Una ricerca degli scolari di Fontane

La Val Corsaglia appartiene alle estreme propaggini meridionali dell'area occitana in territorio piemontese. Rientra nella cosiddetta zona del "kyè", così denominata per la forma che vi assume il pronome personale di prima persona singolare. Purtroppo, la facile accessibilità della valle, lo spopolamento, la vicinanza di un grosso centro come Mondovì, sono altrettante ipoteche sulla sopravvivenza dell'occitano in Val Corsaglia.
Gli ottanta proverbi che seguono sono stati raccolti dagli allievi della pluriclasse di Fontane su iniziativa dell'insegnante Nella Bottero.
Non potendo utilizzare la grafia originale, abbiamo trascitto i proverbi in grafia fonematica, dopo averli registrati dalla voce dell'insegnante. Siccome lo stesso proverbio può avere varianti diverse, qualche volta il testo letto dall'insegnante differisce da quello scritto dagli scolari. Abbiamo ritenuto necessario individuare queste discordanze e segnalarle in nota.

SUL TEMPO.
Natòl sènsa lüne, kastanhe poke o nhüne.
Natale senza luna, castagne poche o nessuna.

U témp u fa skun' u vo.
Il tempo fa come vuole.

Rus a la soyra bun témp a la matìn.
Rosso la sera buon tempo di mattino.

Kand u pyöv a San Joku e a Sant Ana, l'ay tut or e mana.
Quando piove a San Giacomo e a Sant'Anna è tutto oro e manna.

A San Lüréns l'ay enkò për témp.
A San Lorenzo è ancora per tempo.

Da Sant Antoni a la Kandréera, o grosa froyd o grosa nvéera.
Da Sant'Antonio alla Candelora, o grosso freddo o grossa nevicata.

Kand la lüna y a u rö, o süch o brö.
Quando la luna ha l'alone, o asciutto o brodo.

Kand u nöyva sla föya, l'invèrn u da poka nöya.
Quando nevica sulla foglia l'inverno dà poca noia.

A Sant Andréa, l'invèrn munta 'n karéa.
A Sant'Andrea, l'inverno sale sulla seggiola.

A l'Epifanìa a e pas dla fürmìa, a San Bastyàn a e pas du chan,
a la Kandléera in'ura ntéra.
All'Epifania al passo della formica, a San Bastiano al passo del cane, alla Candelora un'ora intera.

Und u y rüva la nöbya a San Bartlumé u y kala la prima névu.
Fin dove arriva la nebbia a San Bartolomeo, scende la prima neve.

A Sant Antoni in'ura d' surèlh.
A'Sant'Antonio un'ora di sole.

Kand u rayròt u s' fika suta le rëmme u vo nvo.
Quando lo scricciolo si infila sotto i tetti vuol nevicare.

La Lüna d' jéné, i rüva a tuchò i lavanché.
La luna di gennaio arriva su tutte le valanghe.

Nöbya basa, skun i tröva i laŝa.
Nebbia bassa come trova così lascia.

Marìn kaga nvéera.
Tempo mite porta la neve.

U si sara nyént l'invèrn fin ke le pée d'Kursaya sun nyént lavè da la pyöva.
Non si chiude l'inverno finché le pietre di Corsaglia sono lavate dalla pioggia.

Kand la trüta i sfriya a riva ü kora poka névu, kand i sfriya nt' e pi krozu u y kara tanta névu.
Quando la trota depone le uova a riva scende poca neve, quando depone le uova nel profondo del fiume scende molta neve.

U fa marìn pikè le vache i puntu.
Il tempo è cattivo perchè le mucche puntano.

U témp u kambìa pikè è le tinhore.
Il tempo è cattivo perchè ho male ai piedi.

Vënta nhén pyantò nt' la lüna nova.
Non bisogna piantare le verdure nel tempo della luna nuova.

U témp brüt va pagà kun la borsa.
Il tempo cattivo bisogna pagarlo con la borsa.

Jüvr kaga nvéera.
Quando gli alberi hanno il gelo attaccato vuole nevicare.

Fin ke akì lapatsòt i viru jü daw ryal u s'ërléva nhént.
Fin che le nuvole vanno giù dal ruscello il cielo non si farà azzurro.

