Enti in rete L.482/99   

Sampeyre - Sant Pèire

I sarvanòts sul balcone / La sarvanotta di Rore

Lhi sarvanòts s'la lòbia / La sarvanòta de Rore

leggende della Valle Varaita

I sarvanòts sul balcone / La sarvanotta di Rore
italiano I SARVANÒTS SUL BALCONE   
C'era una volta una famiglia di Rore che, in autunno, aveva raccolto le noci e le aveva messe in un sacco sul balcone, davanti alla camera in cui dormivano. Una notte, però, cominciarono a sentire “tic tic e tic tic e tic tic”. Le noci battevano e saltellavano sul piano in legno del balcone. La prima volta gli uomini rimasero molto spaventati da questo rumore. A1 mattino uscirono e trovarono tutto a posto. Le notti seguenti si ripeté il tic tic e tic tic e tic tic. La loro paura col tempo diminuiva, ma il rumore non diminuiva. Allora andarono da un saggio per chiedere consigli sul da farsi. Questi disse: "Togliete le noci dal sacco, mettete dell'avena nello stesso sacco e nello stesso posto". Così fecero. Voi avrete già capito che erano i sarvanòts che di notte andavano a giocare con le noci su quel bel balcone. La notte seguente essi arrivarono, vuotarono il sacco e videro i chicchi d'avena. I sarvanot si misero a piangere, piansero tutta la notte. Così, anziché sentire il tic tic delle noci, gli uomini sentirono il pianto dei sarvanot. A raccogliere un sacco di noci dopo aver giocato si fa abbastanza in fretta, mentre a raccogliere un sacco di avena occorre molto più tempo, perché i chicchi sono piccoli.
Ecco perché i sarvanot piansero tutta la notte: quella notte non poterono giocare, non ne ebbero il tempo. A1 mattino il sacco di avena fu trovato al suo posto, con tutti i chicchi dentro. Da quella volta ì sarvanot non tornarono più su quel balcone.

LA SARVANOTTA DI RORE
Un tempo, una famiglia di Roure di Sampeyre aveva assunto una sarvanotta, che era molto laboriosa, parlava poco, lavorava molto, sapeva fare molte cose. Gli uomini erano contentissimi di quella serva. La sarvanotta, però, portava sempre le gonne molto lunghe, che le coprivano completamente i piedi. La curiosità degli uomini era forte, si chiedevano come fossero i suoi piedi. Misero allora della cenere sul pavimento, in modo che quando lei ci passò sopra lasciò le impronte: i suoi piedi erano caprini! Ma la sarvanotto si accorse di essere stata presa in giro e se ne andò via. Manifestò tutto il suo disappunto dicendo: "Mi vos aviu mostrat a fa bur  e tomas dal lach. Vos avariu encà mostrat a far la cira dal lach. Vosautri sietz ‘stats desunests, vau via e vos lo mòstro pas pus ".
(Io vi avevo insegnato a ricavare il burro e i formaggi dal latte. Vi avrei ancora insegnato a ricavare la cera dal latte. Voi siete stati disonesti, vado via e non ve lo insegno più).
occitan LHI SARVANÒTS S’LA LÒBIA

La lhi avia un bòt na familha de Rore que, l’auton, avia culhit las noses e las avia butaas dins un sac sus la lòbia, denant la chambra ente durmion.
Una nuech, totun, comenceron a sentir “tic tic e tic tic e tic tic.”. Las noses bation e sautavon sal plan de bòsc de la lòbia. Lo premier bòt lhi òmes augueron paur d’aqueste bruch. Lo matin, troberon tot en òrdre, las nuech a seguir retornet de mai lo “tic tic e tic tic e tic tic.” Après un pauc, avion menc paur, mas lo bruch quitava pas. Alora aneron da un satge per demandar de conselhs sus çò que far. E aquel diguet: “Gavatz-las noses dal sac e al pòst butatz de AVENA”.
Pareli faseron. Coma auretz já comprés, eron lhi sarvanòts que de nuech anavon juar sus la lòbia abo las noses. La nuech après, ilhs arruberon, vuideron lo sac e troberon l’ AVENA. Comenceron a plorar e ploreron tota la nuech, pareli, ensita de sentir lo tic tic de las noses lhi òmes sention lhi sarvanòts plorar. A culhir un sac de noses après aver juat la se fai fito, mas a culhir un sac de AVENA lhi chal ben mai de temp, perqué lhi granets son pichòts,.
L’es pr’aquò quel hi sarvanòts ploreron tota nuech: aquila nuech an pas polgut juar, n’an pas agut lo temp. Lo matin d’après lo sac d’AVENA era a sa plaça, bo tuchi lhi granets dins. D’aquel bòt lhi sarvanòts son mai pus retornats sus aquila lòbia.

LA SARVANÒTA DE RORE
Un temp, na familha de Rore de Sant Peire avia pilha al trabalh na sarvanòta ben trabalhaoira, parlava gaire, trabalhava tant, sabia far un baron de causas. Lhi òmes eron ben contents d’aquela serventa. La sarvanòta, totun, portava totjorn las còtas lònjas que lhi curbion ben lhi pès. La curiositat de lhi òmes era fòrta, ilhs e demandavon coma foguesson lhi siei pès. Alora, buteron de cenre sal sòl e parelh ilhe lhi laisset las piaas: lhi siei pès eron pès da chabra! Totun la sarvanòta s’acorset d’èsser estaa pilhaa per lo nas e se n’anet disent: “"Mi vos aviu mostrat a fa bur  e tomas dal lach. Vos avariu encà mostrat a far la cira dal lach. Vosautri sietz ‘stats desunests, vau via e vos lo mòstro pas pus ".