Enti in rete L.482/99   

Maurizio Perron e il suo mestiere di scultore – Jouvenceaux (Sauze d’Oulx)

Maurizio Perron ‘bou soun meitî ‘d shapoutòou

Testo a cura di Renato Sibille

Maurizio Perron e il suo mestiere di scultore – Jouvenceaux (Sauze d’Oulx)
italiano TRADUZIONE IN ITALIANO
Buon giorno, sono Maurizio, sono di Jouvenceaux. Adesso, qui siamo a Champarai. Champarai è tutto qui, ci hanno fatto il freestyle dove una volta erano tutti campi di grano, di fieno, di patate, di carote, insomma di tutto quello. Sto lavorando un blocco di marmo di Carrara e sto facendo una scultura che mi piacerebbe mettere lassù sulle piste di Sauze, sulla dodici, venendo giù da Sportinia a Sauze, dove mio nonno ha avuto delle disavventure/avventure con i tedeschi. E niente, sto… ora ho quasi finito. Praticamente è un blocco astratto rimasto morto e, dentro, c’è un angelo che sta cercando di scappare da lì dentro e niente… mi piacerebbe metterlo lassù, vediamo se ce la faccio… se ce la faccio a farlo.
Niente, dentro casa, qui tutte le case vecchie hanno morse, scalpelli, martelli, delle cose, quindi io da piccolo, avevo cinque o sei anni, ho iniziato a scolpire un po’ il legno. Poi mio papà e mia mamma hanno visto che mi piaceva e allora mi hanno mandato da un maestro di Bardonecchia, poi da un maestro di Pragelato per imparare. Ho imparato, mi è piaciuto sempre di più e pian pianino, pian pianino sono andato avanti e sono passato anche alla pietra, al ghiaccio, alla neve, al ferro, a tutto e adesso ho fatto un po’ di sculture pubbliche in giro per il mondo, dalla Cina al Giappone all’Australia, insomma tutta l’Europa e più o meno un quaranta, quarantacinque opere pubbliche in giro e quindi, insomma, è una cosa che mi piace e spero un giorno di riuscire a fare solo questo, sarà difficile.
È più o meno da dodici anni che ho iniziato ad insegnare ai bambini delle elementari. Insegno a scolpire la creta, quando sono tanto piccoli, poi noi facciamo anche un po’ di vetro, facciamo anche un po’ di vetrofusione, facciamo cose un po’ strane. E quelli un po’ più grandi, di otto, nove o dieci anni, lavorano anche il legno, ne abbiamo fatte anche un po’… ci sono un po’ di sculture adesso nel paese… sulla strada che va a Tachier… ogni fontana di Sauze ha una scultura della fontana fatta di legno, fatta dai bambini piccoli e, insomma… adesso ci sono un po’ di cose in giro fatte dai bambini… spero che un giorno o l’altro qualcuno vorrà continuare a fare qualcosa, vedremo.
Niente, qui parliamo patois e… il nostro patois è diverso sia da quello di Oulx sia da quello di Sauze ed è la prima lingua che ho imparato quando mia mamma mi ha preso in braccio e mio papà mi hanno incominciato a parlare patois. Io, quando sono arrivato all’asilo a Oulx, non sapevo nulla, parlavo solo in patois. Quindi ho trovato tutti gli altri e ho dovuto imparare l’italiano. Però sono contento di saperlo, innanzi tutto perché è una cosa nostra da non perdere e poi, secondo me, mi ha aiutato subito a sapere le lingue e adesso parlo tranquillamente cinque lingue senza problemi e quindi penso che mi abbia aiutato abbastanza.
occitan Boun zhou, siou Maurizio, siou dou Zhouvansiàou. Ieuir isì nou san din Shan Rèi. Shan Rèi l’I tout isì, I l’avian fèi ‘l freestyle ‘nté qu’un viage l’ér tout lou shan ‘d gran, ‘d fen, ‘d tartifla, ‘d pastounadda, ansouma ‘d tout ician. Siou isì apré travalhà un bloc ad marmo ‘d Carrara e siou pré a fâ unë sculturë qu’l’a m’pleirî bitâ amoun sla pista dou Saouzë, sla douzzë, n’anvenan aval da Sportinia ou Saouzë, anté que moun nonou a agù ‘d disavantura/avantura bou lou tedesque. E gnente, siou pré… ieuir èi casi finì. Praticamënta l’I un bloc astratto restà môr e din la lh’à n’anzhë qu’ou l’i pré sharshà dë scapâ d’icì din e gnente… la m’pleirî ‘d ‘l bitâ iciaou, vian së lh’aribbou… së lh’aribbou a l’fâ.
Gnente, din meizoun, isì toutta la meizoun velha laz an d’ tramorsa, scoupiàou, martiàou, ‘d butin, quindi mi da pshì, a l’aviou sinc o séiz an, èi arcoumansà a shapoutiâ ‘n paou ‘l bô. Peui moun pappa e ma mamma i l’an vî qu’l’a m’pleî e alour i m’an mandà da un maitr ‘d Bardounéishë apré da un maitr ad Prazharà par aprën. A m’siou aprèi, m’a cioù plegù ‘d mai e pian pianin, pian pianin a siou anà aran e siou pasà anche a la péir, ‘l glas, a la néa, a ‘l fér, a tout e ieuir èi fèi ‘n paou ‘d scultura pubbliche ‘n gir par ‘l mound, da la Cina ou Giappone a l’Australia, ‘nsouma touttë l’Eouroppë e più o meno un carant, carantsinc opere pubbliche an gir e quindi, insomma, l’i unë shozë quë la m’plai e sperou… sperou un zhou d’aribâ a fâ mac isiàn isì, la saré difisil.
Lh’a più o meno dous an qu’èi arcoumansà a moutrâ a louz eifan dlaz elementéra. A motrou a scoulpî la creta, can i soun tan pshis, pré nou fazan anche ‘n paou ‘d vèir, fazan anche ‘n paou ‘d vetrofusione, nou fazan ‘d shoza ‘n paou strane. E quellou ‘n paou plu gran, ‘d eut an, naou an, dez an travalhan anche ‘l bô, n’avon fai anche ‘n paou… lh’a ‘n paou d’ scultura ieuir din ‘l pai... sla vî qu’i véi Tashî… shac fountanë dou Saouzë i l’a unë sculturë ‘d la fountanë faitë ‘d bô, fai da louz eifan pshis e ansouma… lh’a ‘n paou ‘d shoza ‘n gir ieuir faita da louz eifan… sperou que ‘n zhou o l’aoutr cocun voudreré continouê fâ cocaran, a veiran.
Gnente, isì nou parlan ël patouà e… notr patouà ou l’i diferan sî d’an Vîr, sī dou qué dou Saouzë e l’i la proumi languë que mi a m’siou apréi can ma mamma m’a préi an bras e moun pappa m’an coumansà parlâ ‘l patouà. Mi, can a siou ribà a l’asilo an Vîr, a sabiou nhente, parlavou mac ‘l patouà. Quindi èi troubà tou louz aoutre èi dogù m’apren a parlâ italian. Però a siou countan ‘d ‘l sòoupeir, dran tout perqué l’i unë shozë notrë pa da perd e apré, segoun mi, l’a m’a abitouà tousouitë a sòoupeir la langa e ieuir a parlou tranquilmanta sinc langa sans probleme e quindi pansou que m’abbia azhouâ abastans.