Nata nel 1923 a Pian Lavarino, frazione di Paesana (Val Po), Domenica Picca Crespo non ha lasciato la sua valle. Vive a Ghisola e tutte le estati, puntuale, sale all'alpeggio sui monti del Biatonetto.
È scritta in dialetto (il dialetto, appunto, di Ghisola) questa sua breve composizione, a metà fra la poesia e il racconto.
L'autrice ha voluto mettervi in risalto quella che è la condizione della donna in montagna, una condizione in cui la subalternità del mondo contadino si somma a quella della condizione femminile.
La pubblichiamo volentieri, contenti di offrire ai nostri lettori l'occasione di apprezzare le interessanti particolarità di un'area dialettale alla quale abbiamo già dedicato spazio in passato sulle pagine di questa rivista ( Il "piemontese" delle frazioni di Paesana - alla ricerca di un substrato occitano - in: Valados Usitanos, N.10, settembre/dicembre 1981, pagg.56/59).
Come si noterà, nella parlata usata sono presenti alcune caratteristiche spiccatamente occitane quali:
-la frequente palatalizzazione della e (lënga, cusiënsa);
-la trasformazione in an di a tonica davanti a n finale e a n+ consonante (i an, sansa);
-la presenza di termini come dal ("del"), ënsì ("così"), sai ("qui");
-di forme verbali come ggìa ("diceva"), budràa ("rigirare la polenta"), 'mbarassàa ("sovraccarica", participio passato), faséla ("fatela"), i nnéu ("io le dia", congiuntivo da nnàa < d'nàa, "dare"), ëndau ("andate voi", interrogativo);
-di un costrutto come a ià dit ("le ha detto").

La grafia è quella dell'autrice, in pratica quella italiana, che abbiamo però integrato con alcuni segni della grafia proposta da Valados Usitanos.

Nardu l'era ën muntagnin fürp e d'esperiensa
sënsa pei ëntla lënga
aggìa lon ca prëvëdìa
e a sëntìa ënt la cusiënsa
D'arvée (1) dla via, tunda (2) iera sua ca
a vëghìa passàa la gent dle Rive (3)
ch'indava e i vnìa dal marcà
Ën di iè passà Chinëtta
cun la cavagna dal bür al bras
na grossa cabassàa ënt l'ëschina
la vacca per la corda
e 'mbarassàa bele lia la brua (4), për avé d' famìa
Nardu pià dla cumpassiun
pla povra spusa
a l'a ciamà sua donna Maria e a ia dit ënsì (5):
"Ëndau vue giütài a la povra fumna u chë vun mi?"
Maria ch'iera ëncamin a budràa (6) la pulenta
iè surtüa fora cun lu budrùu (7) a la man
ia respundǜ: "Vun ma faséla vni sai
ch'i nnéu ën piat'd pulenta e lait?
Ian ciapà la vaca, ian dëscarià
cavagna e cabassa.
Mentre Maria i fasìa nutàa ch'so om
a l'avìa pa nën 'd grana ën tla testa (8)
e sansa remissiun (9)
Chinëtta cun la testa bassa, smurficàa (10)
le lacrime i culavën giü pla faccia
ma i parlava paa.
Nardu ch'a savia le miserie, sëntimënt
e l'esigensa d'cal munt
a l'a dit: "Fumne së vulé faa n'auta vita
ëndà via, laisalu lu Vitùn".(11)
Le parole 'd Nardu l'è sta na prufesìa
ëntë cal munt l'è tüt abandunà
lu Vitùn a l'è ëndà via
përchè la Vituna i l'a chità.

NOTE
(1)ai margini
(2)dove
(3)le borgate alte
(4)fino agli occhi
(5)così
(6)rimestare
(7)mestatoio
(8)non aveva buon senso
(9)era senza pietà
(10) mortificata
(11) laysalu (invece di lasalu) è da considerarsi arcaismo, qui usato perché in espressione sentenziosa. Vitùn è maiuscolo perché il termine ha, per l'autrice, valore simbolico.