Enti in rete L.482/99   

Poesie da Salbertrand - Clelia Baccon

Clelia Baccon i countë sa poezie

di Paola Vai

Poesie da Salbertrand - Clelia Baccon
italiano

Raccontate nonno, raccontate!

Lassù nel forno di Pisina
Giovanni sta estraendo il pane,
la giornata del fornaio è stata faticosa
ma anche stasera il pane è cotto.

La porta del locale è socchiusa
fuori fa freddo (siamo in tardo autunno)
ed il caldo, col profumo di pane fresco,
si diffonde nei campi dei dintorni.

Da dove arriva quell'orso?
"Un orso?" (i bambini si fanno più vicini al nonno).
Sì, e si è spinto fin lì attratto dal profumo del pane,
poiché aveva fame.

Giovanni se lo vede sull'uscio
grosso nero, con la bocca spalancata
(pure i bambini se lo vedono dinanzi,
con la bocca spalancata, ritto sulle zampe posteriori...
Che spavento!).

La bestia sbarra l'uscio con la sua mole
ma Giovanni non si perde d'animo: prende un pane e dicendo
"Va e che Dio ti protegga"
lo lancia con destrezza all'animale affamato.

L'orso l'acchiappa al volo e...
non c'è più l'orso sull'uscio,
c'è un uomo distinto, un forestiero...
"Davvero? E dopo? Raccontate nonno, raccontate!"

Pure Giovanni è rimasto di sasso
a bocca aperta. "Non abbiate paura
(gli dice quell'uomo con bel garbo)
ora vi racconto quel che mi è successo.

Vivevo nel Brianzonese,
disponevo del necessario e del superfluo.
Una maledizione fu la mia rovina,
da allora un orso vagò nel bosco, solo e disperato".

(Povero orso! Ora fa un po' pena).
"E dopo, nonno? Raccontate!"
"Grazie al pane che mi avete dato e alle parole
che mi avete detto, la maledizione ha perso ogni
effetto".

E l'uomo, aperta una scarsella
ne estrae tre monete d'oro,
luccicanti come il sole
e le porge al fornaio, che non ne aveva mai viste.

Poi col suo pane fresco, contento
si avvia lui pure per la strada percorsa dalla gente
(ed i bambini, che con i loro occhi
lo vedono partire, lo vorrebbero seguire).

Molto tempo è trascorso!
Giovanni riposa nel vecchio cimitero e lassù il forno
non c'è più
ma è rimasto il nome: "la tera dla Gardioù".


E se dessi via libera

Se dessi via libera
Ai miei ricordi del tempo passato
Sarebbe lungo raccontare tutto ciò che mi è capitato
Se penso ai giochi, ai racconti, alle feste patronali.
Agli spaventi, alla guerra, ai rastrellamenti.
Se penso a quei formicai pieni di vita,
A quei bombi, girini e farfalle.
Che ho ben guardato
Mentre vivevano la loro giornata.
Se penso ai miei sogni, alle prime emozioni,
A tutto quel lavoro con le persone di casa mia.
Se penso a quelle albe viste lassù
Dalla scorciatoia del Seui
Allo spuntar del giorno,
A quel sole che non voleva decidersi,
Per me stanco,
Di andare ormai a coricarsi.
Se penso a quel cielo pieno di stelle
Su di me e su moi padre mentre irrighiamo
a Chénébières.
Se penso a quella strada ripida
Per giungere a scuola lassù,
A quelle notti passate nelle borgate
E poi, come fare a dimenticare,
Tutti quegli scolari che mi aspettavano
Lassù, laggiù,
Ciascuno fatto a suo modo e tutti diversi
Ma tutti da stimare!

occitan

(grafia dell'Escolo dóu Po)


Countà gran, countà!

Iciòou din 'l foû dla Pisina
que Zhanin ou l'î aprê sourtî ël pan:
la zhournà dou fournî i l'î ità lonzha
ma ël pan mai seineui ou l'î queui.

