Enti in rete L.482/99   

Una fiaba per la montagna

Lo cinghial dla mahca

Il cinghiale della strega

Tipologia file: testo FRP/ITA

Tipologia testo: fiaba

Grafia testo frp: personale

Fonte: Una fiaba per la montagna

Data Pubblicazione: 2008

Autore: Ivan Bianco Levrin

Luogo di provenienza dell’autore del testo frp: Ronco Canavese

franco-provenzale

Ivan Bianco Levrin (Ronco Canavese – Torino)

1° Classificato Premio Provincia di Torino

En tel mèh dla val verdà o eret prariond con tòt atòr de bosson pieun de ghie. La mahca Comba voleit lo pra tòt per sé, e se o ruavet carcun i aveit troua mé fare per mandalo via: mé i òm i ant en cin da goardia, chii i aveit en cinghial chi aveit fait ruar da la piana.

Lo cinghial Fiairòggni o se demandavet paré per via del gram fia che la mahca i aveit giuntà a la behti, fait con en pacioc d'erbe magiche. Dareui co pisìvet Fiairòggni o rehtavet en gram fia, ma en fia paré fòrt che pi gnun i poseit avizinasse.

Na matin de primà dui gioni ciamòss en te son virier tuti li cianton i sont rua o prariond belle che conteunt de tanta erba fio­rìa. Li ciamòss me tuti i sant per sia naturi i mingiont l'erba e i se genont gneunt dli cinghial chi mingiont le réis e la fruti, ma can­che Fiairòggni o set avizinà i sont ciampì pì che en pressia.

"Ahtu sentì che gram fia co'at?" o dit lo prim ciamoss.

"Si, aht ampossibil rehtar, gei mai sentì na fiairòggni parè!" o li rahpond lo second. Loteun da bucasse en te iuei e li dui i san tomont su pli bric a ciambe levaie.

Da sia barma la mahca Comba i riivét a boccì largi:

"Bravo Fiairòggni, bin fàit!"

Carchi teun apré en fioler che o alavet per bolè o veit pra­riond e o deciddet da meinar su sie feie. Con en haoheut o slar­ge lo pasaggio a mèh dli bosson, entant che son cin o puhteit le feie da derer, fina a verle tute en sel prariond.

Ma da sia barma la mahca Comba i véit le féie e i bràiet a Fiairòggni:

"Tarèl den behtion, dunete n'andi a mandar via he bestie leui ba, se te ve gneunt che te traseui en tel bui pieun se savon!" ; nò, proppi nò! Al behtion mahché a pensar da doei lavasse o li venivet da piorar! E aleuira con na corsa o roet al pra­riond entant chelo cin o se nan taiet e o se buttet a baolar.

A sentìer logram fia e lo fòrt baolar del cin, le feie hpaven­taie i se trant da tute le bande, e lo fioler o at son da fare a por­tale via dal pra pla medemma vì da dareui chi eront rua. Mahchè lo cin o hercavet da tenier lògn Fiairòggni e puhtilo en ten cian­ton, ma lo cinghial aleret paré fòrt che gnanca die cin i posònt fermalo. Lo cin del fioler o reuseit a salvasse pasando deint a en béiro sòt a na palèvra, en béiro co surtive da n'aotò cianton, e FiairOòggni aoe so trait a n'aria tòt a tòr al trò grò per pasar. Ròs da la rabbi lo cinghial doant da retornar a la barma o pisset en tel béiro, creiando che lo cin o fusset encò dedint.

La vòrp i reussivet gneunt a farsene na razon.

La tana ruinai, teppè da tuti li cianton, ma pi che tòt en fia si gram e si fòrt da gneunt posei intrar.

"Fiairòggni, ecco n'aota dle sie!" i braiie la vòrp, "ma ‘htiàg­giò n'ei preui!"

L'indeman la vòrp i demande le ghie, li tarpon e i'ahcorbah de prariond, per ahpiegali sia idea.

"Vozaotri" i dit a i'ahcorbah, "iedde da alar pe i'ort dla val e portar su de pevroncin fort e de caròte. Le ghie i'ant da ruzaier le caròte da na banda per farli en béiro e butali dedint de pevron­cin e apré li tarpon i pòrtont le caròte da sot tèrra, en mòdda chi sembiònt chersue ichì."

"E aprè?" o demandet en tarpon.

E la vòrp i li rahpont:

"A Fiairòggni i li piant le caròte, hpereun co nan mingeit cheteunte, li pevroncin i duiront fare son efét!"

Lo giòr aprè Fiairòggni alerèt en treun da fare son sòlit gir, canche o veit en tel prariond le caròte. Guiard me en meinà lo cinghial, per fare pì en pressia encò, o fait che mingile seunsa mahcile fina a sentier la panhi pieina. Ma me la vòrp i aveit pensà li pevròncin fort i tardont gneunt a fare son efét.

Carche menutte apré al behtion lo derer o li bruzivet paré fòrt che o creivet da verra le fiamme, e o se buttet a fure dehpe­rà, fure, fure...

I l’an vut depoi Pont” i dit na ghia.

"I man dit chi l'an vut o Ciahtlamont" i dit n'aota.

Da sia tana neva la vòrp i sla rit:

"Orà se la mahca i vet goernasse prariond iat da venier chii, seunsa ambehtiar le.behtie con Fiairòggni!"

