Enti in rete L.482/99   

Robilante

Robilant

Robilante
italiano

Robilante, comune di 2500 abitanti posto in Val Vermenagna a 686 m di quota, deriverebbe il proprio toponimo Rubulandus, attestato nel 1041, o Ribolendus, nel 1311, da rivus (tur)bulentus, forse il gorgogliante torrente Cialancie. Altri fanno invece risalire il nome al latino rubicante, rosseggiante, con riferimento al colore rossiccio della terra di alcune sue zone. Le frazioni principali sono Malandrè, Montasso, Tetto Chiappello, Tetto Pettavino, Vermanera, Cialance, Snive , Rescasso, Agnelli.
Il villaggio fu a lungo legato all'abate di San Dalmazzo che l'aveva ricevuto in feudo dal marchese di Saluzzo; in seguito entrò nel distretto di Cuneo e pervenne ai Savoia nel 1364. Infeudato da Amedeo VII ai marchesi di Ceva (1373), verrà riconquistato da Amedeo VIII nel 1425, e riunito al mandamento di Cuneo. Nel 1619 il paese fu concesso in feudo ai Nicolis, signori di Varallo, che con il titolo di conti di Robilant, renderanno a lungo celebre il suo nome.
Il borgo si sviluppa intorno alla Parrocchiale di San Donato del XVIII secolo, con portici laterali realizzati ad inizio '800, che custodisce un pregevole Crocifisso ligneo tardo gotico del XIV secolo. Il campanile fu la base della torre di un’antica fortificazione, mentre la parte terminale risale al ‘600. Nei pressi della chiesa, in via Eminia, è conservato un affresco quattrocentesco, raffigurante una Madonna con Gesù Bambino. La settecentesca ex Chiesa di Santa Croce, sconsacrata nel 1960, è oggi salone espositivo e auditorium. La Cappella di Sant'Anna, del XVII secolo, sorge su una collina sulla preesistente chiesa di S. Bernardo: è affrescata con scene della vita di Gioachino ed Anna e presenta nel porticato un affresco del 1664 con la S. Sindone, protettrice contro la peste. Nella conca delle Piagge, a 1347 m, sorge la Cappella della Madonna delle Piagge o Nostra Signora del Laghetto, del 1899. La Cappella di S. Margherita e S. Lorenzo è molto antica e pare abbia avuto origine da una grazia straordinaria ottenuta per intercessione della Santa; il SS. Nome di Maria al Malandrè risale al ‘700, quando la popolazione della frazione era aumentata a tal punto da suggerire la costruzione di una chiesa e di una scuola propria. La Cappella di S. Giacomo è situata presso la frazione Agnelli, una delle più antiche, e risale alla fine del ‘600; quella del Cuore Immacolato di Maria, dal grazioso portico, è a Vermanera, e risale al 1954; ancor più recente è S. Giuseppe in località Montasso, della fine del XX secolo. Sono poi numerosi i piloni votivi, tra cui vanno ricordati quelli della Battaglia e del Moro, in frazione Malandrè, che ricordano le leggendarie incursioni saracene.
Accanto alle attività tradizionali come allevamento e silvicoltura, sorgono cave di silice e impianti cementiferi. In paese è ancora in funzione un antichissimo mulino ad acqua per la molitura di granaglie, oggi presidio Slowfood. Due sono i personaggi robilantesi più famosi, cui è dedicato anche il Museo della fisarmonica, della musica e dell'arte popolare: Notu Sunadur, soprannome di Giuseppe Vallauri, fisarmonicista autodidatta e costruttore e riparatore di fisarmoniche, e Jors de Snive, al secolo Giorgio Bertaina, scultore che ha inciso nel legno vere e proprie scene di vita popolare. Tipiche della Val Vermenagna sono le danze correnta e balet, alla cui diffusione e conservazione si dedica il gruppo folkloristico locale dei Balarin di Barme.

