Finché le borgate di Oncino sono state abitate, le famiglie hanno mantenuto viva l'usanza di recarsi dopo cena, con il lantërnin in mano, nelle stalle dei vicini per la vëlhà. La consueta riunione serale era un'usanza assai consolidata che coinvolgeva grandi e piccini e che si svolgeva in prevalenza durante la lunga stagione invernale. Per partecipare alla vëlhà non erano necessari inviti formali poiché tutti potevano liberamente accedervi. Con una semplice spinta a l'us dë la vòuuto si entrava nel luogo deputato ad ospitare l'incontro serale e come consuetudine si domandava: "Sòou dzò apré?". I giovani, invece, mentre camminavano per giungere alla stalla dove si svolgeva la vëlhà, erano soliti utsà in modo tale da farsi riconoscere già a distanza.

 

   Utsarian, anaian da la fënestro e bramaian: "O bioundo nou dounaou ën pòou dë tsàout, prountaou la bantso?" O sënò, qui quë arubavën ën paou pu tart i lhi bramavën: "Dzouvëntù dë lei brae rousse ënt avè pourtà lou fën pourtà lei trousse", e lhi durbìën pa.(Mattio Ignazio Sarét)

 

   La stalla rappresentava il luogo degli incontri, una sorta di moderno salotto nel quale si ritrovavano bambini, giovani, adulti e anziani. Era il locale più caldo di tutta la casa, grazie alla presenza di quelle due o tre mucche che ogni famiglia possedeva.

 

   Anaian vëlhà d'uvèrn ënt lei vòoute, parlaian, tanti viadze tsantarian doue tsançoun, countiarian dë storie vièlhe. Lei fëmne filavën lou rouét, faxìën tsàouçe, courpét. Manho Rozo dal Count faxìo mudande, lei mudande i soun pei mal fa sabè, pa toutte lei fëmne érën bone a fale.(Mattio Enrico Boudiri)

 

   D 'uvern vënaian vëlhà achì da vouziaouti ënt la vòouto dë Bigat, érian tuts ënsëmmo, dzouve e vìëlh. Dzuarian a lei carte, tsantarian, lei fëmne i filavën bë la roucco òou bë lou rouét. Lhi tìe i vënìën dëcò aval vëlhà a Ruét, cant lh'éro tanto néou palharian, ma leisarian pa sërà la vio, bë la palo, un per familho (Allisio Vincenzo Pessi-Marianno)

 

   In alcune borgate, prima della consueta veglia, tutta la famiglia si radunava, sempre nella stalla, per recitare lou bën.

 

   Tu lhi séro dran dë vëlhà dixëriàn lou bën, lou rouzari; toutto la bourdzà, onhidun ënt sei vòoute. Érou dzò grant, avìou dzò catorxë ann e tanti viadze ën dzanoulhoun a tacà a la bantso. (Reinaudo Giuseppe Viddoue)

 

   Quanti si ritrovavano nella stalla formavano una specie di semicerchio con ëscanh e bantse disposti di fronte al palhoun, intorno alla vacillante fiamma del lumme appeso alla volta o as una trave della stalla. In tempi più remoti e anche durante l'ultimo periodo bellico, lou lumme veniva portato a turno dai partecipanti alla veglia al fine di risparmiare petrolio e ripartirne il costo su più famiglie.

   Questi incontri tra vicini erano occasione non solo di svago e socializzazione, ma rappresentavano anche il momento ideale durante il quale uomini e donne potevano svolgere alcuni lavori tradizionali.

 

   Anavën fa lei vëlhà bë lou lumme e dei fëmne i tricoutavën tsaouçe, scapin, courpét, ënt l 'ëstabi. Ciascun countiavo sa storio e i countiavën dë lei masque, i nou faxìën a poou, o i dzuavën a lei carte. Ënt l'ëstabi l'ero tsaout, së stsaoudaian, përqué anaian durmi a lei laouze, l'ero freit.(Mattio Domenica Pergrò)

 

   I preparativi per la veglia consistevano nel passare la ramaçço dë beoulo per terra e nello spargere un po' di bium, prelevato dalla quërpio, per rendere più asciutto il pavimento.

