Véronique Agostini.
Le sue opere sono tradotte in catalano, italiano, inglese, albanese e arabo e sono state pubblicate in diverse riviste specializate nonché in antologie.
A lei è stata conferita, nel 2010 la direzione artistica del Festival delle Letterature Minoritarie d’Europa e del Mediterraneo che si è tenuto
dal 20 al 23 maggio scorso, tra Teramo, Giulianova, Rosciano e Villa Badessa, sul tema “Arte del viaggio, arte dell’incontro”.
È inoltre responsabile, nel 2011, dell’esposizione “Dialoghi tra culture e lingue attraverso la coniugazione delle espressioni artistiche” al Consiglio d’Europa.
Attualmente sta preparando il dottorato sulla drammaturgia occitana barocca.
Tra le pubblicazioni Cinquena Sason (Letras d’oc, 2006), Ombras de Luna - Ombres de Lune (Éd. de la Margeride, 1ère éd. 2009, 2ème éd. 2010), E t’entornes pas - Et ne te retourne pas, (Éd. de la Margeride, 2010), Lo sòmi d’Euridícia - le rêve d’Eurydice, (éd. les Aresquiers, février 2011);
Solstici lo bram de Janus - Solstice, le brame de Janus (in uscita, per le Edizioni Jacques Brémond, nel prossimo autunno).


Nella sua veste notturna
Nella sua veste notturna
Il mare ha cucito
Un volto consumato
Una sirena curiosa
La vuole tutta per sé
E balla nell’onda soave
Con quella che il mare porta via
Nelle profondità del suo canto

Poesia composta per una tavola di Adriana Civitarese.

Il re di seta bionda


Ritto dentro l’erba selvatica
Inganna gli uccelli, si confida col vento.
Ha perso i propri occhi
Rubati al vestito di un soldato.
Son venuti tre giovani
E hanno buttato le sue trippe a terra
Per possedere una povera
Ragazza.
Perso il suo corpo di seta bionda,
Lo spaventapasseri
Fa dei sogni scapestrati
Che sviano gli uccelli.

Da Ombras de Luna - Ombres de Lune,
Edizioni La Margeride, 2009, 2010)
Traduzione di Claudio Salvagno

Una casa di pietra e delle tendine di lino colorate

Una casa di pietra e delle tendine di lino colorate
luce e polvere miste.
L’oceano, fino all’orizzonte, guarda dalla finestra.
Nella casa, una donna ancora vergine;
i suoi capelli di cenere che stuzzica il vento dell’alto mare danzano con la sera.
Sul tavolo, il suo vecchio corredo ben piegato,
attira il suo sguardo quando gli uccelli notturni
si mettono a cantare.

Dall’antologia “Voix Vives de méditerranée en méditerranée. Anthologie Sète 2010”, Editioni Encre et Lumière,
Cannes et Clairan, 2010.

Hai preso la strada del paese della notte.


Hai preso la strada del paese della notte.
Il suo deserto è di gelo
E le stelle si annoiano.
Apri le tue braccia e scava,
La polvere sarà il tuo pane,
Ti abbevereranno le nostre lacrime.
Va, va e non voltarti.
Se senti urlare la pietra,
È che ci s’incidono le lettere del tuo nome.

Pubblicata nel libro d’artista Edizioni de la Margeride,
dicembre 2010,
con un’opera originale di Robert Lobet

occitan Dins sa rauba de nuèch

Dins sa rauba de nuèch
La mar a cordurat
Una cara aconsumida
Una serena curiosa
La vòl per ela sola
E bala dins l’onda suauda
Amb aquela que la mar empòrta
Dins las prigondors de son cant.

Lo rei de seda saura

Engana l’aucelum e tuteja l’aura.
Quilhat dins l’èrba salvatja
A perdut sos uèlhs
Raubats a la vèsta d’un soldat.
Tres gojats son venguts
Qu’an escampat sas tripas pel sòl
Per i prene qualque dròlla mal pintrada.
Privat de son còs de seda saura,
L’espaurugal
Fa de sòmis descabestrats
Que desvarian los aucèls.

Un ostal de peira e de cortinas de lin coloradas

Un ostal de peira e de cortinas de lin coloradas
per la lutz e la posca mescladas.
La mar granda, fins a l’asuèlh, agacha per la fenèstra.
Dins l’ostal, una femna encara vierge;
sos pelses de cendre qu’atissa lo vent de la nauta
mar balan amb lo ser.
Sus la taula, son vièlh trocèl ben plegat, atrai son agach quand los aucèls de nuèch se meton a cantar.


As pres lo camin del país de nuèch.


As pres lo camin del país de nuèch.
Lo desèrt i es de gèl
E las estèlas se languisson.
Obris tos braces e cava,
La posca serà ton pan,
T’abeuraràn nòstras lagremas.
Vai, vai e t’entornes pas.
S’ausisses udolar la peira,
Es que s’i gravan las letras de ton nom.

