Enti in rete L.482/99   

Mario Manzon e il pane di Sauze di Cesana

Mario Manzoun e lou pon da Sauze ‘d Sezana

Testo a cura di Renato Sibille

Mario Manzon e il pane di Sauze di Cesana
italiano Io sono Mario Manzon di Sauze di Cesana, 5.11.1926. Ogni tanto facevamo il pane di segale. Pane di segale che facevamo con la segale, la farina di segale. E sto pane, bisognava avere il lievito che impastavamo come fosse adesso, però si impastava adesso poi, dopo ventiquattr’ore, si impastava di nuovo, dopo ventiquattr’ore si portava al forno e si faceva cuocere per quattro ore di fila. Almeno quattro ore perché sia cotto, forse anche qualche cosa, anche un po’ di più, ma… Ben cotto, allora si portava a casa questo pane di segale. E serviva per tutto l’anno, tutto l’anno perché si conservava , si metteva nella grangia all’aria e per un anno non pativa, era sempre godibile. E, invece, l’altro pane che mangiavamo tutti i giorni, si faceva una volta al mese. Una volta al mese, così che… e ce n’era per tutto il mese di questo pane qui. Una pagnotta al giorno, più o meno, a seconda delle famiglie, e ci bastava, più o meno, tutto il mese. Una volta al mese si prendeva l’appuntamento al forno perché c’era tutto il paese che faceva il pane. E allora noi prendevamo l’appuntamento o al mattino, a mezzogiorno o dopo pranzo, ed era il nostro turno, facevamo in fretta a fare i pani metterli su e farli cuocere un’ora, il pane che mangiavamo tutti i giorni. E ce n’era per un mese.
occitan

(grafia de l'Escolo dóu Po)

Mi a sioù Mario Manzoun da Sauze ‘d Sezana 5.11.1926. De tens nou faziou ‘l pon de blà. Pon de blà que fazian bou ‘l blà, la farina dal blà. E sté pon ventava aver ‘l lievito que impatavou como fousë euiro però s’patava euiro poi apré vintecatr oura tournavon tourn ‘mpatâ, apré vintecatr oura s’pourtava a fourt e s’fazia coire per catr oura de fila. A menta catr oura par ese ceuit forse anche qualcosa, ‘n po d’ moi anche ma… Ben cueit aloura lou pourtavou a meizoun sté pon ‘d blà. E servia per tou l’an, tou l’an perqué a s’counservava, s’bitava din la grangë a l’èr e per un an a patia pa, era sempre goudible. E invece l’aoute pon que nou mingiavou tou lou giours, s’fazia ‘n iage a mé. ‘N iage a mé, me que… e nh’era per tou el mé de sté pon ie. Un pes per giour, più o meno, segoun la famihla, e nou servia, più o meno, tou ‘l méi. Un iage al mé prenìa l’apountament a fourt perqué iera tout el paî que fazia el pon. E allora nou prenia l’apuntament o lou matì meigiourt o apré meigiourt, l’era nostro turno, staziou ‘n presa mounté pan, me qué su, mé que coir un ouro, ‘l pon que s’mingiava tou lou giours. E nh’era per un mé.