adrèèt (adrit): aprico, versante esposto al sole

adus: sorgente

arkürthäy: scorciatoia

äria: vento

arlamò: ristagnare, allagare

arthamp: diga, invaso d'acqua

barma: caverna, roccia che fa riparo

bathäs: pozzanghera

baus: pietra, roccia

borda: granellino di polvere, pagliuzza

breskäña: galaverna

bron: asperità rocciosa

brüa: riva, ripa.

büf d'äria: colpo d'aria

burina: nebbia bassa

buyaka: acqua sporca, fogna

byäl: bedale, corso d'acqua

djalò: gelare

djalübräña: galaverna

djalübre: gelato a galaverna

djärb: gerbido

djason: lastra di ghiaccio

drë: terreno ricco, fertile

drüa: (urvia), si dice di terra fertile e grassa

eskulia: rigagnolo d'acqua

eslindria: pezzo di terra sottile e stretto

eslüsi: lampo, fulmine

estèla: stella

estisa: goccia

frauña: fango, poltiglia

fréd (frèed): freddo

gärb: buco

grava: pietruzza

gréla: tempesta, grandine

grélò: tempestare

kalou: discesa

kamiñ: strada, sentiero

kara: angolo, parte, cantone

karubi: strada carrabile, stretta

kintarna: vicolo stretto

kumüna: comune, municipio

kyot: gruppo di case, pianoro

imulì: mitigare, sciogliere la neve

lärd (lärk): arcobaleno

lavèynka: valanga

löva: luogo, posto

muta: zolla di terra

néu (nevera): neve

nivu (niyu): nuvoloso

papotha: poltiglia, fango

pasèl: incrocio

pataräs: grandi fiocchi di neve

puure: polvere

pyädja: luogo pianeggiante

ramblé: discarica, pietraia

räy: raggio di sole

reyna: luogo roccioso, radura chiusa

äy: ripa della strada, ruscello

rüdon: scarpata del fiume

rüzò: rugiada

ruy: acquazzone, piccolo ruscello

ruynò: frana, smottamento

sbrülò: franare, rovinare

sbüryò: franare

sit: posizione, sito

slezäse: andare sulla slitta

sulay: sole

terèñ: senza neve, pulito

thuanda: siepe, rete di recinzione

thupéska: fango, poltiglia

toth: avallamento, conca

trök: cresta, cocuzzolo

tuska: boscaglia

tuu: tufo

übäy (ibäy): opaco, lato della valle all'ombra

ulivä: gelato a specchio

vila: paese importante, capoluogo

vilathon: abitanti di Boves

vyasöl: sentiero

vyuläse: sciare, slittare

  

Norme grafiche adottate dagli autori:

 

K e g sono sempre occlusive velari come in "casa" o in "ghepardo"

 

s è sibilante dentale sorda come in "sera"

 

z è sibilante dentale sonora come in "casa"

 

th e dj sono occlusive palatali rispettivamente come in "ciabatta" e in "fagiano"

 

ñ è palatale come in "pugno"

 

la vocale tonica è sottolineata da un trattino. La dieresi sulle vocali ne indica la palatalizzazione.

 

La y rappresenta la semivocale.

 

L'accento su e indica l'apertura (è) o la chiusura (é)