I proverbi che pubblichiamo qui di seguito provengono dal quartiere inferiore di Pontechianale. Ci sono stati comunicati da A.morel (borgata Foresto).

Aprè lu mulén
vén lu puyén
Dopo lo scirocco viene il cattivo tempo.

Es pü da mal per na jalino fa n'üw
ke per na vacho fa 'n büw
E' più difficile per una gallina fare un uovo che per una mucca fare un toro

Jur kreysén
fréyt kuyént
Quando le giornate si allungano il freddo è più vivo

Ki a lu defét a dekò lu süspét
Chi ha il difetto ha anche il sospetto

Ki kuménso pèrt la seménso
Chi comincia perde la semenza

Ki prèsto pèrt la krèsto
Chi presta perde la cresta (ci rimette)

Ki travayo monjo la payo,
ki fay parén monjo lu fén
Chi lavora mangia la paglia, chi non fa niente mangia il fieno (vive meglio)

Ki travaio pa da puyén travayo da roso
Chíi non lavora quando è giovane lavorerà da vecchio

Konte vènes ay munde pyures e tüche riyun
fay de manyero k'ay mumént de ta mort tü ries a véyri pyuràr y awtre
Quando vieni al mondo piangi e tutti ridono
fà in modo che morendo tu rida a vedere piangere gli altri

La lüno merkulino
de sént üno l'endevino
La luna che si fà di mercoledì ne indovina una su cento

La matinà
ès la mayre dla jurnà
La mattinata è la madre della giornata

La meyzùn ès malato
se la jalino chonto e lu jal isto kyét
Va male in quella casa dove la gallina canta e il gallo sta zitto

L'Anunsyà krèbo la veyà
Con la festa dell'Annunziata ha termine la veglia invernale

A Son Bertimìw
l'aygo ay riw
A San Bartolomeo (24 agosto)
l'acqua al torrente (si cessa di irrigare)

A Son Lük
la néw nuz aribo sü lu sük
A San Luca (18 ottobre)
la neve ci arriva in testa

A Sonto Katalino
la féo vol de sino
de fén u de payo
i vol empir sa tripayo
A Santa Caterina (25 novembre)
la pecora vuole sfamarsi
fieno o paglia
si vuol riempire la pancia

Cha pa chatàr lu bast dron la mülo
Non bisogna comprare il basto prima della mula

De na meynà e d'en puyén
degün ni poyun sabér la fin
Di un bambino e di un puledro
nessuno può sapere che fine faranno

D'en aze de dwéy mèstre la kuo li sécho
L'asino che ha due padroni deperisce

Desùt la lentìyo
y a la bélo fiyo
Sotto la lentiggine c'è la bella ragazza

Deynyàl ay mulén espìos sun vuydos
Deynyàl ay viw espìos sun pyénos
Se a Natale fa scirocco le spighe saranno vuote, se a Natale fa freddo le spighe saranno piene

Deynyàl sénso lüno
ki a dues féos ni vénde üno
Natale senza luna
chi ha due pecore ne venda una

E 'n bun masùn
tut es péyros fon kantùn
Un buon muratore fa lo spigolo con qualsiasi pietra

La rayŝo
bèl fiy layŝo
Sotto la crosta lattea il bambino è bello

L'aygo vay sémpre ay kumbàl
L'acqua scorre sempre verso il torrente

Li mat e la tèro jalà cha pa s'atakàr
I matti e la terra gelata lasciateli stare

Li soldi e li pechà
degǜn sa k'i y a
Soldi e peccati
nessuno sa chi li ha

L'istà de Son Martìn
düro day séro ay matìn
L'estate di San Martino (3 novembre) dura dalla sera alla mattina

L'or d'esparnho
val may ke l'or d'Espanho
Il denaro risparmiato
vale più dell'oro di Spagna

Lu bèl témp
sort la munyo day kunvént
Il bel tempo
fa uscire la monaca dal convento

