Estu séra me kuyju
ki sa se me turnarèy levàr
e trés grasyes de us demandàr:
le kunfesìën le küminyén l'wèli sant
me rakumandu a vu e e l'Esprìt Sant
a Sant Antoni omes de Diw
a le Madona de l'Alma
ke fyowrìs kuma na palma
la palma ke fyowrìs
le Madona parturìs
a parturìs d'em bèl bambìn
d'or e d'arjént
e li sèt sakramént
sèt anjelétes
trés ay pe trés a la tèsta e lu Bundìyu al mès
lu Bundìew me sénhe mu sa man dènha
lu Bundìyu me garde de n'ayga kurénta
de na rwocha pendénta
d'en füök de ne fyama
de na mort sübitanea
e da onhi tentasìën dal demoni
o kru santa o kru dènha
Dyu me garde Dyu me sénhe
Dyu me büte sü la bwona viya
per salvàr lu kwor e l'ànima mia

Fonte: G.Antonio Bonetto (n.1909)


GRAFIA:
Ch e j sono occlusive palatali come in "ciabatta" o in "gioco"
k e g sono sempre occlusive velari come in "casa" o in "ghiro"
dz è affricata come in "zebra"
ts è sibilante interdentale sorda come in "azione"
s è sibilante dentale sorda come in "sera"
z è sibilante dentale sonora come in "casa"
lh è palatale come in "famiglia"
nh è n palatale come in "pugno"
sh è sibilante palatale sorda come in "scena"
zh è sibilante palatale sonora come nel francese "joli"
th si usa nelle valli Chisone e San Martino. Es.:"unth"(unto)
n finale è faucale. Es.:"pan"(pane)
nn finale è palatale. Es.:"pann"(panno)
y e w sono semivocali come in "ieri" e "uovo"

la dieresi sulle vocali ne indica la palatalizzazione come nelle voci francesi "subir", "oeuf","peser". Lo stesso vale per la semivocale w

l'accento tonico è sempre segnato se cade sulla e: in questo caso è indica l'apertura ed é la chiusura. L'accento tonico sulle altre vocali è indicato soltanto se cade sull'ultima sillaba o su sillabe precedenti la penultima (parole ossitone e proparossitone: si impiega l'accento grave)