Enti in rete L.482/99   

Votz de Vermenanha e Ges

Storia della maledia (maledetta) - Entracque

Estòria de la maledia

Entracque - Gian Piero Audisio

Storia della maledia (maledetta) - Entracque
italiano Si racconta di un tempo lontano, in anni molto caldi, si dice che la vigna cresceva fino alle Marmorere del colle del Sabbione e che gli uomini abitavano in capanni tanto in alto che oggi non si potrebbe credere.
Di quel tempo vi è ancora il ricordo di tre sorelle che abitavano ognuna su una delle punte di quella montagna che soltanto in seguito a questa storia che vi racconterò verrà chiamata La Maledetta.
Nessuno si ricorda quando le tre sorelle fossero arrivate lì, ma in seguito alla loro presenza la montagna era tutta fiorita, l'erba più verde che in tutta la valle, i fiori più belli erano lassù e pareva che il sole non tramontasse mai.
Ad Entracque la gente parlava molto di quel che facevano le tre sorelle. Si diceva che cantassero con gli animali e parlassero con gli alberi.
I più chiacchieroni dicevano che quelle tre donne fossero delle masche ed era meglio non avvicinarsi troppo. Una cosa era certa, erano sempre allegre come tutto ciò che le circondava.
Bene, la storia della montagna e di queste donne straordinarie si diffuse velocemente e fu presto conosciuta giù nella pianura. Così arrivò anche all'orecchio d'un vecchio re, un uomo molto rude che regnava in un lontano paese.
Ascoltata la storia della montagna e delle tre sorelle il re decide che vale la pena di andare a vedere. Si diceva anche che la più giovane delle sorelle fosse una gran bella ragazza.
Quando il re la vide rimase meravigliato e pensò immediatamente di sposarla per farne una delle sue regine. Ma la figlia della montagna non voleva saperne di quel vecchio grossolano, anche se era un re.
Il re, dopo essere stato più volte rifiutato, ne fa una questione d'onore e con la sua potenza fa cacciare le tre sorelle dai loro rifugi della montagna.
Le tre, raccolti i loro pochi averi, si misero in cammino e arrivate al ponte delle Rovine si rivolsero verso la montagna e dissero in coro: "Che tu sia maledetta!"
In seguito nessuno sentì più parlare delle tre sorelle.
Nel frattempo il re con la sua scorta voleva prendere possesso di quella valle ma più salivano verso la cima più il tempo si metteva al peggio: il cielo s'inscurisce, le nebbie escono da tutte le parti ed inizia a nevischiare
Il re non si impaurisce e procede nella salita, ma comincia a nevicare con tuoni e fulmini e grandi crepacci si aprono ovunque.
Fu così che il re cattivo e tutti i suoi cavalieri vennero inghiottiti nella montagna.
Da allora quella montagna è La Maledetta.