Skun u fa w di ed Santa Bibyona, u fè karanta di e ina smona.
Come fa il giorno di Santa Bibiana, fa quaranta giorni e una settimana.

Kand e piz d'Rvél u 'z büta e kapél, ti, büt-te mantél.
Quando il pizzo di Revello si mette il cappello, tu, mettiti il mantello.

K'i vire ŝkun i vöy, basta ke a maj la chudéra i büy.
Che giri come vuole, basta che a maggio faccia un po' caldo.

Paŝka ota Paŝka basa, l'invèrn u finìŝ a Paska.
Pasqua tardi Pasqua presto, l'inverno va fino a Pasqua.

A San Klemént l'invèrn u büta in dénch.
A San Clemente l'inverno mette un dente.

ANIMALI.
Kand e kurùmb l'èy pyèn le chiréŝe su amore.
Quando il colombo è pieno le ciliege sono amare.

La fé k'i brama i pèrd e pkun.
La pecora che bela perde il boccone.

Tüch i pyöy y an la sua tus.
Tutti i pidocchi hanno la loro tosse.

La jalina véya i fè bun brö.
La gallina vecchia fa buon brodo.

La tsvìtura l'èy n'uzél d'katìu awgüri.
La civetta è un uccello di cattivo augurio.

L'urùk u brama dma dëd nöch.
Il gufo grida solo di notte.

L'èy méy vég u lub nt' le fé, ke le musche d'jené.
E' meglio vedere il lupo fra le pecore che le mosche di gennaio.

La vulp i poza i pay, ma i vitsi may.
La volpe posa i peli ma i vizi mai.

Kant i chat i ŝkapu i jori balu.
Quando i gatti vanno via i topi ballano.

VARI.
Akéy k'i thavayu i monju la paya, akéy k'i fan nhént i monj e fén.
Chi lavora mangia la paglia, chi non fa niente mangia il fieno.

Akey k'i travayu e i van nyént a la mëssa i fan nyént ëd furtüna.
Quelli che lavorano e non vanno a messa non fanno fortuna.

L'ay méy in katìv aranjamént ke ina buna sënténsa.
È meglio un cattivo accomodamento che una buona sentenza.

A San Mikél marénda i munta 'n chél.
A San Michele merenda sale in cielo.

Marì anhél, k'u po nhén purtò-se la sua pél.
Cattivo agnello se non può portarsi la sua pelle.

S't'wos vni kun kyè a pitò, vënta vni kun kyè a raŝpò.
Se vuoi venire con me a mangiare bisogna venire con me a zappare.

E bun tèmp l'a fache skapò i fra dal kunvènt.
Il buon tempo ha fatto andare via i frati dal convento.

Ki u gorda u se dzèrt u gonha nhént e u pèrd nhént.
Chi fa la guardia al suo deserto non guadagna e non perde.

Ki la fè u la spéta.
Chi la fa l'aspetti.

Ki mor ënténd, mor rëspùnd e kative nove u pworta ka.
Chi male intende, male risponde e cattiva notizia porta a casa.

L'ozu l'a may savǜ kuz u fo dla sua kua fin ke le musche l'an nhén brivà.
L'asino non seppe mai di che farsene della sua coda finché le mosche lo assalirono.

Le frume üna pek ka, le krove üna per paròk e y préev ün pre chuké.
Le donne una per casa, le capre una per bastone e i sacerdoti uno per campanile.

Se véy i pugoysu e y juvu i vuygoysu, u s'purìa ranjò-se tante koze.
Se i vecchi potessero e i giovani volessero, si potrebbero aggiustare tante cose.

Kus ku da nhént pert i te dénch, da-lu may ay te parént.
Quello che non fa per i tuoi denti non darlo ai tuoi parenti.

I buzòrd i sum pi prèst chapà k'i sop.
I bugiardi sono più presto presi che gli zoppi.

I vélh i divéntu lèk, manèch e buzòrd.
I vecchi diventano golosi, sporchi e bugiardi.

Kand la mura y èy moyra, ina füzò per soyra.
Quando la mora è matura una fusata per sera.

