Enti in rete L.482/99   

Testimonianze

Dino Ubaudi: suonatore e coscritto da festa

Dino Ubaudi: musicant e couscrit da fèsta

di Pirluigi Ubaudi

Dino Ubaudi: suonatore e coscritto da festa
italiano
L'interesse musicale inizia negli anni '55 -'60 quando si avvicina alla banda musicale di Cantoira appena ricostituita grazie all'opera del parroco Don Aldo, di alcuni veterani più un gruppo di allievi.
L'apprendimento del solfeggio avviene grazie all'insegnamento dei musicanti più anziani che tramandano ciò che a loro volta hanno appreso da generazioni precedenti.
Dopo l'acquisto su commissione di un clarino nuovo il debutto in banda avviene "alla cieca", spesso si perde il filo e alla fine si suona ben poco.
Contemporaneamente Dino comincia ad apprendere a "suonare da ballo". principalmente suona con "Cichin" che accompagnandolo con la fisarmonica gli batte il ritmo sul piede per non fargli perdere il tempo. In quell'epoca i musicanti da ballo sono una merce rara e ricercata, Cichin e Dino sono spesso ingaggiati per animare i balli e le feste. Particolare è l'esperienza in occasione delle feste dei coscritti: i due suonatori vengono assunti annualmente dai coscritti di Mezzenile che organizzano gite e bagordi.
I festeggiamenti iniziano il giorno prima della visita di leva e proseguono per alcuni giorni. I musicanti vengono pagati molto bene ma devono essere disponibili 24 ore su 24: ogni volta che uno dei coscritti desidera un po' di musica bisogna accontentarlo.
Un ricordo particolare di Dino riguarda l'anno in cui i coscritti organizzano una gita a Venezia; i bagordi rallentano la tabella di marcia e dopo un giorno dalla partenza si fa tappa a Padova, segue una nottata di canti e belli finché il giorno successivo la comitiva giunge a Venezia dove, tra turisti incuriositi, si svolge il ballo delle curende in Piazza San Marco. L'avventura si conclude dopo 5 giorni di nuovo a Mezzenile con l'ultimo giro di serenate notturne per il paese.
Molto simile è la festa dei coscritti di San Carlo, in questo caso la gita si svolge a Ivrea per il carnevale.
I suonatori sono ovviamente richiesti anche per le feste di paese o per eventuali feste improvvisate; in questi casi vengono trattati con tutti i riguardi: di solito arriva la "macchina di piazza" inviata dagli organizzatori che li trasporta sul luogo della festa. Ai Monti di Mezzenile la festa dura tre sere e per tre volte i musicanti vengono scarrozzati avanti e indietro, il primo tratto in macchina e poi su per la mulattiera. Chi suona ha diritto alla "badia grosa" che permette libero accesso alla damigiana del vino. Ai Monti si suonano tantissime curende: le prime quattro per i priori e poi il ballo è libero.
Dino ricorda un aneddoto riguardante la fondazione della banda di Cantoira: si racconta che gli aspiranti musicisti avessero ingaggiato un maestro a pagamento il quale, pur avendo terminato il suo compito non se ne voleva andare e continuava a pretendere soldi. L'unico modo che si trovò per scacciarlo fu quello di farlo minacciare dai fascisti.
Curiosa anche la vicenda di "Cavalin" il quale, dopo aver pagato il maestro per la lezione, insisteva per offrirgli un quarto di vino affinché non lo interrogasse.
Dino accenna anche ai "tchiantrin" (cantori) di Cantoira i quali animavano le messe in chiesa e in varie cappelle durante le feste religiose.
