Enti in rete L.482/99   

Toponomastica 17 Comuni Valli di Lanzo

Toponomastica Bilingue italiano-francoprovenzale nei diciassette Comuni delle Valli di Lanzo.

Toponomastica bilingoue iteulieun-francoprouveunsal eunt li dizisèt coumun deul Val eud Leun.

Il significato e il valore di un progetto di toponomastica bilingue nel 2010.

Toponomastica Bilingue italiano-francoprovenzale nei diciassette Comuni delle Valli di Lanzo.
italiano Il progetto di toponomastica bilingue della Comunità Montana Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone è un'attività finanziata dalla Presidenza del Consiglio dei  Ministri in attivazione della Legge 482/99 " />Questo progetto prevede la realizzazione e la diffusione di un immagine coordinata. Si sono quindi installati sei cartelli di "benvenuto" posti in luoghi strategici di accesso al territorio della Comunità Montana. Si tratta di cartelli di grandi dimensioni (150x200), in cui su sfondo bianco con caratteri rossi si legge "binvunù eunt eul tère francoprouvésal deul valade eud Leu", cioè "benvenuti nelle terre francoprovenzali delle Valli di Lanzo". Sotto la scritta si trovano due belle cartine: una mostra la collocazione geografica dei diciassette comuni francoprovenzali delle Valli di Lanzo, mentre la seconda riporta l'intera area di parlata francoprovenzale.

 

Inoltre, il progetto ha previsto la realizzazione e l'installazione (nel pieno rispetto di quanto previsto dal codice stradale) della cartellonistica bilingue per segnalare l'ingresso e l'uscita di ciascun comune francoprovenzale: in molti casi si è trattato di collocare più di due cartelli, dal momento che sono numerosi i Comuni con più vie di accesso al proprio territorio.

Con questo genere di cartellonistica si è voluto trasmettere un messaggio chiaro, oltre ad un'immagine coordinata (anche da un punto di vista grafico), capace di rendere immediata la comprensione della caratteristica principale delle valli: un territorio in cui le persone parlano una lingua diversa sia dall'Italiano sia dal dialetto Piemontese, una lingua attraverso la quale si esprime una cultura alpina.

Infatti, tra le attività di rivitalizzazione linguistica, la toponomastica bilingue (lingua nazionale e lingua di minoranza) costituisce uno strumento fondamentale per il recupero del prestigio e della visibilità: favorisce un aumento nella consapevolezza linguistica delle popolazioni e ne stimola la ripresa nell'uso quotidiano. Con una battuta: la toponomastica bilingue  consente a chiunque di rivolgere un pensiero alla storia del territorio, anche solo muovendosi in auto, in bici o a piedi.

La Comunità Montana Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone ha realizzato un intervento capace di proseguire e dare sistemati- cità ad un processo di recupero identitario del proprio territorio, già avviato negli anni dalle singole amministrazioni comunali.

Obiettivo del progetto è stato dare forte riconoscimento linguistico all'intera area, grazie ad un intervento sistematico ed omogeneo fin dagli aspetti grafici: l'intera valle unita da un progetto condiviso come area unitaria di minoranza.

L'intera realizzazione del progetto è stata resa possibile grazie al lavoro sinergico tra l'amministrazione della Comunità Montana, le amministrazioni comunali e il gruppo di lavoro: non solo nel concordare modalità e luoghi di sistemazione della cartellonistica, ma soprattutto per far sì che ogni cartello stradale riportasse il toponimo comunale nella varietà francoprovenzale locale.

Per quanto riguarda la grafia da utilizzare, amministratori, studiosi e ricercatori locali sono stati concordi: all'unanimità si è deciso di ricorrere al sistema semifonetico noto come grafia del B. R. E. L. (Bureau Regional pour l'Ethnologie et la Linguistique) che permette di SCRIVERE CIÒ CHE SI PRONUNCIA COSÌ COME LO SI PRONUNCIA.

 Si è trattato di una scelta portata avanti in nome di quell'unità che accomuna tutti i ricercatori e gli studiosi delle Valli di Lanzo e che porta ad esser parte della medesima comunità alpina al di là delle peculiarità proprie di ciascuna zona e di ogni idioma.

franco-provenzale Lou significà é lou valour d'eun proudjèt eud toponomastica bilingoue eunt' oou 2010.

