Dopo le precedenti puntate (Ruolo della donna nello spopolamento della montagna; la fatica di essere donna nella montagna del passato) apparse su Ousitanio Vivo nel giugno e nel dicembre 1990, affidiamo ora ai proverbi il compito di concludere il breve ciclo di articoli riguardanti la donna delle valli occitane nei tempi trascorsi. Sarà dunque la "saggezza popolare" a esprimersi per mettere a fuoco la figura delle nostre compagne sul cammino della vita e lo farà., purtroppo, concedendo loro ben poco come del resto era già avvenuto nella realtà della vita quotidiana di località delle valli d'Oc (Bellino, Boves, Briga, Canosio, Chianale, Elva, Fontane, Jouvenceaux, Monterosso Grana, Ostana, Preit Salbertrand nonchè nell' Ubaye e nella val Germanasca) che sí soffermano sui doveri, virtù e difetti delle donne, sulle loro caratteristiche fisiche e sulla loro difficile convivenza, affrontando pure l'argomento del matrimonio e, pudicamente del sesso. Sottolineando subito che "L'Ave Maria artira la brava fia", la massime dei nostri vecchi continuano ricordando "Le tre causas que devou marchà toujour e s'arestà jamai: las dent de na cavala, lous des di na frema e las labras dou preire", per cui, "La fiho sa doto i la pouorto a la pouncho di dé". "La donno vertuûzo i fai sun leit e poi se cugio", per chè "Fremo moudesto, famiho unesto". Ricordando giustamente che "La fremo lei lou coulme de la meizoun" si giunge ad una conclusione scontata: "La femna o qui fai o qui difai la misun" e si passa velocemente ad esaminare l'aspetto fisico di questo gentil sesso tanto bistrattato, con l'intelligente premessa che "La femo e la telo noun se chausis a la chandelo" per evitare spiacevoli sorprese. I gusti degli uomini, si sa, sono fini in fatto di donne e pertanto "Na bela mendìa tu'l mund la desira", mentre è noto a tutti che "La jalino nano es sempre poulo", ossia sempre graziosa e giovanile, e che "La lentìo sus la viondo de la fiho" non è antiestetica, anzi: "Sut a la lentìa y e la bela fia", ma attenzione a non dirlo all'interessata in quanto "Se na fremo es jolio dizeiou en bot; lou diaou i ou repetarè set bot". Piccoli difetti fisici sono comunque perdonabili per chi predica "Donno peluzo, donno vertuûzo" ma diventano enormi per chi tronca l'argomento con un perentorio "Fremo barbuò da luegn se saluò", e magari aggiunge "Se as na fremo abou la barbo, paure ome ten-te a la largo".

Se il seno della bella proprio non esiste ci si rassegna pensando che "San Giusep i a passà lou rabot", e si trova subito il tornaconto di fronte a tette piccole e appuntite in quanto "La dona cravina i e bouno d'lait" e ti compenserà a suo tempo. Le dolenti note arrivano con l'elenco dei difetti femminili e con la scarsa considerazione concessa alla donna dall'arguta "saggezza" popolare: "I fie; en caus ent'en bison i nun sort en baron" e non ne occorrono tante per trovarsi nei guai: infatti "Due femne e una garba fan in mercà" ed è normale, considerando che "La donno i ê mezzo morto ma la tengo i bugio sempre", specie al lavatoio dove "Aqueu frematun quand soun a la bugado lavoun lou linge sale e la reputaciun dou vesin".

