Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Ugo Flavio Piton - Poesie

Vecchia casetta

Vellho meisoun

poesia di Ugo Flavio Piton

Vecchia casetta
italiano

Casa, mia piccola casa

Del bene te ne voglio tanto,

Per angusta e vecchia che tu sia,

Tu sei tutto il bene dell'animo mio!

Il fuoco che, ben vivo, scoppietta

Mi tiene calda, affettuosa compagnia;

Il fragrante profumo della polenta

Lo spirito ed il ventre contenta!

Malgrado d’anni tu n’abbia tanti,

Mia piccola, vecchia e cara casa,

Tu sei la più bella cosa che ci sia

Quando il mantello della notte copre le rocce!

occitan

Meizoun, ma picitto meizoun

de ben te nen velh un baroun,

per arduto e vellho que tu sìa

tu sìa tout lou ben de l'amo mìo!

Lou fùoc que, ben viou, eiclopetìo

me ten chaudo, afetouzo coumpanhìo;

lou fla que sent boun de la poulento

l'esprit e lou ventre acountento!


Malgré que d' ân tu n'aie un baroun,

ma picitto, vellho e caro meizoun,

tu sìa la pi bèllo chozo que li sìe

cant lou mantèl d'la nöit cröb lî rocìe!


Vecchia casetta

Vellho meisoun

poesia di Ugo Flavio Piton

Vecchia casetta
italiano

Casa, mia piccola casa

Del bene te ne voglio tanto,

Per angusta e vecchia che tu sia,

Tu sei tutto il bene dell'animo mio!

Il fuoco che, ben vivo, scoppietta

Mi tiene calda, affettuosa compagnia;

Il fragrante profumo della polenta

Lo spirito ed il ventre contenta!

Malgrado d’anni tu n’abbia tanti,

Mia piccola, vecchia e cara casa,

Tu sei la più bella cosa che ci sia

Quando il mantello della notte copre le rocce!

occitan

Meizoun, ma picitto meizoun

de ben te nen velh un baroun,

per arduto e vellho que tu sìa

tu sìa tout lou ben de l'amo mìo!

Lou fùoc que, ben viou, eiclopetìo

me ten chaudo, afetouzo coumpanhìo;

lou fla que sent boun de la poulento

l'esprit e lou ventre acountento!


Malgré que d' ân tu n'aie un baroun,

ma picitto, vellho e caro meizoun,

tu sìa la pi bèllo chozo que li sìe

cant lou mantèl d'la nöit cröb lî rocìe!