La carriera di Dino come suonatore finisce nel '79-'80, quando ci fù una discussione all'interno della Banda che portò alla divisione in due gruppi musicali, la Banda e La Fanfara. Dato che voleva restare in amicizia con tutti, ed era amareggiato per la discussione, ha deciso così di smettere di suonare.
franco-provenzale Dino ou i-eust euncaminà a interèsase a la muzica a mètà doou sincantèsinc o sésanta cant ou l'à euncaminà a sounà eun tla buenda eud Cantoira: eunt-aleura la beunda è-i-èret apèina istà ricostitouỳa grasie a l'opèra doou Préver, Doun Aldou, é a pouque pérsounes piu vièyes cou sount toueurna butà a sounà.
Ou i-à eumparà a soulfèdjìa eumparant da sî piu vièi é sî piu vièi ou l'avont eumparà da d'aouti cou sèrount vinì edveunt. Ou l'à tchétà lou clarin sou coumisioun dju a Tourin ou sle fait meundà su é pê ou l'à euncaminà a sounà. Li prim bot cou l'à sounà ou l'à dit que ou i-avèt propi gnint sounà eun gran que bin, anque perquè ou perdèt souveunt lou fil é a la fin dla djournà ou i-avèt pê gnint sounà eun gran que!
A li stès tèn cou l'à eumparà a sounà eul martches peur la muzica, ou l'à cô eumparà a sounà da bal. Li prim bot cou sounavet da bal ou sounavet eunsèmbiou a Tchiquin de Vru: Tchiquin ou sounavet l'armonic é Dino ou sounavet lou clarin. L'à couèntà que li prim bot ou perdèt souveunt lou tèn é aleura Tchiquin, peur gnint lasì pérder lou tèn, ou li batè lou tèn a to li pìia é parèi l'armoic é lou clarin ou alavount tuiti dui a lou stès tèn.
Daou sésanta eun aveunti, li muzicant da bal ou sèrount eun baroun ritchèrcà peur toute eul fèste que i-avèt èquì peur toute eul valades, aleura Tchiquin é Dino souveunt ou sèrount propi tchamà peur alà a li bal o al fèstes. Oltre eul fèstes ou li capitavet cô d'alà a sounà peur li couscrit: ou sount alà peur divèrsi an a sounà peur li couscrit eud Mizinì é li couscrit eud Mizinì ou fazont propi ‘na fèsta loundji que duravet figna ‘na smana: la fèsta è-eucaminvet lou dì edvant la vizita militar (que tuiti li fî doou pais ou alavount a fâ) é djeu èiquì ou tchamavount li mouzicant, ou li meundavount a pìi da ‘na maquina é la maquina ou li pourtavet a Mizinì...é pê ou euncaminavount a sounà é a fali balà é aveunti parèi...
Nou ricoueurd particoular ou i-eust propi l'an que li couscrit ou l'on coumbinà la djita fin a Vénèsia: eun ourari ou i-èret gnun, ou countinouavount seumper a fâ fèsta, ou douvont partì é eunt-un dì aruvà a Vénèsia...eunvètche a un bot ou sèrount euncoù a Mizinì...aleura la sèira ou sount partì a to lou poulman é ou sount aruvà meuc figna a Padoua, ou sount alà a dourmì eunt-un-oubèrdji é ou l'ont pasà touta la nouèt a tcheuntà é balà é pê lou dì dopou, a forsi eud fâ, ou sount poi aruvà a Vénèsia.
A Vénèsia ou sount alà propi eun Piasi San Marc é ou l'ont euncaminà a balà eul couréndes cô èiquì. Finì la djournà a Vénèsia ou i-ont poi butà dui dì peur tournà eundrê é pê l'aveuntura è-i-eust finìa dopou sinc dì. Ou sount poi tournà a Mizinì, ma eudvant eud lasì liber li muziacant, ou l'ont euncoù fait nou djir eud tsérenades al mourouzes é ill'amis a fase sintì cou i-èrount aruvà é pê ou l'ont lasìa alà a queu li muziacant.
N'aoutra fèsta, seumper dli couscrit, cou alavount seumper Dino é Tchiquin a sounà è-i-èret seulla dli couscrit eud San Carlo: eun stou cas èisì la djita ou i-èret seumper eunt-lou stès post perquè li couscrit ou fazont seumper la fèsta eunt-lou pèriodo eud carlévà é aleura ou alvount seumper a Ivrea peur lou carlévà d'Ivrea.
Pê a part li couscrit è-i-èret cô d'alà a sounà peur li bal, eul fèstes dle bourgàyes