La porta l'a 'na beusha,
fo(r) la fai frei (l'î d'outën tar)
e la sha(r)ou, bou ël fla dou pan frèsc,
i s'per din lou shan dou-z-envi(r)an.

Dent'ou ribba cl'ours?
"N'ours?" (e louz ifan i s'fan plu prossh dou gran).
Ouì, e scl'à fai aproushâ
l'î ël fla dou pan, ou l'avià fan.

Que Zhanin ou se l'vè sla porta
grô, nhî, bou 'l mour ibêr
(mai luz ifan i se l'vèian di(r)an
bou 'l mour ibêr, la patta ën lòou... que pòou!).

La bèicha i bussha la porta
ma ël Zhanin ou prën un pan e 'n disën
"Vai a la gàrdia 'd Dioù"
ou l'tappa, biën lansà, a cla bèicha afamà.

L'ours ou l'atrappa aou vol e...
la lh'à pamài n'ours sla porta,
la lh'à 'n bel om, 'n fou(r)itî...
"Daboun ? e aprê? Countà gran, countà!"

Mai que Zhanin ou l'i restà 'd bô
bou la gou(r)a ibèrta. "Fasiòou pa pòou
(ou l'di cl'om bou bê deuit)
mi ièu(r) aou countou : icoutà s’qu’la mi aribà.

Mi a vivioû a Brinasoun e a l'avioû 'd que m' servî e encâ davansa.
'na maledisioun l'î ità ma rouina,
apré n'ours ou l'à vi(r)à pal bô, sou(r)é e dispe(r)à".

(Po(r) ours! Ièui(r) ou fai 'n pòou pèina)
"E aprê? Countà gran, countà!"
"Mersì aou pan qu'ou m'avè dounà e a la parolla
qu'ou m'avè dì, la maledisioun i l'à finì".

E l'om, ibèrta 'na scarsela
ou ti(r)a fo(r)a tréi pesa d'or, bëlla
lustrianta 'ma 'l sou(r)é
e ou la douna aou fournî qu’ou n'avìa zhoumài vî.

Peui, bou soun pan frèsc, countën
ou prën mai iè ël shamin dla zhën
(e louz ifan que bou louri-z-eu
i l'vèian partî, i voudrian l'souivî).

La n'à pasà 'd tën! D'alou(r)a
que 'l Zhanin ou s'arpàousa e iciòou ël foû
ou lh'î pamài
ma l'i restà 'l noù: la tera dla Gardioù.


E sa douness via libbra

S’a douness via libbra
A ma souvenansa dou tën pasà
La sa(r)ìa lon countâ tout scl’a mi ribà.
S’a pensou aou zhouòs, a la conta, a la feta dou sen.
Aou-z-ipouàn, a la guèra, aou rastrelamën.
S’a pensou a clou furmizî plën ‘d vitta,
A cla tòouna, casiou e parpalhòs.
Qu’a l’èi biën beicà
Mëntën qu’i vivìan loura zhournà.
S’a pensou a moun souìmi, a cla prumie(r)a emousioun
A tout que travalh bou la zhën ‘d ma mizoun.
S’a pensou a cla-z-òouba vitta amoû
Par l’icoursha dou Seui
A la pouinta dou zhoû,
A que souré qu’ou vourìa pa s’disidâ,
par mi fatigà,
d’anâ iamën a s’couzhâ.
S’a pensou a que sê plën d’itié(r)a
Su mi e moun pappa aprê eigâ
a la Shimbie(r)a.
S’a pensou a que shamin ou ròou
Par aribâ a l’ico(r)a iciòou,
A cla neui pasà din la bourzhâ
E peui, ‘ma fâ a isubliâ,
Tout clouz icou(r)î qu’i m’atendìan
Iciamou, istaval,
Shacun fai a sa manhera e tous dife(r)an
Ma tous da stimâ !