Enti in rete L.482/99   

Toponomastica 17 Comuni Valli di Lanzo

Le Valli di Lanzo "Valli Reali"

Eul Val eud Leun, "Valade Réal"

Le Valli di Lanzo "Valli Reali"
italiano

In una splendida area del Piemonte, a pochi chilometri da Torino, le Valli di Lanzo sono costellate di veri e propri gioielli: storici, culturali, artistici e naturalistici.

Le Valli di Lanzo sono costituite da tre solchi vallivi che procedono con andamento est-ovest. Le tre valli sono da nord a sud: la Val Grande, la Val d'Ala e la Val di Viù.

Le prime due valli si congiungono nei pressi di Ceres originando la bassa valle mentre la Val di Viù confluisce nella bassa valle poco prima dell'abitato di Germagnano.

Le Valli di Lanzo confinano a sud con la Val di Susa ed a nord con la Valle dell'Orco; ad ovest la testata terminale delle tre valli costituisce la linea di confine con la Francia mentre ad est, dopo Lanzo, inizia la pianura torinese.

Vi è anche, a nord-est, una propaggine naturale delle Valli di Lanzo; si tratta delle Valli del Tesso, vero e proprio cuscinetto divisorio con il Canavese.

Questa valle si può considerare come un prolungamento dello spartiacque Val Grande - Valle dell'Orco; anche se orograficamente è separata dalle Valli di Lanzo, tuttavia ne è parte per storia, cultura e tradizione, ma soprattutto da un punto di vista linguistico essendo di parlata francoprovenzale.

Fin dalla metà dell'Ottocento queste valli hanno rivelato la propria vocazione turistica, grazie alla possibilità di godere in pochi chilometri del riposante paesaggio pedemontano o delle alte vette incontaminate (le valli sono infatti contornate dalle maggiori vette del Piemonte, soprattutto lungo la linea di confine con la Francia), ospitando quindi la villeggiatura delle famiglie agiate Torinesi. Le Valli di Lanzo erano infatti l'area verde più vicina all'allora capitale d'Italia, favorite anche dalla costruzione della ferrovia fino a Lanzo (1876) ed estesa fino Ceres (1916).

Negli gli anni seguenti il dopoguerra, segnati dall'abbandono della montagna e dal richiamo del lavoro nelle grandi città, le Valli di Lanzo hanno subito meno di altri territori alpini tale abbandono. La scelta della fabbrica, ha modificato, ma non ha interrotto il legame con la terra, con la trasmissione orale e gestuale dei saperi. La "silenziosa strada del ritorno" verso radici radicate nelle campagne "della malora", in alcuni casi è avvenuta ma nella maggior parte dei casi non si è mai interrotta, a costo di grandi sacrifici. Tantissimi erano i contadini che per otto ore si trasformavano in operai e per poi, finito il turno tornare contadini: pendolari per tutta la vita.

Si assiste a un gran parlare di tradizioni: i saperi orali e gestuali delle passate generazioni sono una grande risorsa materiale e immateriale che non solo ci viene affidata ma è la base della nostra società, fondamenta per il nostro futuro. Le nostre Valli stanno vivendo una interessante e, per alcuni aspetti, impegnativa nuova stagione.

Un tempo in cui non si può fare a meno di pensare, specie dopo il restauro e il grande rilancio turistico, come la residenza di Casa Savoia, la Venaria Reale costituisca l'immaginaria porta culturale di accesso alle Valli di Lanzo.

 "Valli reali" quindi, non solo per aver dato in passato ospitalità ai Principi della casa regnante e a personaggi illustri, ma soggetto territoriale in grado di adeguarsi al nuovo clima e di confrontarsi con una"realtà nuova", capace di proporsi, grazie anche alla vicinanza ad un così grande e prestigioso monumento visitato ogni anno da migliaia di persone, come un territorio tutto da scoprire.

Un territorio che ha saputo mantenere una natura ancora oggi selvaggia e incontaminata, ma che ancor più ha saputo conservare aspetti fondamentali della tradizione culturale alpina. Saperi rintracciabili nelle attività artigianali, nell'utilizzo della pietra, del legno, nelle creazioni in ferro battuto, nell'agricoltura e nella trasformazione dei suoi prodotti in una ricchezza enogastronomia sempre più ricercata e apprezzata dal grande pubblico.

Agli occhi del visitatore che per la prima volta raggiunge le Valli di Lanzo, si apre a ventaglio uno scenario senza fine: i diciassette comuni di parlata francoprovenzale raccontano la loro identità alpina e linguistica, passate indenni attraverso la storia. Un mondo complesso e affascinante che vale la pena conoscere.

franco-provenzale

unt una spléndida aréa doou Piémount, a poqui quilométri da Turìn, eul Val eud Leun ou sount coustèlaye da véri é propi djouyèl storic, coultural, ertistic é naturalistic.

