Documenti orali raccolti in val Pellice.

Come è noto, la lince è andata progressivamente scomparendo, nel corso dell'800, così dalla Vai Pellice come dalle altre valli occitane. Nell'ultimo ventennio del secolo le catture segnalate con certezza sono ormai rare; fra le pochissime va ricordata quella che si riferisce ai due esemplari uccisi nel 1898 nei pressi del Colle di Tenda. Tuttavia è proprio in Val Pellice (e precisamente nella zona di Angrogna) che è avvenuta, nel 1915, l'ultima cattura datata con sicurezza. Si può dunque dire che la tenace persistenza di una tradizione orale legata alla lince trova proprio in Val Pellice un preciso riscontro storico.
Animale raro anche in passato, difficilmente avvistabile dall'uomo, la lince non ha in tutte le valli una denominazione locale. In Val Pellice è ricordata col termine "chalùn", tipo lessicale strettamente locale a cui si contrappone in altre valli (ad esempio in alta Val Varaita) il tipo "lup servyèr" collegabile al francese "loup cervier" e all'italiano "lupo cerviero" oggi desueti ma un tempo usati in alternativa a "lynx" e, rispettivamente, a "lince".(...)
Nella memoria collettiva due qualità distinguono nettamente la lince dal lupo: un'agilità eccezionale e una vista acutissima, le stesse che i naturalisti dell'antichità le riconoscevano. In nessun caso i due animali vengono confusi; tuttavia, numerose analogie accomunano in Val Pellice le storie di lupi e le storie di linci. La più vistosa di queste analogie sta certamente nell'esito, che non è mai cruento; manca, anzi, (a livello narrativo) una vera aggressione fisica da parte dell'animale. Infatti, se è vero che esiste in Val Pellice il ricordo di persone ferite o uccise da linci, è anche vero che in nessun caso questo ricordo ha dato vita ad autentiche vicende narrative. C'è invece, nella tradizione narrativa legata a questo animale, un dato ricorrente molto caratteristico: la violenza dell'animale si esercita su un simulacro dell'uomo, un suo indumento.
Lo schema narrativo più tipico vede come protagonista della vicenda un uomo che lavora sul prato all'epoca della fienagione. Ha già ammucchiato molto fieno per formare un "fniye", uno di quei coni di fieno ancorati a una pertica infissa nel terreno che permettono la conservazione del foraggio in aperta campagna anche per diversi anni. Siccome il lavoro si protrae, lontano da casa, per più di un giorno, l'uomo pensa di trascorrere la notte sul mucchio di fieno. Sale perciò sul "feniye" allo scopo di approntare un rozzo giaciglio ma proprio in quel momento scorge una lince. Superato un primo momento di paura, l'uomo si toglie la camicia, la riempie di fieno e la getta in basso. La camicia rotola lontano e la lince la insegue dilaniandola: l'uomo è salvo.
Questa vicenda mi è stata anticipata in modo molto schematico e essenziale da una fonte originaria della borgata Buonanotte di Angrogna. Manca, nel racconto, lo stratagemma della camicia:

Lh'èra ün k'avìa fa ën fniye, no, e l'èra lay der tart e l'èr awt sü der fniye, e al a papì fach a tëmp a kalà la lh'é rivà lu chalùn e aspetava k'a kalése lén, èl è papì kalà. Alura al s'é bütà a gatà dëdsùt der fniye e al a pa pugǜ tirà-lu lèn perké, prim k'lu fniye fuzé tut chavà...lu fniye u savè lan k'l'é: ki müch et fén ke 's fan a na pèrtya. E, arivà la ma...kant l'è arivà jurn a l'è partì e èl a gü dë drümì sü der fniye, pa pugǜ kalà.

La versione che segue viene dalla zona di Pra del Torno. Concorda con la precedente nella premessa ma comprende lo stratagemma della camicia:

Mi say di-tte dunt l'è lulì: a Prè Söli! Aìa fach lu fnie ma eykì y èru pa sulèt, al èra pa sulèt a y èra dër fniye, skazi pasà la maytà dër fniye. E y awti la nöch i fan, di: "Ay isto pa eykì!". E èl fay, di: "A mi m'aw pa via!" . Di: "Drömu ikì s'dër fniye!".Di: "Drömu ikì s' dër fniye!".
Basta, 'nt la nöch y è pa rivà eykì ki karanta dyaw d'chalùn? Aùra a di ... l'èra awt, jo, awt (....) a chavà sa kamiza, al a mpinìa dë...'t fén, pö a l'a futü alén pikatà, e li chalùn i sun anà....na lén aprè, y èren pë lënhe an tuta schankà la kamiza, an tutë strafunhà. E èl kant i sun skapà via d'eykì al è skapà al è vëngǜ sày e (...)susì la rivava pëy jo mpo kyar mpo jurn, alura l'a chamà d'ajǜt, e sa jënt k'anàw pëy ko may truvà-li, di: "N'awta vira istu papì sulèt parélh, eykì". E di: "Së futu pa via ma kamiza, mbambuyrìa parélh - e di- m' plavu. Avìu nhün eskàp ke pasà a la kasarola!".

