Stu sera m' kujaréy
lu matìn ki sa se m'levaréy
m' kujaréy
tréz anjelét trubaréy
ün al pè ün al kap l'awt a rispònd
Diw m'a di k'a m' kujés
kë m'adürmentés
sènsa pow k'a n'agés
Dyu me garda Dyu me sénha
Dyu me gardë dla brüta koza
kant a dwèrmu kant arpawzu
k'a n'ay pyupu sènsa mi
ny a la nöy ny a di
né a l'ànima né al kor
né a la vita né a la mort
via foravìa Sant Ana Marìa Vèrjin
vurgèsen èse a nosta bèla kumpanìa
Paternosti Nosinhòr
s'ès fat pènde sü la krus
la krus e la kulona
prègo Iddìo a la Madona
la Madona vén dal sèl
prèga Dio e San Mikèl
San Mikèl ëm paradì
anjelìn ke lhelu diz
anjelìn kun rozafyùr
tut d'entùrn kampa n'esplendùr
karamanha vén dal bosk
skriw na léttra 'l Bondìw
ki lu sa ki lu di
ki nun lu sa déw mparè-lu
ki lu sa déw mustè-lu
lu jurn dai jüdisi
lo Madona vay a l'Üfisi
la Madona vay a l'Alba
nun fay kuma la palma
la palma nun fyurìs
la Madona parturìs

Fonti: Antonio Einaudi (n.1921) Caterina Einaudi (n.1922)

GRAFIA:
Ch e j sono occlusive palatali come in "ciabatta" o in "gioco"
k e g sono sempre occlusive velari come in "casa" o in "ghiro"
dz è affricata come in "zebra"
ts è sibilante interdentale sorda come in "azione"
s è sibilante dentale sorda come in "sera"
z è sibilante dentale sonora come in "casa"
lh è palatale come in "famiglia"
nh è n palatale come in "pugno"
sh è sibilante palatale sorda come in "scena"
zh è sibilante palatale sonora come nel francese "joli"
th si usa nelle valli Chisone e San Martino. Es.:"unth"(unto)
n finale è faucale. Es.:"pan"(pane)
nn finale è palatale. Es.:"pann"(panno)
y e w sono semivocali come in "ieri" e "uovo"

la dieresi sulle vocali ne indica la palatalizzazione come nelle voci francesi "subir", "oeuf","peser". Lo stesso vale per la semivocale w

l'accento tonico è sempre segnato se cade sulla e: in questo caso è indica l'apertura ed é la chiusura. L'accento tonico sulle altre vocali è indicato soltanto se cade sull'ultima sillaba o su sillabe precedenti la penultima (parole ossitone e proparossitone: si impiega l'accento grave)