Portal d’Occitània    Letteratura occitana

invia mail   print document in pdf format

Ugo Flavio Piton - Poesie

La culla

Lou cros

poesia di Ugo Flavio Piton

La culla
italiano

Mi domando.. quando sono nato?

Ma... veramente, non l'ho mai saputo!

So, di sicuro, che di me

tutti, da piccono, si son srvitii!

Sono fatto con cinque tavole,

inchidate insieme, come un cassetto,

quasi, come l'ultimo cappotto

ma senza coperchio e senza chiodi!

Quando, da un solaio,

dopo un lungo riposo,

ritorno giù in cucina

e riprendo le mie funzioni...

da addosso scappano, in fretta, le tarme,

la polvere sparisce con le mani di mamma,

nelle mie braccia, sempre ben accoglienti,

lei mi posa un bell'angelo innocente!

Io, vecchio tanto come matusalemme,

apro ben larghe le mie braccia

e, sentendo chi riposa su di me,

ritorno giovane e ritorno vivo!

occitan

Me demandou.... cant siouqu'ie naisù?

Ma... verament, z' èic zamé sabù!

Sabbou, de segur, que de mì

tutti, da meinâ, î se soun servì!


Siouc fait bou sinc o sei pot,

enchouâ ensemp, coumà un casiot

cazi, coumàlou derìe paltò,

ma senso courbesèl e senso chò!


Cant, da su lou planc,

apre' un lounc arpaus,

tournou pâ din meizoun

e aprennou mâ founsioun...


da sû mi escappan, vitte, lâ chamma,

la pousièro sparî bou lâ man de mamma,

dint mî bras, toujourn ben aculhent,

î me pauzo un bèl ange inousent!


Mi siouc velh coumà tabas,

öbbrou ben larc mî bras

e, sentent qui arpauzo sû mì,

tujourn jouve e tournou ardì!


La culla

Lou cros

poesia di Ugo Flavio Piton

La culla
italiano

Mi domando.. quando sono nato?

Ma... veramente, non l'ho mai saputo!

So, di sicuro, che di me

tutti, da piccono, si son srvitii!

Sono fatto con cinque tavole,

inchidate insieme, come un cassetto,

quasi, come l'ultimo cappotto

ma senza coperchio e senza chiodi!

Quando, da un solaio,

dopo un lungo riposo,

ritorno giù in cucina

e riprendo le mie funzioni...

da addosso scappano, in fretta, le tarme,

la polvere sparisce con le mani di mamma,

nelle mie braccia, sempre ben accoglienti,

lei mi posa un bell'angelo innocente!

Io, vecchio tanto come matusalemme,

apro ben larghe le mie braccia

e, sentendo chi riposa su di me,

ritorno giovane e ritorno vivo!

occitan

Me demandou.... cant siouqu'ie naisù?

Ma... verament, z' èic zamé sabù!

Sabbou, de segur, que de mì

tutti, da meinâ, î se soun servì!


Siouc fait bou sinc o sei pot,

enchouâ ensemp, coumà un casiot

cazi, coumàlou derìe paltò,

ma senso courbesèl e senso chò!


Cant, da su lou planc,

apre' un lounc arpaus,

tournou pâ din meizoun

e aprennou mâ founsioun...


da sû mi escappan, vitte, lâ chamma,

la pousièro sparî bou lâ man de mamma,

dint mî bras, toujourn ben aculhent,

î me pauzo un bèl ange inousent!


Mi siouc velh coumà tabas,

öbbrou ben larc mî bras

e, sentent qui arpauzo sû mì,

tujourn jouve e tournou ardì!