Enti in rete L.482/99   

Val Vermenanha - La dança dei toponims

Dzac Bortela e i toponimi di Li Mount

Dzac Bortèla e lhi topònim di Li Monts

Limone - Val Vermenagna

Dzac Bortela e i toponimi di Li Mount
italiano In alta Val Vermenagna sorge un piccolo comune, Limone Piemonte, l 'origine del nome è incerta; probabilmente non ha alcun legame con il frutto di limone, che pure da tre secoli compare nello stemma comunale. Forse deriva dal greco "Leimon", che significa "luogo erboso; pascolo"; oppure dall'occitano li monts, ossia "i monti".
Limone è un borgo ricco di storie e curiosi toponimi. Dal nome di una montagna, di un rio, di una pietra, è facile ricostruire un pezzo di vita vissuta. Ogni nome sembra custodire un piccolo segreto, un antico ricordo locale.
Dzac Bortèla (Giacomo Bellone), poeta del luogo, è studioso della variante locale dell'occitano dell' alta Val Vermenagna ci racconta la storia di Limone attraverso tre toponimi, tre luoghi, tre spaccati di vita.
La croce del "Cròs"
In primavera il Monte Cross è soggetto a grandi valanghe, tutta la neve portata a valle finisce nei canali e dall'intersezione di questi si formano delle croci. Se ne contano almeno tre, ma l'ultima, la più centrale è maggiormente visibile dall'abitato di Limone. Per gli anziani del paese è un chiaro segnale dettato dalla montagna che scandisce la vita agraria dei contadini, rivela ogni anno il periodo ideale per la semina dei fagioli.
La Mòrta
In un freddo inverno di fine dell'Ottocento era deceduta un'anziana signora; la troppa neve caduta durante la notte non permetteva la sepoltura, cosí per ovviare al problema, gli abitanti di Limone avevano sistemato il feretro in un angolo, aspettando la bella stagione. Soltanto che una grande valanga scese giù dal vallone e con sè trascinò il corpo a valle. Da quel giorno, il luogo dove venne ritrovata è detto "La mòrta"
La "Pietra Servana"
Un grande masso appoggiato sulla riva del torrente Vermenagna, viene chiamato Peira Sarvana, si narra che di notte i Sarvans frequentino l'enorme masso e con balli e urla spaventino gli abitanti. La Peira Sarvana è sicuramente un masso erratico sceso giù nel Pleistocene dal ghiacciaio dalla Rocca dell'Abisso, la montagna simbolo di Limone sul confine con la Francia.
occitan En auta Val Vermenanha se tròba la pichòta Comuna de Limon. L'origina dal nom es pas segura: se pensa qu'aie pas ren a veire embe lo fruch dal limon, bèla se da tres sècles apareis dedins lo blason comunal. Pòl èsser qu'arribe dal grèc "leimon", que signífica "lueia erbosa, pastural", o decò da l'occitan "li monts".
Limon es un país ric d'istòria e de topònims curiós. Dal nom d'una montanha, d'un riu, d'una peira, es de bèl far recompausar un tòc de vita vissua. Chasque nom pareis gardar un pichòt secret, un antic recòrd dal pòst.
Dzac Bortèla, poeta d'aquí e estudiós de la varianta occitana de l'auta Val Vermenanha, nos còntia l'istòria de Limon a trasvèrs tres topònims, tres lueias, tres images de vita.
La crotz dal "cròs" 
Las gròssas lavanchas que tombon dal mont Cròs pòrton aval la nevera que s'abarona enti combals; de prima, quora la neu fond, ailai ente lhi valons se croseon la nevera resta un pauc mai e forma tres crotz. Doas se veon pas gaire, mas la pus centrala es ben visibla dal país. Per lhi vielh aquò es un senhal de la montanha que marca lo moment just, vèrs lo mes d'abril, per semenar lhi fasòls.
Lo valon de la Mòrta
Dins un freid uvèrn a la fins de l'Uech-Cents, una vielha frema era mòrta, mas per la tròpa nevera ilh avion pas pogut sotrar-la. Alora la gent dal país avia butaa la caissa ent'un canton da pè al cementieri, en aspetant qu'arribesse já mai la bèla sason. Mas era calaa una lavancha e avia rabelaa la paura mòrta aval ental Valon de Sant Jan. D'enlora, lo pòst ent'era anaa fenir la caissa lhi dison la Mòrta.
La "Peira Sarvana"
Se la riba dal Vermenanha se tròba un grand rocàs dich Peira Sarvana; se cóntia que de nuech lhi sarvans lo frequenten e embe de brams e de uchs espaventen la gent dal país. Es segurament un ròc erràtic desrochat aval durant lo Pleistocen dal glacier de la Ròca de l'Abís, la montanha símbol de Limon, a la desbòina embe la França.