Lu jur de l'Asensyùn
krèys pa ni èrbo ni buysùn
Nel giorno dell'Ascensione
non cresce nè erba nè cespuglio

Lu serèn de nüoch
ès kumo en pum küoch
Il sereno di sera
dura quanto una mela cotta

L'üvèrn li jari w on pa minjà
I topi non hanno mai mangiato l'inverno

Na bono mülo, na bono chabro, na bono frémo
sun trés marìos bèstios
Una buona mula, una buona capra, una buona donna sono tre cattive bestie

Per la fèsto dla Krus
se fay pa d'espùs
Per la festa di Santa Croce
non si possono celebrare matrimoni

Per Son Matìw
cha küìr tut lu renaìw
Per San Matteo (23 settembre)
bisogna completare la raccolta dell'ultima erba

Per Son Michèl
la merèndo munto ay syèl
Per San Michele (29 settembre)
il pasto di mezzogiorno sale in cielo

Sabo sabo sabeyrùn
vay daréyri ma meyzùn
conte la vacho veylarè
lu sübyét subyarè
Linfa linfa
va dietro casa mia
quando la mucca farà il vitello
il fischietto fischierà (formula per facilitare, a primavera, la fabbricazione dei fischietti)

S'avé 'n bun vezìn
avé 'n bun matìn
Se avete un bravo vicino avete un buon mattino

Se jwinésso sabìo e vyeyésso puìo
jomày fawto se farìo
Se i giovani sapessero e i vecchi potessero nessun errore si farebbe mai

Son Bertumè
l'arayre ay pè
Per San Bartolomeo
si arano i campi per seminare

Sant Antoni fay li punt
Son Bastyòn aribo li rump
Sant'Antonio fa i ponti (di ghiaccio)
San Sebastiano arriva e li rompe (a San Sebastiano, 20 gennaio, la temperatura è più mite che a Sant'Antonio, 17 gennaio)

Sonto Bibyano
kumondo kronto jur e na semano
Santa Bibiana (2 dicembre)
comanda quaranta giorni e una settimana

Ton ke la meynà tènun la gunélo
i trobun la mayre belo
me kont i portun lu jüpùn
i la bütun ay kantùn
Finché i bambini indossano gli abiti infantili trovano bella la loro madre
ma quando crescono la mettono in disparte

Ton ke ma burso fay tin-tin
tut lu munde ès mun vezìn
konte la burso bayŝo
tut lu munde me layŝo
Finché la mia borsa è piena tutti sono miei vicini
quando la mia borsa si vuota tutti mi lasciano

Tut farén tut farén
akést ann u l'ann ke vén
Faremo tutto faremo tutto quest'anno oppure il prossimo

Val may en pichòt patrùn k'en gros servitùr
Meglio piccolo padrone che grande servo

GRAFIA:
Ch e j sono occlusive palatali come in "ciabatta" o in "gioco"
k e g sono sempre occlusive velari come in "casa" o in "ghiro"
dz è affricata come in "zebra"
ts è sibilante interdentale sorda come in "azione"
s è sibilante dentale sorda come in "sera"
z è sibilante dentale sonora come in "casa"
lh è palatale come in "famiglia"
nh è n palatale come in "pugno"
sh è sibilante palatale sorda come in "scena"
zh è sibilante palatale sonora come nel francese "joli"
th si usa nelle valli Chisone e San Martino. Es.:"unth"(unto)
n finale è faucale. Es.:"pan"(pane)
nn finale è palatale. Es.:"pann"(panno)
y e w sono semivocali come in "ieri" e "uovo"

la dieresi sulle vocali ne indica la palatalizzazione come nelle voci francesi "subir", "oeuf","peser". Lo stesso vale per la semivocale w

l'accento tonico è sempre segnato se cade sulla e: in questo caso è indica l'apertura ed é la chiusura. L'accento tonico sulle altre vocali è indicato soltanto se cade sull'ultima sillaba o su sillabe precedenti la penultima (parole ossitone e proparossitone: si impiega l'accento grave)