Lou proudjèt eud toponomastica bilingoue dla Coumunità Mountana Val eud Leun, Ceronda é Castérnoun è-y-eust n'atività finasiàya da la Présidénsi doou Counseui dli Ministri, eun ativasioun eud la lèdje 482/99 "Norme per la tutela delle Minoranze Linguistiche Storiche", couourdinàya da l'Asésourà a la Coultura dla Rédjoun Piémount, Sètour Proumosioùn der-z-Atività Coultural Lingoustique é réalizaya da Tsambra Francoprouvénsal, sésioun dla Chambra d'Óc.

'Sto proudjét ou prévèt la réalizasioùn é la difouzioùn eud n'imadjine couourdinaya. Ou sount istà instalà sès queurtèl eud "binvunù" eun post stratédjic d'atchés aou tèritori deul Val eud Leun. Ès-tratet eud grosi queurtèl (150x200), que su sfount bieunc a to litre rouse ès peut lézri "binvunù eunt eul tère francoprouvésal deul valade eud Leun". Sout a la scrita ou-s' treuvount doue bèle quertine: una è moustret la couloucasioùn géografica dli dizisèt coumun francoprouveunsal deul Val eud Leun, mèntre eunt leu scounda è-y-eu l'aréa gégrafica eundoua ès descoueurt eun francoproveunsal.

Poi lou proudjét ou-y-eu prévédù la réalizasioùn é l'instalasioùn (sécoundou lou coditche dla vìi) dla queurtèlounistica bilingoue peur ségnalà l'ingrès é l'uchita d'ogni coumun francoprouveunsal: tènti vì ou sount istà butà più eud dui queurtèl daou moumeunt queu divèrsi coumun ou-y-ont più eud doue vìi d'atchés.

A to 'sta queurtèlonistica ou s'eu voulù dounà eun mésadjou quiar, oltre a n'imadjine couourdinaya (da eun pount eud vista grafic), bouna a fà capì imédiatameunt la caratéristica printchipal deul val: eun tèritori eundoua eul persoune ou descoueurount 'na lènga divérsa sia da l'Iteulieun queu daou dialeut Piémountèis, 'na lènga pourtastris eud 'na coultura eulpina é eud 'na spétchifica vizioùn doou moundou.

Di fati, tra-eul-z'atività eud rivitalizasioùn lingouistica, la toponomastica bilingoue (lènga nesiounal é lènga eud minoureunsi) ou-coustitouèsount n'éstrumeunt foundaméntal peur lou rècoupéro dla réputasioun é dla vizibilità: è-favourèit n'aoumènt dla counsapévoulessi lingouistica eud leu poupoulasioùn, stimouleuneun la ripréiza eun l'utilis eud tui' li dì. A to 'na batua: la toponomastica bilingoue è-permet a quiouncoue d'avé eun pénsé a l'éstoria doou tèritori anque meuc boudjénse eun maquina, eun bitchi o a pìa. La Coumunità Mountana Val eud Leun, Ceronda é Castérnoun, è-y-eu réalizà n'asioùn proudjétoual bouna a prouséguì é a dounà sistématitchità a eun proutchès eud récupéro idéntitari doou soun tèritori, djeu aneundià, eunt-y-an, dal singoule aministrasioùn coumunal.

L'oubiétìou dou proudjét è-t'istà sèl eud dounà eun gro ricounouchimeunt lingouistic a l'euntieuri aréa, grasie a n'intérveunt sistématic è couourdinà sin da la grafica: touta la val unìa da eun proudjét coundivis coume aréa unitaria eud minoureunsi.

La réalizasioun doou proudjét è-t'istaya pousibila grasie a lou travai sinérdjic tra l'aministrasioùn dla Coumunità Montana, er-z-aministrasioùn coumunal é lou group eud travai: gnint meuc peur councourdà manèri é post eud sistémasioù dli queurtél, ma più eud tout peur fà eun manèri queu tuiti li queurtél stradal ou-y-ayont lou toponim coumunal eunt la veriétà francoprouveunsal loucal.

Peur seun qu'èrigouardet la grafia, ill'aministratoù, ill'éstoudious è li ritchércatoù loucal ou sount istà tuiti d'acordi: a l'unanimità ou-y-ont ditchidù eud ricoueuri aou sistéma sémifonétic cougnèsù coume B.R.E.L. (Bureau Regional pour l'Ethnologie et la Linguistique) cou pérmet deu SCRIRI SEUN QU'ÈS PROUNUNTCHET, PARÈI 'ME ÈS DIT.

Ès tratet d'una chélta pourtaya aveunti eun noum eud l'unità qu'è-acoumunet tuiti ill'éstoudious è li ritchércatoù loucal deul Val eud Leun é qu'è-portet a èstri part eud la medéma coumunità eulpina oltre eul queuretéristique eud ogni dzona é d'ogni lènga.