Eul Val eud Leun ou sount coustituýe da trai soueulc valìou cou protchédount a to n'andameunt est-ovést. Eul trai val ou sount, da nord a soud, la Val Granda, la Val d'Ala é la Val eud Viù. Eul prumme doue ou-s' coundjugnount vèrs Sére douneunt oridjin a la basa val, méntre la Val eud Viù è-conflouèit eun la basa val propri prumma doou pais eud Djérmagneun. Eul val ou counfinount a soud avè la Val eud Susa é a nord avè la Val eud l'Orco. A nord eul tèstà términal deul trai val ou-costitouèsount la linéa eud counfìn avé la Freunsi, méntre a sud, dopo Leun, è-euncaminet la pianura tourinèiza.

È-y-eu eud co a nord-ést 'na propadjine naturale eud leu Val eud Leun: ès-tratet deul val doou Tès, eun vèr é propi cusineut divizori avè lou Canavèis. 'Sta val ès-peu counsidèrase coume eun proulungameunt eud lou spartiacoue dla Val Granda é Val dl'Orco. Anque seu orograficameunt è-y-eust séparaya dal Val eud Leun, péro è-n'eun fait part peur storia, coultura é tredisioùn, ma più eud tout da eun pount eud vista lingouistic viù qu'ès descoeurt eun patouà.

Fin da la métà dl'Etseunt 'steu val ou-y-ont rivélà la propria voucasioùn turistica, grasie a la pousibilità eud godri, eun poqui quilométri, gnint meuc doou ripouzant paizadjou pédémounteun, ma eud co dleu-z-aoute mountagne euncountaminaye. Eul val ou sount difati countournaye dal più aoute pounte doou Pièmount, più eud tout lounc la linéa eud counfìn avè la Freunsi. Ouspiteunt, couindi, la vilédjatura deul famìe eud li zgnouri turinèis: leu Val eud Leun ou-y-èrount difati l'aréa veurda più vizina a la quepital d'Italia, favourìe anque da la coustrusioùn eud la férouvia fin a Leun (1876) é pè arvaya fin a Sére (1916).

Eunt ill'an dopou la gouèra segnìa da l'ebandoun deul mountagne é daou ertcham doou travai eun leu greundi sità, leu Val eud Leun ou-y-ont subì méno queu aoutri tèritori elpìn tal ebandoun. La chélta eud la fabbrica è-y-eu moudificà, ma è-y-eu gnint intéroumpù lou lègam avè la tèra, avè la trezmisioùn ourale é djéstoual dli savè. La silénsiouza vì doou ritoueurn vèrs eul rèis eud leu queumpagne eud la "maleura", eun divérsi cazou è-y-eu quepità, ma eun la madjor part è-s'eu mai euntérouta, a coust eud greundi sacrifis, tèntisim ou-y-èrount li countedìn queu peur eut eure ou-s'trasfourmavount eun oupérai é poi, finì lou tournou, ou touranvount countedìn: peundoular peur touta la vita.

È-s'asistet an gro descoeuri dleu tredisioùn, dli savè oural é djéstoual eud leu pasaye gjénérasioùn: ou-sount 'na greunda rézoueursa metérial é imetérial queu gnint meuc è-nou vint afidaya, ma è-y-eust la baze dla nostra soutchétà, foundameunt peur lou nostrou avinì.

Eul nostre val ou-sount eun camin a vivri n'intérésant é, peur divèrsi aspèt, impégnativa neuva stedjoun, eun tèn eundoua ès peut gnint fà a méno eud pénsà, spétche dopou lou réstaouro é lou greun rilantcho touristic , coume la rézidénsi eud Queu Savoia, la Vénarì, è-costitouèit l'imadjinaria porta coultural d'atchès al val.

"Val rèal", couindi gnint meuc peur avé dounà eun pasà ouspitelità a prinsi eud la queu régnant é a grosi pérsounadji, ma soudjét tèritourial eun grado d'adégouase an clima neu é a counfrountase a to 'na neuva réaltà, boun eud propounse, grasie anque a la vitchineunsi d'eun si grò é préstidjous monumeunt, coume tèritori tout da descruvì. Eun tèritori cou-y-eu savù counsérvà 'na natura euncoù euncui selvadja é incountaminaya, ma queu piu ou-y-eu savù consérvà ill'espét foundaméntal dla tredisioùn coultural elpina, eud li savè cou-s' peuvount vèse eunt l'atività ertidjanal, eunt l'utilizi dla pèra, doou bosc, eunt eul crèasioùn doou fèr, eunt l'agricoultura é eunt la trasfourmasioùn eud li soun proudot, eunt la riqueussi éno-gastronomica sémper più ritchércaya é aprésaya daou public.

A-ill'uveui doou vizitatoù, cou peur lou prum vì ou vint eun'leu nostre val, ès-duèrtet eun veuntai é neu chénaria sénsa fin: li dizisèt coumun eud perlata francoprouveunsal ou countount la propria idéntità elpina é lingouistica pasaya sénsa dan atravèrs la storia. Eun moundou coumplés é afachinant qu'è-vaou la pèina eud cougnuistri.