amula: bottiglia

ardjüñe: riporre, mettere a posto, ritirare

ärka: cofano per farina

armaudju: oggetto di poco valore

aunéra: fienile, solaio

aunèsta: finestra

bärziga: baracca, situazione

bènka: sedia, sgabello

berlat: recipiente in legno

blüe: scintille

bunza: tinozza

bürnia (arbarèla): vaso da conserva

butelya: bottiglia

djäsa: specchio

djua: sbarra di ferro delle volte

djuk: pertica delle galline

duya: boccale con manici, caraffa

dyanat: tegame

edvyò: scopare

embärig: mucchio di cianfrusaglie

embayä: si dice di porta socchiusa

embutou: imbuto

emnis: spazzatura, rifiuti

esblüe: scintille

esgravyon: pioli della scala

eskäla: scala

eskalinäda: scalinata

eskendäy: bilancia

eskou: essicatoio delle castagne

eskuèla: scodella

espèth: specchio

estabi: stalla

estadjéra: scaffale per mettere le bottiglie

estènsia: stanza

estibi: stipite, muro divisorio

estüa: stufa

estupon: tappo

esvia (edvia): scopa

fertò: fregare, pulire

frò: inferriata

frubi (fertaleri): oggetto di poco valore, brutto o inutile

fruy: chiavistello

furthétta: forchetta

fuyot (pelat): tegame di terra

fyaréé: lenzuolo per filtrare la cenere del bucato

gäs: porcile

gérpia: mangiatoia delle mucche

göblat: bicchiere

gordja: grondaia, canale

grò: essicatoio di castagne

gryädje: griglia di finestra

gurdjerola: scanalatura di scolo dei lavandini

guy: cianfrusaglie

kä: casa

kädre: quadro

kalizu: fuliggine

kambra: camera

karéya: sedia

kasül: mestolo

kasüla: schiumarola

kembrinot: sgabuzzino

kendela: candela

kéyna: catena del camino

kofu: cofano, cassapanca

krika (krikat): maniglia della porta

krübersèl: coperchio della casseruola

krümensèl: coperchio della padella

kupa: piatto di legno

kürbina: cesta

küyé: cucchiaio

kuyeréñ: cucchiaino

kyau: chiave

lauze: lose

lavèl: lavandino

lazañou: mattarello

lendou: trave di volta della finestra, corridoio fra i banchi della chiesa

lentharna: lanterna, lume

lénthernéñ: lanternino

lesia: bucato settimanale

lindjeria: biancheria del corredo

lobia: terrazza

lüza: luce

mäsaküla: bilancia grossa

mästra: madia del pane

öli et pera: petrolio

ös (üs): uscio

pèla: padella

penakul: portico

penasò: pulire, strofinare

peria: zipolo della botte

pésuat: mollette per appendere la biancheria

pèylu: stufa delle stalle

piatson: grosso piatto per mangiare

plakä: armadio a muro

pray(la): imbuto di legno per vino

puorta: porta

puorti: portico

putadjé: stufa di mattoni impiegata nelle stalle

puure: polvere

pyulina: zipolo

razou: rasoio

reyò: perdere acqua, gocciolare

rümanta: roba di scarto, cianfrusaglie

sarth: cerchio della botte o della stufa

sbüryò: crollare

sbuyò (sfurdjatò): smuovere la brace sotto il fuoco
sekou: essicatoio delle castagne

sèla: cantina

séndre: cenere

sia: mastello in legno per la lisciva

sibre: mastello impiegato per lavare

skañat: sgabello per mungere
söl (sör): pavimento rustico
struzañ: stillicidio, grondaia

stüpe: spegnere

tabia: asse per impastare

taburat: sgabello

tekä: cucina

thaburna: stamberga, catapecchia

thabota: gabinetto rustico

thafälk: catafalco del mais

thap: piatto, coccio

thapulò: tritare

thapulou: mezzaluna

tharafi: oggetto di poco valore

thavuyra (kiavuyra): serratura

theyna (thadèna): catena

thimineya: fornello, camino

tirat: cassetto

tiule: tegole

tizon: tizzone ardente

tizunò: attizzare il fuoco

topa: serratura

trabyä: tavolato di assi

trafanäri: oggetto di poco valore

trappa: botola di cantina

trüna: cantina

tüba: fumata, nuvola di fumo

tübyon: nuvola di fumo denso

tund: piatto profondo

valoska: scintilla del fuoco

ventulou: bastone da polenta

vinou: rubinetto per tirare il vino

virou: bastone

vout(voot): volta

vyëu: veglianti


Norme grafiche adottate dagli autori:

K e g sono sempre occlusive velari come in "casa" o in "ghepardo"

s è sibilante dentale sorda come in "sera"

z è sibilante dentale sonora come in "casa"

th e dj sono occlusive palatali rispettivamente come in "ciabatta" e in "fagiano"

ñ è palatale come in "pugno"

la vocale tonica è sottolineata da un trattino. La dieresi sulle vocali ne indica la palatalizzazione.

La y rappresenta la semivocale.

L'accento su e indica l'apertura (è) o la chiusura (é)