Meno male che "Parola de donna e pet d'aze la vai pa eicutà" ma comunque "La tubo, i stoouzign dei cubert e na fremo qu'a sempre razoun, te fon sourtir de meizoun", e poi, attenzione!: "Tra la fia che subia e la galina che canta da gal cuta guent fai afidament. Lou chan dal maslier, la fiho de l'oste, la vacho dal moulinier, la mulo de grosso cuò, ten luegn da caso tuo". Tremende le femmine! "La donno ie cum uno jalino blancho; i a sempre mal a cual u a l'ancio" e "A femna, a crava, a galina, sun tre i bestie che la fan loc le voru", per cui "Femne, galine e oche, tenine poche" ricordando sempre che "Na bono mulo, na bono chabro, na bono fremo, sun tres marios bestios" e che "Ren de pu mal eizà que de menà puerc e frema", specialmente nel "An bizest; i fumne e i crave l'egn la pest". Capre, galline e donne: creature difficili!: "Na chabro per palouc, na jalino per jouc, na fremo per meizoun"; e mettiamoci pure il prete:"Le fumne una per ca, le crave una per paroc e y preev un per chuquìe". Comunque è certo che "Se i e na fumna en ca a travaia; se i n'a due fegn pi vare; se i n'a tre fegn pi gnente". Guai a mettere tre donne assieme! "Doues fremes fon na fiero, se la na tres lei jo guero" e non parliamo di nuora e suocera! "La maire e la filho la böven lu vin bun e la pauro noro i ciuccio l'eitupun", e questo perchè "La midono es ricordo mai qui es etco està noro", per cui "I mare madone istu ben ent'i cadre e i nore ent'i nithe". Povera nuora' Sovente è stato suo padre a sceglierle lo sposo: infatti "Na belo vacho lou vezin la stacho; na belo fiho lou vezin la piho", anche perchè "Miei laissar lou fourmage de far que la fiho da marihar", e "Melh envezar uno tummo ch'uno filho". Le ragazze da marito tendono a sposarsi in pianura: "Fie ju e vache su", e il paragone con la mucca si ripete ancora e molto a proposito: "La vacho repetùo e la filho troumpà se voule vite le marià char cambiale de valà".

Difatti nessuno vuole "Spouzar vacho e vel" (ragazza incinta di una altro), anzi, è bene osservare la buona regola "Fai lou pon oubé la farino de toun moulin; bastis la meizoun oubé les peires de toun quiapier e pren fremo dedin toun cartier", e prima "Ento lei pensar set vê d'nant d'se mariar", perchè intanto "Chi se mariò fai ben; chi se mariò pa fai melh", evitando così "Mariage, meinà, merdo, mizerio".

E poi, a parte tutto "Per cugnusse Nena venta mangiò la sal ensema" e a Bellino precisano pure la quantità "Set rup de sal" pari a Kg. nove circa. Cose lunghe e risultato incerto: "A meisun, pas la lei a pa cant la gialino cianto e lu gial se deu chezar"; "La tubo e la fremo marrìo, de caso l'ome fan anar vìo". "Espouzo banha, espouzo benurà", ma stia attenta perchè "Lous eifan d'-Marafose qui lou fai s'lou crose", e non potrà affidarlo ai nonni! Forse è un bene perchè "La buno maire fai la buno fitho", pur se corre un rischio assai comune: "Ton que la meinà tenun la gounelo i trobun la maire belo ma cont i portun lu jupun i la butun ai cantun".

Anche in montagna, anche nel passato, la donna è fonte di desiderio, di passione e di... fastidi amorosi per il focoso ma inesperto galante, convinto che "La pa d'are de pu bel que lou masqui e lou fumel" e che "Tiro pi en peal de blundo che l'eitaccio d'uno vaccio". La "caccia" non è tanto facile, purtroppo in quanto "A la filha d'la buna meizoun la ciamizo passo lu cutilhun", e... con tutti questi abiti lunghi... Meglio ricordarsi che "Souven la fremo que ausso lou coude ausso etco lou coutin", per la gioia del maschietto già "iniziato".

Altrimenti niente paura! "Les eizines mouostroun", basta addoperarle per il verso giusto e poi... via deciso, tanto "Arbou drech e fremo de piat rezoun n'estat". Però... C'è sempre un però: "Gardasse de pest, fam e gueró e dei pertuis que guincho la tero", e poi "Qui azou touca e dona altrui s'amena, al è mai trancouil e sensa pena", senza contare che "Da mariar le pa bien e marià le pa rien". Resta comunque una grande confortante speranza perchè "Se lou Bon Dioou perdouno pa lou pechà de la braio, ei pol empir lou paradis de paio".