[ missing ]    Vivem la montanha

invia mail   print document in pdf format

Vivem un novel país

Vivem un novèl país

Vivem un novèl país

Vivem un novèl país
italiano Un nuovo fenomeno migratorio da alcuni anni a questa parte interessa le valli alpine occitane. Non si tratta di persone che partono, come succedeva un tempo, ma di persone che arrivano. Sono cittadini extracomunitari che vengono a riempire delle “nicchie ecologiche” lasciate libere dallo spopolamento delle valli alpine. Un nuova realtà artefice, insieme alle comunità originarie, della trasformazione del tessuto socio-economico delle zone di provincia di competenza delle comunità montane. Fenomeno che Maurizio Dematteis, insieme al fotografo Davide Casali, ha indagato nel corso del 2008 e 2009.
13 comunità straniere, residenti all’interno delle comunità montane occitane, scelte tra i gruppi stranieri più rilevanti numericamente, comunità costituite da almeno una decina di connazionali. All’interno di queste comunità sono state individuate 13 persone, nella stragrande maggioranza dei casi sposate con figli, che risiedessero nel comune interessato da almeno cinque anni. Questo per indagare da un lato le dinamiche familiari delle “nuove famiglie”, come ad esempio i rapporti con la scuola, dall’altra per approfondire gli eventuali processi di “integrazione”, impossibili da osservare in soggetti giunti in un luogo da pochi mesi.
Attraverso una serie di interviste in profondità, condotte con lo strumento sociologico dell’“intervista discorsiva guidata”, i 13 “testimoni” individuati ci hanno permesso di raccogliere la registrazione audio delle interviste, reportage fotografici e la registrazione video di parti degli incontri realizzati.
La restituzione delle testimonianze raccolte che troverete di seguito, è stata organizzata in quattro parti distinte per ogni intervista: una presentazione del “nuovo comune” di residenza dello straniero; la testimonianza “dall’interno” del soggetto individuato all’interno della comunità straniera; il punto di vista di un testimone privilegiato autoctono, per fotografare il fenomeno “dall’esterno”, dal punto di vista della “comunità d’accoglienza”; una breve scheda di approfondimento sul paese di provenienza dell’immigrato intervistato.
Annibale Salsa, autore del libro “Il tramonto delle identità tradizionali” (Priuli e Verlucca, Ivrea 2007), sostiene che “la cultura in senso etnoantropologico è un processo di costruzione sociale che avviene per acquisizione, contaminazione e ibridazione”. Se questo è vero i “nuovi abitanti” delle valli alpine provenienti dai paesi non europei sono sicuramente una delle componenti della “nuova cultura” alpina.
occitan Fai ben qualqui ans qu’un novèl fenòmen migratòri enteressa las valadas occitanas. Es pas pus de gent que part, coma era ental passat, mas de gent qu’arriba. Son de personas extracomunitàrias que venon a ocupar las “nichas ecològicas” que l’espopulament de las valadas a laissaas vuidas. Una nòva realtat que bastís, embe la gent dal pòst, aquelas transformacion de la situacion sociala e econòmica dins lo territòri de las Comunitats Montanas occitanas. Es aquò que Maurizio Dematteis, embe lo fotograf Davide Casali, a documentat ental 2008 e 2009.
13 comunitats d’estrangiers dins nòstras montanhas, siernuas ent’aquelas mai nombrosas, almenc una desena de personas per comunitat. Per onhi comunitat son estaas individuaas de personas, en bòna part embe familha, que foguesson residentas aquí da almenc cinc ans per verifiar d’un cant las dinàmicas familharas de las “familhas novèlas”, coma lhi rapòrts embe l’escòla, e per aprofondir l’existença de l’”integracion” qu’es impossibla se l’arriu es fresc.
A travèrs de collòquis aprofondits portats anant embe l’instrument de l’”entrevista discorsiva menaa”, lhi 13 testimònis nos an permetut de culhir d’entrevistas, de fotografias e de filmats de lhi encòntres.
Dins la publicacion que n’es salhia avem organizat chasque entrevista parelh: la presentacion de la comuna ente se tròba la comunitàt estrangiera, la testimoniança “dal dedins” de la comunitat, lo ponch de vista de la gent dal pòst, una pichòta ficha sus lo país de proveniença de l’immigrat entrevistat.
Annibale Salsa, autor dal libre “Il tramonto delle identità tradizionali” (Priuli e Verlucca, Ivrea 2007), sosten que “la cultura dins lo sens etno-antropològic es un procés de construccion sociala qu’arriba per aquisicion, contaminacion e ibridacion”. Se es parelh lhi “novèls abitants” de nòstras valadas qu’arribon da país fòra d’Euròpa, son da segur una component de la “nòva cultura” alpina.