 

   D'uvern faxëriàn lei vëlhà: achì a Santalart anaian bo paou aval da Toni, isù a la Mèiro anaian vëlhà da Chens e dë viadze co bë lhi Bigat, e i së pourtavën apré lou rouét.(Aimar Adriana Jouloumin)

 

   I lavori femminili più ricorrenti erano filà la lano, fa tsaouço, couze, ricamà, fel lei frëndze a lhi suaman, mentre quelli maschili prevedevano la fabbricazione di oggetti e attrezzi come cabaççe, cavanh, crubél, rastél, pertie dal dalh, o altro ancora.

 

   Anarian vëlhà tuts ënsëmmou, ën viadze ënt ën post e ën viadze ënt l'aoute. Anërian da quële dë Bias, adzuarian a trëntun. Alouro ma mare filavo la roucco, bou lhi fu. Mi e Gin Jan Tonni soun anà a Oustano fase fa lou rouét, lh'avìou dounà millo lire; icì nh 'éro pa dëgun quë lhi faxìën. (Odetto Rosa Pessi)

 

   C'era poi chi si dava da fare a sbucciare castagne o patate per il pranzo del giorno dopo. Si sfruttava insomma, il lungo periodo invernale che iniziava ad ottobre o novembre e si inoltrava fino a marzo quando secondo il proverbio, "la nounçià maço la vëlhà".

   Durante la serata non proprio tutti si dedicavano al lavoro, poiché naturalmente c'era anche chi se ne stava sdraiato sul palhoun sonnecchiando o prendendo parte alle interminabili conversazioni. I discorsi vertevano su svariati argomenti: le avventure giovanili dei più anziani, i racconti di masque e di fantine, gli affari del comune e del paese, le circostanze drammatiche e disastrose prodotte da incidenti in montagna e numerosi altri avvenimenti.

 

   D'uvern ënt ëstabi i countiavën dë lei fantine; cant lh'anavën vio, un a dì: "O belle, abbassate il capo e lasciate il ponte fatto".(Reinaudo Giuseppe Mér)

 

   Tutti partecipavano alla conversazione e quando si parlava di qualche aneddoto curioso ed interessante, nessuno fiatava. Alcuni racconti evocavano elementi magici, misteriosi e sconosciuti: i bambini erano letteralmente catturati da queste narrazioni che avevano soprattutto il potere d'incutere grande timore come si evince dalla testimonianza che segue.

 

   Lhi vìëlh i countiavën tante storie, i faxìën pòou a lei meinà, i countiavën lei storie dë lei masque e nou avian pòou e la m 'é rëstà, mi dë nuëts ai pòou a salhì. I nou countiavën quë al tal posti viìën dëscouatà meizoun ou viìën ën char.

   Bias lou pare dë Claro, countiavo sëmpe, sai pa së l'é vé ma lou a sëmpe countià, quë al l'éro ën pasturo al Pra dë l'Aze. Lh 'éro la nebbio baso e Bias à vist salhì no testo e doue man quë boujavën, carcozo coumà së la foù meç om e meç béstio, al l'à agù pòou e al l'à di "Euiro, a dilhi aval a Mario dë la Béstio quë ai pòou, quë lh'à cochì, i më crée pa". A louro a lh 'à di parélh: "Oh Marìo vënè amoun quë ai no vatsso ëncasà, vëneme dzuà a tiralo foro". E al s 'é scapà aval e lh'aouti soun anà amoun, ma lh 'an papù vist nën. Ma ou à sëmpe countià qu'al l'à vist cochì.

 

   Numerosi e ricorrenti sono i racconti leggendari e fantastici: alcuni dei "fatti" contenuti nelle narrazioni, hanno addirittura battezzato luoghi, rocce e prati, concorrendo in questo modo alla creazione di un toponimo. A tal proposito riportiamo di seguito la leggenda di Pariçio e quella del Përtù dë Mëni, raccontateci alcuni anni or sono da Pin Jouloumin (Aimar Giuseppe).

 

