La vento zamé eicöpî trop aut.
Non bisogna mai sputare troppo in alto.

La vento pâ butâ trop de carn ei fuoc.
Non bisogna mettere troppa carne al fuoco.

La vento que lî clap arsemblan a l'oulo.
Bisogna che i piatti rassomiglino alla pentola.

La vento prenne lâ choza dei boun caire.
Bisogna prendere le cose dal lato buono.

La vento toujourn rompe lou glas.
Bisogna sempre rompere il ghiaccio.

La vento volguee ben se tu voli que î te vollhan ben.
Bisogna voler bene se tu vuoi che ti vogliano bene.

La vento volguee ben se tu voli èse archanjà.
Bisogna voler bene se tu vuoi essere ricambiato.

L'ee pâ de farino de fâ d'ostia.
Non è farina da fare ostie.

L'ee pâ toujourn fèto cant lou preire souno.
Non è sempre festa quando il prete suona. (le campane).

L'ee pâ toujourn feto cant lâ cloccha sounan.
Non è sempre festa quando suonano le campane.

La lh'à un dire e doû entendre.
C'è un dire e due intendere.

La lh'à pâ de moulinìe que s'enfarinan pâ.
Non c'è mugnaio che non s'infarini.

La flairo pi que uno mèrdo flappo.
Puzza più che una merda tiepida.

La flairo pi que uno merdo mufìo.
Puzza più che una merda ammuffita.

Laz aparensa troumpan.
Le apparenze ingannano.

La val pâ lî cattre fère d'uno vèso.
Non vale i quattro ferri di un cane. (nulla).

La lengo il ee faito per caicaren.
La lingua è fatta per qualcosa.

La lengo il ee faito per se nen servî.
La lingua è fatta per servirsene.

La vento battre lou fère bèe que al ee chaut.
Bisogna battere il ferro finché è caldo.

La vento dounâ per aguee.
Bisogna dare per avere.