Enti in rete L.482/99   

Testimonianze

Michele Baietto: la fisarmonica di Lemie

Michele Baietto: l'armoni eud Lèmies

di Pierluigi Ubaudi

Michele Baietto: la fisarmonica di Lemie
italiano Michele si ricorda la data di quando ha incominciato a suonare, era il quattordici novembre del 44. Ha preso dodici o quindici lezioni di fisarmonica e poi ha cominciato a suonare in giro.
Ha suonato dal 44 al 59 poi si è trasferito a Torino e ha smesso...ha poi ricominciato nel 75, venticinque anni dopo.
In quel periodo il prezzo di una fisarmonica era cinquemilacinquecento lire, Michele ha cominciato a mettere da parte i soldi che guadagnava con la vendita dei funghi, quando ha raggiunto la cifra si è recato a Viù per comprare lo strumento.
Purtroppo il prezzo della fisa era aumentato a seimila lire ma il padre di Michele gli ha dato cinque marenghi guadagnati in Francia e così ha potuto comprarla.
Michele non ha mai imparato a solfeggiare ma suonava molto bene, tra il 47 e il 48 lo chiamavano dappertutto anche perché era in grado di suonare sei o sette ore senza mai fermarsi, gli altri suonatori spesso facevano pause per fumare o bere qualcosa, lui non si fermava mai.
Nel 47saliva tutte le domeniche ad Usseglio per suonare in un albergo, andava su con la corriera e scendeva il lunedì mattina. Il padrone dell'albergo si chiamava Troumlin, Michele cominciava dopo mezzogiorno e proseguiva tutto il pomeriggio e tutta la sera, verso le dieci e mezza Troumlin gli diceva" hai suonato tutto il giorno, adesso è giusto che anche tu ne balli due", così accendeva il giradischi e anche Michele poteva ballare.
Michele si ricorda la storia narrata da un'antica canzone di Lemie in cui il protagonista , Mini'd Cinta, compra un paio di pantaloni nuovi e per provarli li mette per andare ai funghi tornando dopo poco coi pantaloni a brandelli.
Michele ricorda anche la musica dei "Moniou" , era una piccola banda musicale formata da una quindicina di elementi, non avevano nemmeno la divisa, solo un cappello verde a righe gialle.
Una storia che ha reso famosa questa banda tanto che li prendevano anche un po in giro risale al giorno in cui andarono a suonare a Torino per la visita del duce. La banda cominciò a suonare quando non era il momento e si narra che lo stesso Mussolini abbia gridato"fate tacere quella banda!".
Hanno continuato a prenderli in giro per molto tempo, non si sa se sia andata veramente così ma così si racconta....
Si racconta anche che il debutto della banda dei "moniou" sia avvenuto con una esibizione ad Usseglio. Finito lo spettacolo qualcuno chiese ad uno spettatore di Margone come gli era sembrata la Banda, lo spettatore rispose " una banda di matti! C'era chi mordeva il legno, chi mordeva il ferro, uno che si batteva la pancia e per fortuna uno che aveva un po' più di giudizio che si sbracciava dicendo "calmatevi, calmatevi".
Il capo di questa banda era un tipo un po' particolare: si racconta che il giorno del suo matrimonio hanno fatto una grande festa, verso sera lo sposo disse alla sposa di incamminarsi verso casa che lui avrebbe ancora bevuto una volta con gli amici e poi l'avrebbe raggiunta. La novella sposa arrivò a casa e cominciò a dare da mangiare alle bestie e a mungere, poi visto che si era fatto tardi andò a dormire.
Il mattino seguente il marito ancora non c'era e lei ricominciò i lavori nella stalla.
Solo verso le dieci lo sposo comparve con la giacca a spalle dopo aver finito la festa, questa fu la loro prima notte di nozze.
Questo è quello che ha raccontato Michele Baietto, una persona particolare che è stata sempre conquistata dalla musica, tanto da ricordarsi dopo quasi settant'anni la data esatta di quando ha cominciato a suonare, una passione così forte che nonostante avesse smesso da venticinque anni, nel 75 ha ripreso la sua fisarmonica e ha ricominciato a suonare.
franco-provenzale Michele ous-ricouerdet figna la data dlou dì cou l'à-euncaminà a sounà: ou i-èret li catorze eud nouvèmber doou carantècat. Quieul ou sounaveut l'armoni, ou i-à pìia ‘na douzèina eud lésioun, douze-quinze lèsioun, é poi ou i-à sounà peur eiquì eun djir. Ou i-à sounà daou carantècat fin aou carantèneou, poi ou i-eust alà a stâ a Turin é aleura ou i-à quità eud sounà. Ou l'à touerna euncaminà a sounà a la fin doou stantèsinc, couindi vintèsinc an dopou. Eun dit que l'armoni, can que voulèt tchétala quieul, ou coustavet catmilasincseunt lire dju a Viu, aleura a l'à pasà tout l'an alànt a li boulai é a vèndli fin cou l'à vagnà catmilasincseunt lire peur alà a Viu a tchétala. Ma cant cou i-eust aruvà a Viu ou i-ont dit que l'armoni è-i-avet queumbià prési é ou coustavet sèsmila lires. È peur fourtuna que li sold cou mancavount ou i-à pê butali soun pare, cou i-avèt sinc marènc vagnà eun Freunsi é ou i-à dounà sî sold eiquì peur tchétà l'armoni.