  L'é lou çinc dë dzënìe, l'é pa festo e lei fëmne filavën fin a mexonuëts e da mexonuëts avanti s'anavo dzò ënt al siës e l'éro dzò l'Epifanio. E cant l 'é festo la së douvìo travalhà. Lei fëmne filavën ëncà e Pariçio é rubà e lh'ì vëngùle dzuà e lh'à di: "Sa, alé, anën avanti tan quë nhà, filën, pé faxën leisìo". Elouro quë lei filhe achì lh 'an dzò tacà a strënnhe e i soun anà outo da la nounno për dilhi coumà é capità, parélh e parélh. La nounno éro dzò couidzà e lh'à di: "Leisalo bën filà e cant i vol fa la leisio dounalhi du cavanh e mandalo për aigo, parélh ilh nh 'à për tré oure; pé vouziaoute vënòou toutte couidzà, ou scaraboulhà bën e ou couidzà a la bëscabè, meççe a la testo e meççe ai pè, parélh Pariçio vën içai e ou counoi papu". Lh'an dounà lhi du cavanh, l'aouto é nà outo për aigo ma l'aigo tënìo pa ënt i cavanh. Lh 'ì stà no pèçço achouto al gourc,  pé lh'ì vënguo içai ënrabià e lh'à dì: "Rengraçio Idiou chì t'à moustà ën bën, së no lou pi pëchit touquét l'éro qu'él dë l'ounjo". I voulìo tsaputale!

 

   Questa leggenda provocava condizionamenti tali che, per non incorrere nelle conseguenze in essa citate, la gente interrompeva addirittura i lavori che stava svolgendo; era sufficiente un minimo rumore:"Ënsavounavou, ai sëntì ën roumour, magari lei vatsse, ai leisà tout achì e siou name couidzà, siou garì scapà''

 

   Sempre in riferimento a Pariçio, c'era fino a cinquant'anni fa anche la seguente usanza: la vigilia dell'Epifania, con una dzerbo di paglia, si formava una specie di pupazzo e si girava per la borgata. Il gruppo di giovani, giunto davanti alla stalla dei vicini apriva la porta e gettava all'interno la dzerbo, cercando di colpire e spegnere il lume. Nel frattempo veniva pronunciata la frase "Pariçio, Pariçioun, së vos pa creiri té chì toun tsamboun". E poi si fuggiva, possibilmente senza farsi riconoscere.

 

   Lou Përtù dë Méni

   Ënlouro lh'éro dë pëcitte meitarìe. Qu'ël moussi achì, Méni, i soun vëngulou coumpanhà fin achì al pont e lhi sìe lh'an di coumà i diën tuts: "Gardaou pei bën" e l'aoute lh'à rëspoundù: "Lou diaou më pourtërè pa vio!". E Méni à virà amoun a Tsabriero, pé à virà amoun a Briquét Ardì e ar l 'é anà feinì ënt al Përtu; dë séro ar I 'é papù vëngù aval. E da quël fattou achi l'é rëstà lou Përtù dë Meni.

   Lh 'avìën dëcò butà tré tsat: achì, a la Gardëtto e a le Stsalàntse, tré tsat b'ën fioc al col për counoisëlhi e stie tsat içì devën ese nà finì tei tré al pont d'Ounçin, salhì dë stes përtù.

 

Racconti e leggende dunque, che producevano attimi di vera e propria suspence, ma le veglie erano soprattutto momenti all'insegna dell'allegria durante i quali era consuetudine ballare od intonare vecchie canzoni, talmente belle e suggestive da costringere i più anziani a rimanere alzati fino a tardi per ascoltarle.

 

   Pin dal Magou al sounavo l'armoniec e lh'éro Ché dë le Ramà quë sounavo lou clarin. A la Gaido së balavo dëcò, sëmpe ënt no vòouto. Ën viadze i balavën co la giggo, la balavou bë Martin dë Dzourdan, la balarian bën nouziaouti du. Nh 'éro pa gairi bon a balà la giggo.

   Ën viadze sën rubà a meizoun dë matin e lh'éro moun pare, ar l'à dì: "Lei filhe soun dzò lëvà". Alouro avën pré lou dalh së lei spalle: avìou papù son! (Aimar Maria Patrissi)

 

   Gli informatori descrivono le veglie come se le avessero vissute da pochi giorni: ricordano con esattezza numerosi particolari relativi a fatti, persone e luoghi.

 

   Cant i vënìën vëlhà .filavou pa, faxìou tsaouçe për fame veiri qu'érou vërtiouzo. Qui dal Sère i pasavën da Magaloun e içai për travé, i vënìën bën isù: Pin dë la Béstio, Simoun. Ma dë viadze, qui dal Sere e qui dë lei Caouçiniére lhi leisërian pa ëntrà, lhi faxërian moutto. I vëniën co dal Biatouné, lh'éro dë filhe. Dal Pasquìe lh'éro Simoun Mounetti quë vënìo sëmpe vëlhà a Narlonc. Cant érian tanti anërian ënt l'ëstabi dë Martinot, érian dë baroun. Anaian vëlhà dapërtout, a Santalart, al Ruét, co a la Çiteito, a Co di Drai e a Boudouiri , ënt la meizoun dal Rou.(Aimar Maria Patrissi)