occitan La se cuenta d'un temp passat, d'ans ben chauds, la se di que la vinha ilh creissia fins a las Marmoreras dal còl di Sablons e que li òmes ilh estavon en chabòts tant amont qu'encuei la se poleria res creire.
D'en aquel temp lhi a encara lo recòrd de trei sòrres que las estavon ònhiduna dessobre a una de las ponchas d'aquela montanha que solament après d'aquesta estòria que vos vau a cuentar ilh se sonarè La Maledia.
Res negun al s'aròda enquora las trei sòrres las eron arrubaas aquí, solament que après que las eron aquí la montanha ilh era nec floria, l'èrba mai vèrda de tota la valaa, las flors mai bèlas las eron alai e la semelhava que lo solelh al anesse pas pus a cojar-se.
En Entraigas tot aquò que las faision las trei sòrres la gent ne'n parlaven, ne'n parlava un baron. La se disia que las chantesson con las bèstias e que las parlesson con li arbres. D'aqueli mai barivèls ilh dision que aquestas femnas las eron de maschas e que l'anava res anar-li pas tròp da pè. Aquò que l'era segur l'es que las eron tore alègras coma tot entorn a lorautras.
Ben, l'estòria d'la montanha e d'aquestas femnas estraordinàrias ilh a agut naire fait de chamin e ilh es de lòng vengua conoissua ben aval ent la plana. Parelh l'arrruba decò tot a l'aurelha d'un velh rei, un òme un baron material qu'al comandava un país luenh.
Una vira escotaa l'estòria d'la montanha e des sòrres lo rei al decid que la val la pena d'anar a veire tot aquò. Après la se disia decò que la mai jove de las sòrres ilh era una bèla planta de filha.
Enquora lo rei al vei la filha al resta estonat e al pensa de mariar-la naire per far-ne'n una das soas reinas. Solament que la filha d'la montanha ilh ne'n vòl res saver d'aquest velh grosser e joser, bèle que la foguesse un rei.
Lo rei, d'après èsser estat refusat un baron de viras, al fai devenir la chòsa un ponch d'onor e con sa potença al fai chaçar las trei sòrres das soas barmas dessobre d'la montanha.
Las trei, cuelhit lo gaire que las avion, las se buton en chamin e arrubaas al pònt des Roïnas las se viron envèrs d'la montanha e las dion totas trei ensem: - "Que tu sies maledia!" Après d'aiçò pus res negun al senterè pas pus parlar das trei sòrres.
Entramenter lo rei con sa escòrta al vòl anar a perre possession d'aquel bèl territòri, d'aquela bèla valaa; mas mai que al monta envèrs la poncha d'la montanha mai lo temp al ven marrit: lo cèl al ven grís, de nèblas las neission darrer a li trei caires, la s'enchaminava a faravosquiar.
Lo rei al se pren res tròpa paor e al vai anant a montar vèrs la cima, d'après la tomba nevera, e tròns e eslucis e gròs pertús ilh se duèrbon a rabèl.
L'es parelh que lo rei marrit e totis li cavaliers ilh venon traonduts dins a la montanha.
Parelh d'enlora aquela l'es la montanha Maledia.