Il museo della fisarmonica di Robilante è aperto tutte le domeniche mattina di luglio, agosto e a ferragosto dalle ore 10 alle ore 12 e il 18 e 19 luglio (in occasione festa patronale di S. Anna) dalle ore 21 alle ore 23. Sempre possibili aperture su richiesta telefonando a: Alba 0171 789116, Renzo 347 7875025, Silvio 348 2484890, Comune di Robilante 0171 78101. 

Ingresso a offerta libera. Per ulteriori informazioni: www.comune.robilante.cn.it 

occitan Robilant, comuna de 2500 abitants plaçaa en Val Vermenanha a 686 m d’autessa, preneria son topònim Rubulandus, atestat ental 1041, o Ribolendus, ental 1311, da rivus (tur)bulentus, benlèu lo gorgolhant riu Chalanchas. Autres lo fan remontar al latin rubicante, ros, en rapòrt al color ros de sa terra. Las fracions principalas son Malandrè, Montàs, Teit Quiapel, Teit Pitavin, Vermanera, Chalanchas, Snive, Rescàs, Anhèls.
Lo vilatge era liat a l’abat de Sant Dalmatz que l'avia recebut en feude dal marqués de Saluces; après intra ental distrèct de Coni e passa ai Savòia ental 1364. Enfeudat da Amedeo VII ai marqués de Ceva (1373), ven reconquistat da Amedeo VIII ental 1425, e reunit al mandament de Coni. Ental 1619 lo país es donat en feude ai Nicolis, senhors de Varal, que emè lo titol de comts de Robilant, rendarèn famós son nom.
Lo borg s’eslarja a l’entorn de la Parroquiala de Sant Donat del XVIII secle, emè pòrtics laterals del principi de l'800, que garda un preciós Crocifís en bòsc tardo-gòtic del XIV secle. Lo cloquier del ‘600 es construit sus la tor d’una antica fortificacion. Dapè de la glèisa, en via Eminia, s’es conservat un fresc del Quatre cents, emè una Madòna e Bambin. L’ex Glèisa de Santa Crotz, del Sèt cents e desconsacraa ental 1960, es encuei salon expositiu e auditòrium. La Chapèla de Sant'Ana, del XVII secle, es plaçaa sus una colina s’la preexistenta glèisa de S. Bernard: es frescaa emè scenas de la vita de Joaquin e Ana e presenta ental pòrtic un fresc del 1664 emè la S. Sindone, protectritz contra la pèst. En la conca des Platjas, a 1347 m, se tròba la Chapèla de la Madòna des Platjas o Nòstra Dama del Laguet, del 1899. La Chapèla de S. Marguerita e S. Lorenç es ben antica e semelha sie estaa construia per una gracia extraordinaria obtengua per entercession de la Santa; lo SS. Nom de Maria al Malandrè remonta al ‘700, quora la popolacion de la fracion era talament creissua da far realizar exprés una glèisa e una escòla. La Chapèla de S. Jaco es plaçaa dapè la fracion Anhèls, una des mai anticas, e remonta a la fin del ‘600; aquela del Còr Imacolat de Maria, dal graciós pòrtic, es a Vermanera, e remonta al 1954; encara mai recenta es S. Jusep al Montàs, de la fin del XX secle. Lhi a puèi nombrós pilons, coma aqueli de la Batalha e del Mòr, en fracion Malandrè, que navison las legendarias invasions sarrasinas.
Dapè a activitats tradicionalas coma enlevament e silvicoltura, lhi a de cavas de silis e cementificis. En país es encara en foncion un antic molin a aiga per granalhas, encuei presidi Slowfood. Dui son lhi personatges robilantés mai famós, ai quals es dediat decò lo Musèu de l’armòni, de la musica e de l'art popolara: Nòto Sonador, extranòm de Giuseppe Vallauri, fisarmonicista autodidacta e constructor e riparator d’armònis, e Jòrs de Snive, al secle Giorgio Bertaina, escultor qu’a talhat ental bòsc scenas de vita popolara. Tipicas de la Val Vermenanha son las danças correnta e balet, gardaas e tramandaas dal grop folkloristic local di Balarin des Barmas.