La mahca Comba preiti da onta e vegoggni per ehte meno furba de na vòrp, i se net alai en te n'aota val dareui co li fusset gnun chi la cugnesisse, e paré da ho giòr ichì le behtie de pra­riond i ant posù fare na vitta tranquila e seunsa li fia de Fiairòggni.

italiano

Ivan Bianco Levrin (Ronco Canavese – Torino

1° Classificato Premio Provincia di Torino

Nel bel mezzo della valle verde c'era un prato rotondo contornato da dei noccioli pieni di ghiri. La strega Comba voleva il prato tutto per sé, e se arrivava qual­cuno aveva trovato il modo per allontanarlo: così come gli uomini usano per la guardia un cane, lei usava un cinghiale che aveva fatto appositamente arrivare dalla pianura. Il cinghiale Puzzone si chiamava così a causa della gran puzza che la strega aveva aggiunto all'animale, fatta con un miscuglio di erbe magiche. Dove faceva la pipì Puzzone rimaneva una puzza tremenda, talmente tremenda che nessuno poteva più avvicinarsi.

Una mattina di Primavera due giovani camosci nel loro girovaga­re da tutte le parti arrivano a prato rotondo felici di tanta erba fiorita. I camosci come tutti sanno per loro natura mangiano l'erba e non si preoccupano dei cinghiali che mangiano radici e frutti, ma quando Puzzone si è avvicinato sono scappati a gran velocità.

"Hai sentito come puzza?" dice il primo camoscio.

"Sì, è impossibile rimanere, non ho mai sentito una puzzolenteria del genere! " risponde il secondo. Un attimo per guardarsi negli occhi e i due ritornano sulle vette di gran carriera.

Dalla suo antro la strega Comba rideva di gran gusto "Bravo Puzzone, ben fatto!"

Qualche tempo dopo un pastore andando per funghi vede il prato rotondo e decide di portarci le sue pecore. Con un falcetto allarga il pas­saggio tra i noccioli mentre il suo cane spinge le pecore dal fondo del gregge, fino a vederle tutte sul prato rotondo.

Ma dal suo antro la strega Comba si accorge delle pecore e strilla a Puzzone:

"Stupido di un bestione, sbrigati ad allontanare quelle bestie da laggiù, altrimenti ti butto nella fontana piena di sapone! "

No, no, proprio no! II bestione al solo pensiero di doversi lavare veniva da piangere! E allora con una corsa arriva a prato rotondo men­tre il cane se ne accorge e si mette ad abbaiare.

Le pecore, sentendo una gran puzza e il furioso abbaiare del cane, si lanciano spaventate da tutte le parti, mentre il pastore fatica a ripor­tarle via dallo stesso sentiero da cui erano arrivate. Solo il cane cercava di tenere lontano Puzzone e spingerlo in un angolo, ma il cinghiale era così forte che nemmeno dieci cani sarebbero riusciti a fermarlo. II cane del pastore riesce a salvarsi infilandosi in una buca sotto ad un grosso masso, una buca che permetteva di uscire da un'altra parte, e Puzzone anche se butta all'aria tutto intorno è comunque troppo grosso per infi­larsi nella buca. Rosso dalla rabbia il cinghiale prima di ritornare all'antro fa la pipì nella buca, credendo che il cane fosse ancora dentro.

La volpe non riusciva a farsene una ragione.

La tana rovinata, zolle da tutte le parti, ma soprattutto una puzza insopportabile che gli impediva di entrare.

"Puzzone, ecco un'altra delle sue!" grida la volpe, "ma adesso basta! "

II giorno dopo la volpe chiama i ghiri, le talpe e i corvi di prato rotondo, per illustrargli la sua idea.

"Voi" dice ai corvi, "dovete girare per gli orti della valle e portare su dei peperoncini piccanti e delle carote. I ghiri devono rosicchiare le carote per fargli un forma su di un lato e mettergli dentro del peperonci­no, poi le talpe porteranno le carote passando da sottoterra, in modo che sembrino` cresciute proprio li."

"E poi?" chiede una talpa.

E la volpe gli risponde: "A Puzzone piacciono le carote, speriamo che ne mangi tante, i peperoncini dovrebbero fare il loro effetto!"

Il giorno successivo Puzzone stava facendo il suo solito giro, quando vede nel prato rotondo le carote. Goloso come un bambino il cinghiale, per fare più in fretta, fa che ingoiarle intere fino a sentire la pancia piena. Ma come la volpe aveva pensato i peperoncini piccanti non tardano a dare i loro effetti. Qualche minuto dopo al bestione il sede­re bruciava così forte che credeva di vedere le fiamme, e si mette a cor­rere disperato, correre, correre..

"L'hanno visto dopo Pont" dice un ghiro.

"Mi hanno detto che l'hanno visto a Castellamonte" dice un altro. Dalla sua nuova tana la volpe se la ride, "Adesso se la strega vuole sorvegliare il prato rotondo deve venire di persona, senza tormentare gli animali con Puzzone! "

La strega Comba per la gran vergogna di essere considerata meno furba di una volpe, se ne andò in un'altra valle in cui non fosse cono­sciuta e così da quel giorno gli animali di prato rotondo poterono fare una vita tranquilla e senza le puzze di Puzzone.