 

   Anche il corteggiamento avveniva nella stalla in quanto i giovani ovviamente approfittavano di queste occasioni d'incontro, all'insegna del buon umore e della più schietta allegria. Il rito del corteggiamento non era così semplice ed immediato come spesso accade ai giorni nostri, ma prevedeva un rituale ben consolidato e noto a tutti. O bioundo, prountàou la bantso? Era questa solitamente la domanda rivolta alla ragazza già precedentemente adocchiata verso la quale il giovanotto manifestava il proprio interesse. Se la risposta era affermativa, il ragazzo poteva andare con due o tre amici a vëlhà a casa di quella ragazza per fa l'amour.

 

   Ma mare i lou à sëmpe dì: ën viadze lhi filh i pasavën no peçço aprun dapè dë la filho, ën dërdé un e ën dërdé l'aoute. Ma sore Luizo lhi filh i vënìën ëncà 'dmandalo, sënò i leisavën pa anà a balà.

   Moun pare al voulìo pa quë anëssën balà bë lei scarpe përqué lei dësfaçërian, tsarìo anà bë lei çoqque. Lei scarpe i lei pëndìën, i lei tënìën dacount.(Aimar Maria Patrissi)

 

   Partaian da lei Meizounëtte anaian balà al Sere, dapè dë la geizo. Mi al Sere e ai Caouç couneisiou tuts. D 'eiçì ilai lhi butaian pa gairi, ën courënt. Erou anà coumpanhà ën viadze Delino dal Mel e i m'an pré a peire bele qui më couinëisìën bën; vai sabé, lh'érën dzëlou. Sën nà daouti viadze fa l'amour a Olgo mi e Pin Boetto.

   Bele anà a lei Bigorie pasaian outo a Chò Murét, Boudouiri e Barmo Freido outo ënt al bost, anà salhì a la meiro dal Gouvern, Bounét e la Gaido. (Mattio Sebastiano Sarét)

 

   Normalmente, durante questo tipo di veglie fra innamorati, erano presenti anche gli adulti i quali però stavano un po' discosti, anche se l'occhio vigile delle madri non perdeva un attimo di vista i comportamenti dei giovanotti e dell'intera combriccola. I ragazzi si comportavano generalmente da gentiluomini nutrendo il più alto rispetto per il gentil sesso.

 

   Dran dal '36 anaian da In 'd Carle: i filavo o i faxìo sëmpe tsaouçe a l'ëscur bë lou lumin. Lh 'anavën sëmpe du o tre ënsëmmou, da soul lhi primi viadze i s 'ëncalavën pa. Pe lh 'éro sëmpe la mare o la nounno. (Peirasso Giovanni Battista Tano)

   Nassiou al vënìo troubame ënt l'ëstabi, al mindzavo çino garì e ma mare dixìo. "Ar l' éle mai içì?"

(Ebacolo Adelina Bacou)

 

   I ragazzi di Oncino, dalla popolazione di Ostana, erano soprannominati Chòiou, così come gli ostanesi erano soprannominati Rabbe o Rabiçço dalla popolazione di Oncino. A volte i ragazzi di Oncino, mentre erano di passaggio dal Sarét a San Jacou (località da cui è ben visibile Ostana), urlavano ad alta voce rivolti verso Ostana "O rabiçço, bë lei rabbe avè fai la guiëzo e bë lhi pënà avè fai lou chouquìe", per scherzare su questo loro soprannome. I chòiou, mentre si avvicinavano all'abitazione delle ragazze, venivano individuati prima ancora di essere visti, come risulta da questa testimonianza.