Aurélia Lassaque - Premio Lingua Occitana

Aurélia Lassaque - Premi Lenga Occitana

Aurélia Lassaque - Premio Lingua Occitana
italiano Nata a Sète nel 1983, Aurélia Lassaque è poetessa in lingua occitana e francese. Sensibile alla relazione tra poesia e arti plastiche, ha realizzato numerose collaborazioni artistiche: con il pittore e docente universitario americano Julie Baugnet ha partecipato a un’esposizione negli Stati Uniti nel 2009 e in Italia nel 2010.
Altre collaborazioni hanno coinvolto Adriana Civitarese, Jaumes Privat, Robert Lobet, Véronique Agostini.
Le sue opere sono tradotte in catalano, italiano, inglese, albanese e arabo e sono state pubblicate in diverse riviste specializate nonché in antologie.
A lei è stata conferita, nel 2010 la direzione artistica del Festival delle Letterature Minoritarie d’Europa e del Mediterraneo che si è tenuto
dal 20 al 23 maggio scorso, tra Teramo, Giulianova, Rosciano e Villa Badessa, sul tema “Arte del viaggio, arte dell’incontro”.
È inoltre responsabile, nel 2011, dell’esposizione “Dialoghi tra culture e lingue attraverso la coniugazione delle espressioni artistiche” al Consiglio d’Europa.
Attualmente sta preparando il dottorato sulla drammaturgia occitana barocca.
Tra le pubblicazioni Cinquena Sason (Letras d’oc, 2006), Ombras de Luna - Ombres de Lune (Éd. de la Margeride, 1ère éd. 2009, 2ème éd. 2010), E t’entornes pas - Et ne te retourne pas, (Éd. de la Margeride, 2010), Lo sòmi d’Euridícia - le rêve d’Eurydice, (éd. les Aresquiers, février 2011);
Solstici lo bram de Janus - Solstice, le brame de Janus (in uscita, per le Edizioni Jacques Brémond, nel prossimo autunno).


Nella sua veste notturna
Nella sua veste notturna
Il mare ha cucito
Un volto consumato
Una sirena curiosa
La vuole tutta per sé
E balla nell’onda soave
Con quella che il mare porta via
Nelle profondità del suo canto

Poesia composta per una tavola di Adriana Civitarese.

Il re di seta bionda


Ritto dentro l’erba selvatica
Inganna gli uccelli, si confida col vento.
Ha perso i propri occhi
Rubati al vestito di un soldato.
Son venuti tre giovani
E hanno buttato le sue trippe a terra
Per possedere una povera
Ragazza.
Perso il suo corpo di seta bionda,
Lo spaventapasseri
Fa dei sogni scapestrati
Che sviano gli uccelli.

Da Ombras de Luna - Ombres de Lune,
Edizioni La Margeride, 2009, 2010)
Traduzione di Claudio Salvagno

Una casa di pietra e delle tendine di lino colorate

Una casa di pietra e delle tendine di lino colorate
luce e polvere miste.
L’oceano, fino all’orizzonte, guarda dalla finestra.
Nella casa, una donna ancora vergine;
i suoi capelli di cenere che stuzzica il vento dell’alto mare danzano con la sera.
Sul tavolo, il suo vecchio corredo ben piegato,
attira il suo sguardo quando gli uccelli notturni
si mettono a cantare.

Dall’antologia “Voix Vives de méditerranée en méditerranée. Anthologie Sète 2010”, Editioni Encre et Lumière,
Cannes et Clairan, 2010.

Hai preso la strada del paese della notte.


Hai preso la strada del paese della notte.
Il suo deserto è di gelo
E le stelle si annoiano.
Apri le tue braccia e scava,
La polvere sarà il tuo pane,
Ti abbevereranno le nostre lacrime.
Va, va e non voltarti.
Se senti urlare la pietra,
È che ci s’incidono le lettere del tuo nome.

Pubblicata nel libro d’artista Edizioni de la Margeride,
dicembre 2010,
con un’opera originale di Robert Lobet

occitan Dins sa rauba de nuèch

Dins sa rauba de nuèch
La mar a cordurat
Una cara aconsumida
Una serena curiosa
La vòl per ela sola
E bala dins l’onda suauda
Amb aquela que la mar empòrta
Dins las prigondors de son cant.

Lo rei de seda saura

Engana l’aucelum e tuteja l’aura.
Quilhat dins l’èrba salvatja
A perdut sos uèlhs
Raubats a la vèsta d’un soldat.
Tres gojats son venguts
Qu’an escampat sas tripas pel sòl
Per i prene qualque dròlla mal pintrada.
Privat de son còs de seda saura,
L’espaurugal
Fa de sòmis descabestrats
Que desvarian los aucèls.

Un ostal de peira e de cortinas de lin coloradas

Un ostal de peira e de cortinas de lin coloradas
per la lutz e la posca mescladas.
La mar granda, fins a l’asuèlh, agacha per la fenèstra.
Dins l’ostal, una femna encara vierge;
sos pelses de cendre qu’atissa lo vent de la nauta
mar balan amb lo ser.
Sus la taula, son vièlh trocèl ben plegat, atrai son agach quand los aucèls de nuèch se meton a cantar.


As pres lo camin del país de nuèch.


As pres lo camin del país de nuèch.
Lo desèrt i es de gèl
E las estèlas se languisson.
Obris tos braces e cava,
La posca serà ton pan,
T’abeuraràn nòstras lagremas.
Vai, vai e t’entornes pas.
S’ausisses udolar la peira,
Es que s’i gravan las letras de ton nom.