Tresòr de lenga:100 paraulas    Tresòr de lenga - corpus testuale

Lou rigoulet 'mbè lou balet. Donses dei Chasteldelfin

Lou rigoulet 'mbé lou balet

Tipologia file: testo Oc/francese/ita
Tipologia testo: saggio-musica
Grafia testo Oc: Escolo dóu Po
Data Pubblicazione: 1985 (I edizione: 1979)
Fonte: MO, p.16-19
Autore:
-del testo Oc: Gianpiero Boschero
Luogo:
-di provenienza dell'autore del testo oc: Frassino
Valle: Varaita


L'on chantà P'Antoni (n. 1915) e Ieto (n. 1921) dal Séndic dal Serre de Bertine. Registrasioun ouriginalo de Bousquìer facho din l'oste de Bertine din 'es vacònses de Dinial dei 1971. - 1'57" -
Doues diaménges dron lou mariage se balo aquesto donso. 'S màires de li jouve chòntoun la chansoun. L'espous coumenso a balar embé l'espouzo e i bàloun tout lou temp de la chansoun, a pu pres coumo se la fouzes na Courento. Apres, souvent, tuche i àoutre jouve, na coubio pre bot, lou bàloun decò.
Conte la chansoun lou dì, lou garsoun à lou drech de bizar la mendìo, me aquesto isì po refuzar. Se ganho lou garsoun, i fon duéi bot lou Balet, sou nou i lou fon mac en bot.
Aquesto chansoun es mac chantà e pa sounà, bele couro i aves aquì en vioulounàire ou 'n sounadour d'armoni. Es na muzico dei '600 ou dei '700, qu'i marcho sueli e 'mbé n'aluro encharmà su n'estendùo de notes raro din 'es nòstes muziques. Lou temp es en 2/4.
Lou Balet es fach a la chantarelo. Noste mounde s'aronjo ent'aquesto maniero per puéise balar decò conte i à pa 'n sounadour. Souvent i à de pichòtes chansouns per ajuar a se navizar de la muzico. Lou temp d'aqueste Balet es en 2/4, per s'acoumpanhar 'mbé lou temp dei Rigoulet.
Vequì 's paròles de la chansoun, escrìches decò en tenont ben dament a 's paròles de barbo Pierre lou Joli de I Arbouin e de dondo Talino de Toumeloto de la Toureto:

Qui marierons-nous ?
C'est pour le jeu d'amour
Mon bon Mansione ce sera vons
C'est pour le jeu d'amour.

J'aimerai qui m'aime m'aime
J'aimerai qui m'aimera.

Qui li donnerions-nous?
Mademoiselle ce sera vous

Amants embrassez-vous
Embrassez-vous encore encore

Amants saluez-vous
Saluez-vous encore encore

Amants baisez-vous
Baisez-vous encore encore

Amants retirez-vous
Retirez-vous à vôtre tour

 


Cantori: Giuseppe Antonio Bernardi (n.1915) e Maria Bernardi in Clary (n.1921) di "Serre de Bertine". Registrazione originale di Boschero effettuata nell'osteria di "Bertine" durante le vacanze natalizie del 1971. - 1'57"-
Questa danza si balla nella penultima domenica che precede il matrimonio. Le madri dei giovani cantano la canzone. Lo sposo inizia a ballare con la sposa: assieme ballano per tutto il tempo della canzone, all'incirca come se si tratta se di una "Courento". Poi, sovente, tutti gli altri giovani una coppia alla volta, eseguono la danza.
Quando i versi della canzone lo dicono, il ragazzo ha il diritto di baciare la ragazza, ma quest'ultima può rifiutarsi. Se vince il ragazzo, fanno due volte il "Balet", altrimenti lo fanno una volta sola.
Questa canzone viene soltanto cantata e non suonata, a anche quando fosse presente un violinista o un fisarmonicista. Si tratta di una musica del '600-'700, elegante e scorrevole, che raggiunge un'estensione inusitata per le nostre musiche. Il tempo è binario.
Il "Balet" è eseguito con la sola voce. La nostra gente utilizza questo modo di fare musica per poter ballare anche quando manchi un suonatore. Sovente vi sono canzoncine che aiutano a ricordare la melodia. Il tempo di questo "Balet" è in 2/4, per uniformità con il tempo del "Rigoulet".
Ecco le parole della canzone, che sono state scritte tenendo nel dovuto conto le versioni di Pietro Bernard di "Arbouin" e di Caterina Philip in Pejracchia di "Toureto":

Chi sposeremo ?
E' per il gioco d'amore
Mio buon Signore sarete voi
E' per il gioco d'amore.

Amerò chi mi ama mi ama
Amerò chi mi amerà.

Chi gli daremo?
Signorina sarete voi.

Amanti abbracciatevi
Abbracciatevi ancora ancora

Amanti salutatevi
Salutatevi ancora ancora

Amanti baciatevi
Baciatevi ancora ancora

Amanti ritiratevi
Ritiratevi a vostra volta