Ann da fèn, ann da nhént.
Anno da fieno anno da niente.

A Santa Katerina, i saru le vache nt'la kashina.
A Santa Caterina, chiudono le mucche nella cascina.

I pruvèrbi di véy i fan vënì juu a la fam.
I proverbi dei vecchi fanno morire di fame i giovani.

Mént ke grond u ŝ' kina, e ptit u fa la fashina.
Mentre il grande si china il piccolo fa la fascina.

Ki a font e fia, a nhént u s' maravìa.
Chi ha figlio e figlia si fa meraviglia.

Ki trop u tira, u schonka la fira.
Chi troppo tira, strappa la fila.

Tute le vie i van a Ruma.
Tutte le vie vanno a Roma.

Bundì bun'ann për tut l'ann.
Buongiorno buon anno per tutto l'anno.

Da morts a bri y a pok da di.
Da marzo ad aprile c'è poco da dire.

Da la jènt e da u trèn, vënta pyò kuz u y vèn.
Dalla gente e dal terreno, bisogna prendere ciò che viene.

Lunga via, lunga buzìa.
Lunga strada lunga bugia.

I pnits a San Pé, le kastanhe a San Mikéle.
I ricci a San Pietro, le castagne a San Michele.

Méy in'öv enkö ke na jalina dman.
Meglio un uovo oggi che una gallina domani.

U dyaw sa le pinhate e nhént i chuvéyk.
Il diavolo fa le pentole e non fa i coperchi.

E grinh l'è sla gula di foy.
Il riso è sulla bocca degli scemi.

Abrì abrì, lava le skwéle e vè drümì.
Aprile aprile lava le scodelle e va a dormire.

La matinò l'ay la more dla jurnò.
La mattinata è la madre della giornata.

Kand e fö sufìa, nuvità për la vìa.
Quando il fuoco soffia novità per la strada.

Nhüne nove bune nove.
Nessuna notizia buone notizie.

Ki u vo u vè e ki u vo nhént u monda.
Chi vuole va chi non vuole manda.

L'Epifanìa tute le féste u mönha via, Karvò u le torna mno.
L'Epifania tutte le feste manda via, Carnevale le torna a portare.

U y a nhün pi chwornh d'akèl ke u vo nkén sentì.
Non c'è nessuno più sordo di quelli che non vogliono sentire.
Ina man i lava l'otra e kun tute due s'lava e mor.
Una mano lava l'altra e con tutte due si lava la faccia.

Tant l'ay akèl k'u roba pèy d'akèl ke tèn u sak.
Tanto è quello che ruba come quello che tiene il sacco.

Kí l'a da bzönh de fö ku spworz u dè.
Chi ha bisogno del fuoco sporga il dito.


GRAFIA:

Ch e j sono occlusive palatali come in "ciabatta" o in "gioco"
k e g sono sempre occlusive velari come in "casa" o in "ghiro"
dz è affricata come in "zebra"
ts è sibilante interdentale sorda come in "azione"
s è sibilante dentale sorda come in "sera"
z è sibilante dentale sonora come in "casa"
lh è palatale come in "famiglia"
nh è n palatale come in "pugno"
sh è sibilante palatale sorda come in "scena"
zh è sibilante palatale sonora come nel francese "joli"
th si usa nelle valli Chisone e San Martino. Es.:"unth"(unto)
n finale è faucale. Es.:"pan"(pane)
nn finale è palatale. Es.:"pann"(panno)
y e w sono semivocali come in "ieri" e "uovo"

la dieresi sulle vocali ne indica la palatalizzazione come nelle voci francesi "subir", "oeuf","peser". Lo stesso vale per la semivocale w

l'accento tonico è sempre segnato se cade sulla e: in questo caso è indica l'apertura ed é la chiusura. L'accento tonico sulle altre vocali è indicato soltanto se cade sull'ultima sillaba o su sillabe precedenti la penultima (parole ossitone e proparossitone: si impiega l'accento grave)

l'accento circonflesso serve ad evidenziare situazioni affatto particolari, caratteristiche di determinate zone, come ^r intermedio fra l ed r, caratteristico di un'area intorno ad Oulx.