Più evocativa, e anche più ricca di particolari, la vicenda raccontata a Villar Pellice. La gente andava a fare il fieno lontano, molto in alto - racconta U.P. - perché i terreni più bassi e fertili - erano destinati a seminativo. La vicenda si svolge dunque lontano dal paese, nello spazio del non-abitato, terreno d'obbligo per un racconto che contrappone l'intelligenza umana alla natura selvagggia:

N vyaje y anavën fa fén a la muntanhe (....) dunt la lh'èra 'n tok mpo bél i sapavën e péy i sëmnavën e pyantavën trifue e lu fén... e lu fén i l'anavën fa 'nt a kumǜn sü per la muntanhe. E alua y èra ün nta na löya ke la 's noma (...) la Barmasa e kant lu fén al èra séch a lu bütava ki e pëy i dürmìa, a dürmìa ko akì perké li staa magara na smana e... E akì la lha n'èra ün sulét, al èra sulét e 'n sèra alua aprè 't finì...d'avé finì la jurnà al a l'é muntà sü s'la mutta 't fén për pruntà sa kowja e ntrementìe al a vist ën chalùn k'aribava e...e alua s'é pré pow a savìa pa kma fa ma pa fa e al avìa ko jo uwì kwintà kë se 'n tapava karkoza via la li kurìa après nsuma basta... E alura s'é tow la chamiza pë l'a mpi 't fén e pëy...pë l'a tapà lén (...) la chamiza y a ribatà e alura eké chalùn l'é sèmpre kurǜ aprè. Prament al a pamày ënkalà d'istà mun alura l'a chapà... l'a chapà la kursa e dëdlày l'é ngü say al Pasét (Pasét l'é ysì dzure, dzure la Budéyna, mu asǜ 'n tok) e kant al é rivà akì alura l'an sarà la porta e...de daré aprè l'a uvì lu chalùn dal kübèrt kë a fazìa skura la lawze.

Il tema della violenza esercitata dall'animale su un simulacro dell'uomo è presente in quella che è la più tipica e diffusa fra le "storie di lupi": la donna che lascia la veglia per soddisfare un improvviso bisogno si accorge che un lupo ha azzannato un lembo della sua veste. Lentamente e con circonspezione riesce a sfilarla e salvarsi. Il lupo dilania l'indumento della donna. Ebbene, in una versione registrata nel comune di Villar Pellice la lince prende il posto del lupo. La fonte è originaria della borgata Mausa:

Akì a la Kumba, li Frascha i fazìyn ko d' velharìe e sey pa kanti lh'èren mi, l'èra d' vëlhe kë m'u kwintavë, èrun juve, më gordu pagayre. (....) Nlura ün al a ko gü bzunh d'anà fa sun bzunh, për di, al é prè sü për lu pra darèyre sü sü sü amùn a la sima. Be k'al èra leisǜ u si pantalùn al so kayz lu chavùn è arivà e a lh'a suwtà 'l kol a kavàl. E akl'om, akl'om (k'a sia juve u vélh, mi akò u say pa) al a gü tantu pow k'al é pré lén ub akla béstya,akì ub la duy chambe paré l'é vëngǜ lén al a übèr l'estabi pé, plaf! Al a tapà ki akél chavùn.

La costante della mancata aggressione ricorre pure in una credenza che è, oggi ancora, largamente diffusa in Val Pellice. Come hanno assicurato numerosi informatori, l'incontro con la lince può accompagnarsi ad un singolare rituale: la lince - ergendosi sulle zampe posteriori e appoggiandosi con quelle anteriori alle spalle del malcapitato - ne misura attentamente la statura. Si allontana poi dopo avere constatato che la statura dell'uomo è superiore. In caso contrario l'aggressione sarebbe inevitabile. Un episodio del genere mi è stato riferito dal già citato E.B.:

Ün, ko iŝì an Prè dar Turn, al èra na 'm paskìe ikì lay vès la Vachira e mènte k'a s'emnìa (arivava lén iŝì sut ar Banhòw la tuscha) la y è pasà fréch, y è pasà fréch, e... a s'é rpawzà, l'a pënsà d'ërpawzà-se mpok (...), l'istava pa tam bén. E alura parèy k'la lh'èra lu chalùn l'l'akumpanhava: a l'a mëzürà, kumbinasyùn al èra pi lunk èl e alura a l'a pa tuchà. E si! S'al èra pa pi lunk s'al èra pa pi gran ke u chalùn, l'èra bèle finì.

 

GRAFIA:
Ch e j sono occlusive palatali come in "ciabatta" o in "gioco"
k e g sono sempre occlusive velari come in "casa" o in "ghiro"
dz è affricata come in "zebra"
ts è sibilante interdentale sorda come in "azione"
s è sibilante dentale sorda come in "sera"
z è sibilante dentale sonora come in "casa"
lh è palatale come in "famiglia"
nh è n palatale come in "pugno"
sh è sibilante palatale sorda come in "scena"
zh è sibilante palatale sonora come nel francese "joli"
th si usa nelle valli Chisone e San Martino. Es.:"unth"(unto)
n finale è faucale. Es.:"pan"(pane)
nn finale è palatale. Es.:"pann"(panno)
y e w sono semivocali come in "ieri" e "uovo"

la dieresi sulle vocali ne indica la palatalizzazione come nelle voci francesi "subir", "oeuf","peser". Lo stesso vale per la semivocale w

l'accento tonico è sempre segnato se cade sulla e: in questo caso è indica l'apertura ed é la chiusura. L'accento tonico sulle altre vocali è indicato soltanto se cade sull'ultima sillaba o su sillabe precedenti la penultima (parole ossitone e proparossitone: si impiega l'accento grave)