Storia della maledia (maledetta) - Entracque

Estòria de la maledia

Entracque - Gian Piero Audisio

Storia della maledia (maledetta) - Entracque
italiano Si racconta di un tempo lontano, in anni molto caldi, si dice che la vigna cresceva fino alle Marmorere del colle del Sabbione e che gli uomini abitavano in capanni tanto in alto che oggi non si potrebbe credere.
Di quel tempo vi è ancora il ricordo di tre sorelle che abitavano ognuna su una delle punte di quella montagna che soltanto in seguito a questa storia che vi racconterò verrà chiamata La Maledetta.
Nessuno si ricorda quando le tre sorelle fossero arrivate lì, ma in seguito alla loro presenza la montagna era tutta fiorita, l'erba più verde che in tutta la valle, i fiori più belli erano lassù e pareva che il sole non tramontasse mai.
Ad Entracque la gente parlava molto di quel che facevano le tre sorelle. Si diceva che cantassero con gli animali e parlassero con gli alberi.
I più chiacchieroni dicevano che quelle tre donne fossero delle masche ed era meglio non avvicinarsi troppo. Una cosa era certa, erano sempre allegre come tutto ciò che le circondava.
Bene, la storia della montagna e di queste donne straordinarie si diffuse velocemente e fu presto conosciuta giù nella pianura. Così arrivò anche all'orecchio d'un vecchio re, un uomo molto rude che regnava in un lontano paese.
Ascoltata la storia della montagna e delle tre sorelle il re decide che vale la pena di andare a vedere. Si diceva anche che la più giovane delle sorelle fosse una gran bella ragazza.
Quando il re la vide rimase meravigliato e pensò immediatamente di sposarla per farne una delle sue regine. Ma la figlia della montagna non voleva saperne di quel vecchio grossolano, anche se era un re.
Il re, dopo essere stato più volte rifiutato, ne fa una questione d'onore e con la sua potenza fa cacciare le tre sorelle dai loro rifugi della montagna.
Le tre, raccolti i loro pochi averi, si misero in cammino e arrivate al ponte delle Rovine si rivolsero verso la montagna e dissero in coro: "Che tu sia maledetta!"
In seguito nessuno sentì più parlare delle tre sorelle.
Nel frattempo il re con la sua scorta voleva prendere possesso di quella valle ma più salivano verso la cima più il tempo si metteva al peggio: il cielo s'inscurisce, le nebbie escono da tutte le parti ed inizia a nevischiare
Il re non si impaurisce e procede nella salita, ma comincia a nevicare con tuoni e fulmini e grandi crepacci si aprono ovunque.
Fu così che il re cattivo e tutti i suoi cavalieri vennero inghiottiti nella montagna.
Da allora quella montagna è La Maledetta.
occitan La se cuenta d'un temp passat, d'ans ben chauds, la se di que la vinha ilh creissia fins a las Marmoreras dal còl di Sablons e que li òmes ilh estavon en chabòts tant amont qu'encuei la se poleria res creire.
D'en aquel temp lhi a encara lo recòrd de trei sòrres que las estavon ònhiduna dessobre a una de las ponchas d'aquela montanha que solament après d'aquesta estòria que vos vau a cuentar ilh se sonarè La Maledia.
Res negun al s'aròda enquora las trei sòrres las eron arrubaas aquí, solament que après que las eron aquí la montanha ilh era nec floria, l'èrba mai vèrda de tota la valaa, las flors mai bèlas las eron alai e la semelhava que lo solelh al anesse pas pus a cojar-se.
En Entraigas tot aquò que las faision las trei sòrres la gent ne'n parlaven, ne'n parlava un baron. La se disia que las chantesson con las bèstias e que las parlesson con li arbres. D'aqueli mai barivèls ilh dision que aquestas femnas las eron de maschas e que l'anava res anar-li pas tròp da pè. Aquò que l'era segur l'es que las eron tore alègras coma tot entorn a lorautras.
Ben, l'estòria d'la montanha e d'aquestas femnas estraordinàrias ilh a agut naire fait de chamin e ilh es de lòng vengua conoissua ben aval ent la plana. Parelh l'arrruba decò tot a l'aurelha d'un velh rei, un òme un baron material qu'al comandava un país luenh.
Una vira escotaa l'estòria d'la montanha e des sòrres lo rei al decid que la val la pena d'anar a veire tot aquò. Après la se disia decò que la mai jove de las sòrres ilh era una bèla planta de filha.
Enquora lo rei al vei la filha al resta estonat e al pensa de mariar-la naire per far-ne'n una das soas reinas. Solament que la filha d'la montanha ilh ne'n vòl res saver d'aquest velh grosser e joser, bèle que la foguesse un rei.
Lo rei, d'après èsser estat refusat un baron de viras, al fai devenir la chòsa un ponch d'onor e con sa potença al fai chaçar las trei sòrres das soas barmas dessobre d'la montanha.
Las trei, cuelhit lo gaire que las avion, las se buton en chamin e arrubaas al pònt des Roïnas las se viron envèrs d'la montanha e las dion totas trei ensem: - "Que tu sies maledia!" Après d'aiçò pus res negun al senterè pas pus parlar das trei sòrres.
Entramenter lo rei con sa escòrta al vòl anar a perre possession d'aquel bèl territòri, d'aquela bèla valaa; mas mai que al monta envèrs la poncha d'la montanha mai lo temp al ven marrit: lo cèl al ven grís, de nèblas las neission darrer a li trei caires, la s'enchaminava a faravosquiar.
Lo rei al se pren res tròpa paor e al vai anant a montar vèrs la cima, d'après la tomba nevera, e tròns e eslucis e gròs pertús ilh se duèrbon a rabèl.
L'es parelh que lo rei marrit e totis li cavaliers ilh venon traonduts dins a la montanha.
Parelh d'enlora aquela l'es la montanha Maledia.