Dzac Bortela e i toponimi di Li Mount

Dzac Bortèla e lhi topònim di Li Monts

Limone - Val Vermenagna

Dzac Bortela e i toponimi di Li Mount
italiano In alta Val Vermenagna sorge un piccolo comune, Limone Piemonte, l 'origine del nome è incerta; probabilmente non ha alcun legame con il frutto di limone, che pure da tre secoli compare nello stemma comunale. Forse deriva dal greco "Leimon", che significa "luogo erboso; pascolo"; oppure dall'occitano li monts, ossia "i monti".
Limone è un borgo ricco di storie e curiosi toponimi. Dal nome di una montagna, di un rio, di una pietra, è facile ricostruire un pezzo di vita vissuta. Ogni nome sembra custodire un piccolo segreto, un antico ricordo locale.
Dzac Bortèla (Giacomo Bellone), poeta del luogo, è studioso della variante locale dell'occitano dell' alta Val Vermenagna ci racconta la storia di Limone attraverso tre toponimi, tre luoghi, tre spaccati di vita.
La croce del "Cròs"
In primavera il Monte Cross è soggetto a grandi valanghe, tutta la neve portata a valle finisce nei canali e dall'intersezione di questi si formano delle croci. Se ne contano almeno tre, ma l'ultima, la più centrale è maggiormente visibile dall'abitato di Limone. Per gli anziani del paese è un chiaro segnale dettato dalla montagna che scandisce la vita agraria dei contadini, rivela ogni anno il periodo ideale per la semina dei fagioli.
La Mòrta
In un freddo inverno di fine dell'Ottocento era deceduta un'anziana signora; la troppa neve caduta durante la notte non permetteva la sepoltura, cosí per ovviare al problema, gli abitanti di Limone avevano sistemato il feretro in un angolo, aspettando la bella stagione. Soltanto che una grande valanga scese giù dal vallone e con sè trascinò il corpo a valle. Da quel giorno, il luogo dove venne ritrovata è detto "La mòrta"
La "Pietra Servana"
Un grande masso appoggiato sulla riva del torrente Vermenagna, viene chiamato Peira Sarvana, si narra che di notte i Sarvans frequentino l'enorme masso e con balli e urla spaventino gli abitanti. La Peira Sarvana è sicuramente un masso erratico sceso giù nel Pleistocene dal ghiacciaio dalla Rocca dell'Abisso, la montagna simbolo di Limone sul confine con la Francia.
occitan En auta Val Vermenanha se tròba la pichòta Comuna de Limon. L'origina dal nom es pas segura: se pensa qu'aie pas ren a veire embe lo fruch dal limon, bèla se da tres sècles apareis dedins lo blason comunal. Pòl èsser qu'arribe dal grèc "leimon", que signífica "lueia erbosa, pastural", o decò da l'occitan "li monts".
Limon es un país ric d'istòria e de topònims curiós. Dal nom d'una montanha, d'un riu, d'una peira, es de bèl far recompausar un tòc de vita vissua. Chasque nom pareis gardar un pichòt secret, un antic recòrd dal pòst.
Dzac Bortèla, poeta d'aquí e estudiós de la varianta occitana de l'auta Val Vermenanha, nos còntia l'istòria de Limon a trasvèrs tres topònims, tres lueias, tres images de vita.
La crotz dal "cròs" 
Las gròssas lavanchas que tombon dal mont Cròs pòrton aval la nevera que s'abarona enti combals; de prima, quora la neu fond, ailai ente lhi valons se croseon la nevera resta un pauc mai e forma tres crotz. Doas se veon pas gaire, mas la pus centrala es ben visibla dal país. Per lhi vielh aquò es un senhal de la montanha que marca lo moment just, vèrs lo mes d'abril, per semenar lhi fasòls.
Lo valon de la Mòrta
Dins un freid uvèrn a la fins de l'Uech-Cents, una vielha frema era mòrta, mas per la tròpa nevera ilh avion pas pogut sotrar-la. Alora la gent dal país avia butaa la caissa ent'un canton da pè al cementieri, en aspetant qu'arribesse já mai la bèla sason. Mas era calaa una lavancha e avia rabelaa la paura mòrta aval ental Valon de Sant Jan. D'enlora, lo pòst ent'era anaa fenir la caissa lhi dison la Mòrta.
La "Peira Sarvana"
Se la riba dal Vermenanha se tròba un grand rocàs dich Peira Sarvana; se cóntia que de nuech lhi sarvans lo frequenten e embe de brams e de uchs espaventen la gent dal país. Es segurament un ròc erràtic desrochat aval durant lo Pleistocen dal glacier de la Ròca de l'Abís, la montanha símbol de Limon, a la desbòina embe la França.