Enti in rete L.482/99   

Mantici in Festa - Omaggio a Notou Sounadour

Notou Sounadour

Notou Sounadour (grafia Escolo dóu Po)

Testo e musica di Silvio Peron

Notou Sounadour
italiano

Non ho fatto scuole alte, chissà se esistevano già,

la scuola di vita ha fatto da lumino a cervello e percorsi,

eravamo nidiate di bocche affamate sparse per le borgate.

Quarantanove mesi da soldato, io sono tornato,

tanti a terra sono rimasti; fatti disumani, notte al posto del mattino,

vite sprecate, in pasto a menti zeppe di pensieri raccapriccianti.

Sempre roso dalla curiosità, una bella fisarmonica ho smontato,

un mondo ho trovato: ance e chiodini per orecchie e dita fini,

diapason per il “LA”, acciaio da intonare, per un suono incantevole.

La musica fa il pieno all’anima, che soddisfazione pensare alle mie fisarmoniche

sparse a suonare al di là del confine e per le nostre feste nelle frazioni,

estati addobbate da cappelle illuminate e porte infiorate.

occitan

È pa fèt 'scole aoute, quisà se ezistìën jà,

l'ëscola 'd vita à fèt ben da lumnin a sërvel e camin,

i érën a nièe 'd bouque afamèe p'r i teit 'spantièe.

Caranteneuou mès da souldà, mi soun tournà,

tanti 'n tèra soun istà; fait caìn, neut aou post dou matin,

vite ësguerèe, ën past a mënt bourèe d'ësjaiant pënsée.

Sëmpe rouzià d'la curiouzità, 'n bel armoni è dësblà,

n mount è truvà: vous e brouquin p'r ourìe e dè fin,

diapazon p'r ou “LA”, asel da ëntounâ, p'r 'n soun da 'ncantâ.

La mùzica fa ou pien a l'ànima, que argal pënsâ ai mè armoni

'spantià a sounâ d'là dou counfin e për i neusti fëstìn,

istà ëmbardèe da capele ënluminèe e porte fiouragèe.


Notou Sounadour

Notou Sounadour (grafia Escolo dóu Po)

Testo e musica di Silvio Peron

Notou Sounadour
italiano

Non ho fatto scuole alte, chissà se esistevano già,

la scuola di vita ha fatto da lumino a cervello e percorsi,

eravamo nidiate di bocche affamate sparse per le borgate.

Quarantanove mesi da soldato, io sono tornato,

tanti a terra sono rimasti; fatti disumani, notte al posto del mattino,

vite sprecate, in pasto a menti zeppe di pensieri raccapriccianti.

Sempre roso dalla curiosità, una bella fisarmonica ho smontato,

un mondo ho trovato: ance e chiodini per orecchie e dita fini,

diapason per il “LA”, acciaio da intonare, per un suono incantevole.

La musica fa il pieno all’anima, che soddisfazione pensare alle mie fisarmoniche

sparse a suonare al di là del confine e per le nostre feste nelle frazioni,

estati addobbate da cappelle illuminate e porte infiorate.

occitan

È pa fèt 'scole aoute, quisà se ezistìën jà,

l'ëscola 'd vita à fèt ben da lumnin a sërvel e camin,

i érën a nièe 'd bouque afamèe p'r i teit 'spantièe.

Caranteneuou mès da souldà, mi soun tournà,

tanti 'n tèra soun istà; fait caìn, neut aou post dou matin,

vite ësguerèe, ën past a mënt bourèe d'ësjaiant pënsée.

Sëmpe rouzià d'la curiouzità, 'n bel armoni è dësblà,

n mount è truvà: vous e brouquin p'r ourìe e dè fin,

diapazon p'r ou “LA”, asel da ëntounâ, p'r 'n soun da 'ncantâ.

La mùzica fa ou pien a l'ànima, que argal pënsâ ai mè armoni

'spantià a sounâ d'là dou counfin e për i neusti fëstìn,

istà ëmbardèe da capele ënluminèe e porte fiouragèe.