 

   Lhi Chòiou lhi sëntìën rubà, i parlavën fort e pre i picavën a la porto. Lhi lirou ënveche i parlavën da la fënestro: "Fiëtte, ne 'dnaou ën po' 'd caout". E nous lh'avìën aniro, pouìën pa soupourtalhi. lh 'éro ma mamo o ma manho i dixìën: "Së lhi dis dë no a na quisti lh' intro pé papui dëgun daouti". Alouro isalhi vënì: lh 'intravën tuch a mouroubouchoun ilai ënt al cantoun, sëmëlho quë lh' avìën pòou. Pé ënsëmmou lhi vënìo dëcò da quilhi dë Sant'Antoni o lhi Chòiou. E lhi lirou lh'ëstavën na péço pé cont lh' intravën qui d'Ounçin i s' ën anavën. Nous parlavën sëmpe a nosto modo.(Lombardo Emma Guiàoudou 'd Tot)

 

   Quando il gruppetto di giovani decideva di recarsi a trovare le ragazze di qualche altra borgata, anche distante, s'incamminava con qualunque condizione atmosferica, non erano certo l'aria fredda o la neve a scoraggiare l'iniziativa. Del resto, il cuore ardente ed i vent'anni invitavano a mettere gli sci ai piedi (sci naturalmente realizzati in proprio con legno di frassino) ed a percorrere chilometri e chilometri per raggiungere la casa in cui abitava la bioundo del proprio cuore.

 

   Anavou al Pasquìe, a Oustano da Toni dal Messou, dal Moulinie, a Miribrart. Anavou amoun al Sarét, San Jacou, Poilo e pe moun. Mi, Pin Bacou, Sesc dal Count, Cesare dal Guì, Ricou'd Lamban: pasaian a San Jacou bë la néou e pe vënaian içai a catr oure dë matin, sëcount; e pé, si të leisavën durmì, sënò anavës travalhà. (Boetto Giacomo Poulìt)

 

   A volte, anche se di rado, poteva succedere che le ragazze i faxìën moutto (cfr. nota 48), perché riconoscendo dal rumore i soggetti interessati alla veglia, non avevano piacere quella sera della loro presenza, quindi i baldi giovanotti riprendevano la strada del ritorno o ritentavano la fortuna bussando ad un'altra stalla.

 

   Anarian tuts ënsëmmou a vëlhà ënsëmmou, bë la néou l'ero ëncà pu bel. Dar Ruét i vëniën içai, anarian da Armando e Francou ai Caouç, da Pin dë Toni a Santalart, a la Ruero. Bë Jacou dë la Vinho, faxërian lou vir dë la vio, dëmandërian Pierin dë Mëlin a la Ruà, pré anërian aval. Lh 'ero Fredou dë la Vinho, Biazin e Jacou dë Pergro, dzuarian a lei carte.

   Ën séro, dal mëntre quë spetërian Pierin a la Ruà, lhi mounto pòou pa no maquino? Jacou më fai: "Voulòou quë mi ou faxe fërmà la maquino?". Al s 'é couidzà ënt al mé dë la vio. Érlo pa lhi carabinié! Alouro i l'an bën pëntsënà, përqué lh'an vist qu 'al s 'é tapà ënt la vio. Al l'à mai pi fai!

(Allisio Giuseppe Pessi)

 

Testimonianze:

Nassiou 'd Saret (Mattio Ignazio n.1931): reg. Oncino ottobre 2003

Ricou 'd Boudouiri (Mattio Enrico n.1917-2003): reg. Revello 2001

Chens 'd Pessi (Allisio Vincenzo, 1917-2001): reg. Revello novembre 2000

Pin dë lei Viddoue (Reinaudo Giuseppe n.1917): reg. Oncino luglio 2002

Mëquin Pergrò (Mattio Domenica n. 1913): reg. Oncino agosto 2002

Driano 'd Jouloumin (Aimar Adriana n.1931): reg.Oncino anni 2001, 2002, 2003

Rozo 'd Pessi (Odetto Rosa 1910-2002): reg. Oncino giugno 2001

Pin dal Mér (Reinaudo Giuseppe, 1922 - 2003): reg. Oncino luglio 2002

Pin Jouloumìn (Aimar Giuseppe 1925-2000): reg. Oncino dicembre 1998

Iouccho 'd Patrissi (Aimar Maria n.1928): reg. Oncino anni 2002 - 2003

Cianou 'd Saret (Mattio Sebastiano n.1925): reg. Oncino luglio 2003

Batisto 'd Tano (Peirasso Giovanni Battista n.1920): reg. Oncino giugno 2001

Delino 'd Bacou (Ebacolo Adelina n.1934): reg. aprile 2003 e ottobre 2003

Emma  'd Guiàoudou 'd Tot (Lombardo Emma n.1936): reg Oncino ottobre 2000

Jacou 'd Poulit (Boetto Giacomo n, 1933): reg. Oncino agosto 2001

Fredou 'd Pessi (Allisio Giuseppe n.1940): reg.Oncino anni 2000, 2001, 2002, 2003