Michele ou i-à mai eumparà a soulfèdjìa, pérò a sounà ou i-èret propi boun. Tra lou carantèsèt é lou caratèeut ou lou tchamavount dapértout, a toute eul fèstes, a li bal...peur sounà perquè quieul ou i-avèt lou particular eud sounà anque sès, sèt eure eud fila é ou quitavet mai, mèntre magari aouti sounadoù è-capitavet que ous-fremavount nou moumeunt, eun sounavount una, poi magari ou fazont ‘na fumà o pìivoun quercoza, quieul ou alavet seumper aveunti, via una l'aouta. Ous-eur-ercouerdet que eun toou carantèsèt ou alavet su toute eul dimèndjes a le sès peur souna ou alavet su a to la couriéra é ou vinèt pê dju lou dilunes matìn. Eur-s-ricouerdet que lou soun padroun, sî cou lou tchamavet a sounà, ou-ses-tchamavet Troumlin. Ou euncaminavount djeu a sounà a mèz dì, ou alavount aveunti tout lou dopou mèz dì é pê la tsèira, ma can que è-vinivet vèrs dès é mès, ounze eure eud tsèìra ou dizèt "oura pérò è-i-eust co djust que n'eun bale co due te", aleura ou butavount eun djiradisqui é ou lasivount que co lou sounadoù ou alaset a balà. Ou-ser-ercouerdet con na tchansoun propi eud Lèmies, eun patouà eud Lèmies qui parlavet dla storia d'un, me smiet cou-ses-tchamaveut Minin eud Tchinta, que lou dì que sè tchétà eul brayes neuves, peur pruvale sle butaye subit peur alà a li boulai é ou i-eust ruvà dju tout stcheuncà. N'aouta storia cou-ser-ercouerdet Minin eud Tchinta ès la Muzica dli Mognou: è-ieust nâ a Lèmies, na beunda, ou sèrount gnint tènti meuc quinze o sèze ou-i-avont gneunca la diviza, ou l'ont meuc nou tchapèl, touit istès, nou tchapèl veurt a rigue djaounes. Una de stories eud sta muzica eiquì, cou i-eust gro famouza é li pìivount figna eun poc eundjir, è-i-eust la storia eud can cou sount alà a sounà a Turin perquè ou aruvavet lou Dutche. È can que i-eust vinì eura eud sounà, ou i-ont euncaminà a sounà foura deunt-lou tèn è la storia è-dit que figna Mussolini ou sè djrìa é ou i-à braỳa "Fate tacere quella banda" é ou l'ont countinà a pìilou eun djîr, eunt-lou pais, peur ‘na briva é sâ gnint sé ou i-eust propi vêr o gnint, sé è-i-eust quepità propi parèi o gnint, ma ès-couènta parèi. N'Aoutra coza que-ès-couèntet sla muzica dli Mognou, è-i-eust can cou l'ont fait la prumma sortìa coume muzica, eun couèntount que ou sount alà su a Ousèi a sounà, é dopou cou ou sount istà vià ou i-ont tchamà a un eud Meurgoun sé ou i-à viû la muzica, coume ou i-èret istàya é s'ou i-èret piazùa o gnint é stou sì eud Meurgoun ou i-eust tecà a dî cou i-èret "na beunda eud mât: qui cou rudjìevet lou boua, qui cou rudjìevet lou fêr é poi ou i-èret co un cou-s-batevet la peunsi... peur bouner cou i-èret un cou i-avià eun poc eud piu la tèsta sul col é ou fazèt a touit ill'aoutri "faziamous, faziamous".
Ou-ser-ercouerdet que lou cap eud sta muzica ou i-èret un eun poc particulâr é infatti una storia que lou rigouardet è-i-eust lou dì cou sè marià: aleura ou l'ont fait fèsta djeu tout lou dì quieul é la feumèla eunseumbiou a touiti ill'ospiti é a ill'invità poi can qu è-i-eust vunua tsèira djeu eun pô tard qieul ou i-eust dit a la feumèla. " Tè euncaminte a veurcà que mè vaou bèiri euncoù eun bot é poi vègnou co mè a queu", la feumèla è-i-eust aruvaya a queu, è-i-eust djeu spetà na bèla briva, è-i-eust djeu tacà a dâ eul doit al vatches, è-i-à dait da mindjìi, l'à munzù poi è-i-eust pasà touta la nouèt poi è-i-à touerna dait eul doit al vatches lou matìn dopou é poi vèrs dès eures ou i-eust aruvà l'om coun la djaca a spales, tout countent cou i-avèt apèina finì la fèsta é sta sì è-i-eust istaya la soua prumma nouèt eud noses.
Sit-ou i-eust seun cou mè couèntà Michele Baietto cou i-eust na persouna perticoulâr perquè ou i-eust istâ councouistà da la muzica fin da djouveun di fatti quieul ou couèntavet cou-ser-ercouerdet figna la data cou l'à-euncaminà a sounà li catorze eud nouvèmber doou carantècat é pê ou i-eust couentà n'espériènsi particoulâr, propi la muzica dedin a quieul, propi na coza forta perquè di fatti daou carantèneu ou l'à quità ou i-eust istà vintèsinc an vià da Lèmies ou l'à mai piu sounà pèrò daou stanèsinc, can-cou i-eust tournà, ou ieust touerna tacà la pasioun é aleura ou i-à touerna euncaminà a sounà l'armoni.