Enti in rete L.482/99   

La val grande

La val granda

Vernante – Val Vermenagna

La val grande
italiano Dall'abitato di Vernante, si risale il rio della Val Grande, numerose borgate ancora abitate si affacciano sulla Valle come Tetti Baïn, Tetti Maron e i Folchi; per giungere poi all'abitato di Palanfrè (o Pallanfrè come riportato sulle vecchie carte). Si trova ai piedi dei ripidi pendii dei pascoli in posizione assai rischiosa per la caduta di valanghe. A protezione dell'abitato, sin dai primi anni del '700 ma probabilmente anche in data antecedente, era stato bandito il taglio del bosco di faggio a monte delle case. I "Bandi Campestri" custoditi negli archivi del comune di Vernante, datati 1741, sono la prima testimonianza scritta dello stato di protezione cui era sottoposto il bosco della Costa del Pianard e della Valle degli Alberghi, in occitano arberc, ultimo alpeggio. Risalendo ancora incontriamo il Jaç de la Barma, chiamato così per la grande quantità di balme che servivano ai pastori come ricoveri. Ancora più in alto c'è il Jaç di Veelás, un curioso toponimo occitano per dire grosso vitello, il pascolo del grosso vitello, un pascolo raggiungibile solo da vitelli già svezzati. Quasi a duemila metri troviamo i laghi degli Alberghi e il lago del Frisson, il quale prende il nome dall'omonima montagna. In occitano Freisson vuol dire brivido, infatti la montagna, vista da Palanfrè ha un'aria molto severa, ricordando un piccolo Cervino.
occitan Dal país de Vernant, se remonta lo riu de la Val Granda, ente s’esguinchon sus la valada de nombrosas ruaas encara abitaas: Teits Baïn, Teits Maron e Lhi Folcs; un pauc mai amont s’arriba a Palanfré (o decò Pallanfrè, coma repòrton las vielhas cartas). La ruaa se tròba ai pè de las ribas drechas di pasturals, en posicion dangeirosa per las lavanchas. Pr’aquò, já dai premiers dal ‘700, mas benlèu decò avant, era estat bandit de talhar lo bòsc de fauls amont de las maisons. Lhi “Avis Campestres” gardats dins lhi arquius de la Comuna de Vernant, datats 1741, son la premiera testimoniança escricha de l’estat de proteccion dal bòsc de la Còsta dal Planard e dal Valon de lhi Arbercs. En remontant la valada se passa al Jaç de la Balma, sonat parelh per la granda quantitat de balmas que fasion da sosta ai pastres. Mai amont se tròba lo Jaç di Veelàs, topònim occitan que ven da “gròs vèel”, ente pòlon pasturar masque lhi vèels já deslachats. A esquasi dui mila mètres se tròbon lo Lac de lhi Arbercs e lo Lac dal Freisson, dal nom de la montanha que, vista da Palanfré, a un aire sevèr e enavisa un pauc un pichòt Cervin.