Ÿ citti dla scòla elementar at Frasinei i sòn:

Marchiando Giovanni

Perono B. Davide

Classe I

Callà Fulvio

Cattarello Christian

Craveri Alessia

Poletto M. Alberto

Richiardi Irene

Classe II

Bonatto M. Gianluca

Brunasso c. Andrea

Cattarello Valeria

Classe III

Brogliatto M. Alice

Callà Jessica

Marchiando Francesco

Classe V

Coppo Cristina

Maistra

GRAFIA

È Ò

Vocali aperte

É Ó

Vocali chiuse

Ë

Indistinta

Ö

Come nel francese “feu”

Ü

Come nel francese “due”

s-ce

Come in bes-ce

s-ci

Come in mas-ciá

Frasinei as trove giüri at Pont Canavesis, a 60 Km da Turen. An mès la Val Orco e la Val Súana. Alé ciamá la “Lobia dal Canaveis”.

INDAGINE

Dall’indagine svolta tra i nostri genitori, nonni e bisnonni, risulta che:

Tecnico laboratorio

1

Restauratore

1

Operaio

5

Inserviente

2

Muratore

2

Assistente dentista

1

Commerciante

2

Casalinga

4

allevatore

2

Il lavoro dei nostri genitori sono molto vari. La maggior parte di essi lavora fuori paese e il lavoro più rappresentato è quello dell’operaio.

Anche per i nostri nonni e bisnonni i lavori erano vari, ma prevaleva il lavoro del contadino e quello dell’allevatore.

Il lavoro dei nostri nonni (Anni 1960-1980)

Panettiere

1

Dirigente

1

Modista

1

Commerciante

3

Tipografo

1

Cantoniere

1

Operaio

7

Muratore

1

Contadino

3

Allevatore

8

Casalinga

4

Il lavoro dei nostri bisnonni (Anni 1920-1960)

Artigiano

2

Insegnante

1

Operaio

6

Contadino

14

Impiegato

1

Cantoniere

1

Sarto

1

Guardia carceraria

1

Casalinga

2

Allevatore

11

AGRICULTÜRA

Sia an tal secul pasà che an ti nosti giurn, l’agricultŭra sai a Frasinei, cittŭ pais at muntagni alĕaempe sta povar e andrer par culpa dal tĕritori muntagni, dla fret d’invern e le istă trop cürte. An tal nostu pais a iĕ mac pĭ stă pochi ciamp at trifule. Mac fina a 40/50 an fă, anche an ti post pi brut, I nosti veb risivan a snar, parchĕ basiva i pian anche an tal brue,custrüivan al masere at pera, ancüi is vesan pĭ parchĕ son quată dai bösü. Pian pian la campagni annive abandună: i vei mürivan e i giuăn andavan a sarcar lavur vi dal pais. A Frasinei as cultivave mac la biavă ca sarvive par far al pan. Ancüi as cultive pĭ. La biava as cultiva alternă cun trifule e rave. Par al bes-ce sa smnave niente, parchĕ as dunave mac al fen. An ti ciamp a lavurave tută la famia: la tera annive lavură cun la sapa, al rastel e al trëint.

Par angrasir as buvrave l’agliam at vaci, che as purtave a spale, cun la siveri o cun al burich. An cachi burgă al prime trifule as piantavan sënt giurn dopu ancumënsia l’an canchi as cüivan, sa smnavan al rave, che as cuivan d’invern, par far dal bune mneste. As piantavan anche al cuse, ansimă i munton dl’agliam che as gariave dopŭ scumbră.

Sa smnave mac cun la lünă ca calĕ e as duvive mai smnar ant auti giür.

As masere at pera (terrazzamenti): ancüi as vesan pĭ parchĕ son quată dai bösu.

ATTREZZI PER L’AGRICOLTURA DI IERI E DI OGGI

DI IERI E DI OGGI

Trëint

Tridente

Siveri

Slitta

Sapa

Zappa

Rastel

Rastrello

Girello

Imballatrice

Falciatrice

UNA VOLTA C’ERA LA CEREALICOLTURA

LA BIAVA (SEGALE)

Canchi a lere mäiri, la biava as taive cun la masuiri, as basiva di fos e as purtavan an tle cort: la biava as bütave andimă di lansürn e annive batüa cun di baston, par separar i gran da la busc-a poi is pasavan ancŏ an tal val gran, poi as bütavan den an ti casion at bosch. I gran annivan purtă ai Mülen na burgă an ti chi aiere al mülen, par macinai, e cun la farină ricavă andavan an Vi Capel an ti chi aiere val furn, e as fasive al pan at biava. Na part dla farină as purtave a mason e as dunave al besc-e.

OGGI C’É ANCORA UN PO’ DI ERBICOLTURA (ERBICÜLTÜRA)

Ancŏ ancüi alé praticá l’erbicültüra da cachi famie che fan ancó na vita da cuntaden.

Na vota tüti praticavan l’erbicultura al Rantan, Soma, Ciareri, Vicrest, Pradu-vie, la Costa ecc…, eran pra visen al burgă, e smanavan, largivan e taiavan fen. Sti pră annivan angrasia cun l’agliam, as taiga tüté al piënte e annivan puă caie che sarvivan cume: gli arbu, al nus, al mëil.

I nom di tai son: al fen, l’ariorda (secund tai), racors (ters tai). Al fen as taie an tal mëis at mei,giugn, cänchi la fiuridura a lĕ finia e l’erbab a cämbie culur.

Na vota ad taive cun la sesa al fen annive spată cun al furchen e virĭa cun al rastél, a la noi is basiva i migió o le quarele par tinilu al siic-c.

Cänchi a lere s-cia as gariave an ti fiaröl, e annivan ciargia sla testa e purtă an tla casină. Ancüi al fen as taie cun la falcia tris, as vire cul girello e canchi a lé s-cia a ven ambală an balôt dal’ambaladur. A-iĕ ancŏ dla gëns che fan al fen cume nă vota, parchĕ cachi pra i son fet a brie e scomud da tair cun i machinar.

Balôt

Balla di fieno

Furchen

Forca

Rastèl

Rastrello

Sesa

Falce

Migiò

Covone

ALLEVAMENTO

Na vota an tal pais s’anlevavan vace, fe, cive, asu, giarinè, cüni e cai pì rich tinivan anche i cren. Ancüi s’anlevan vace, cive, giariné e cüni, anche se at cuntaden gne sempe meno.

AL BUL (LA STALLA)

Un tempo le stalle erano sotto l’abitazione, oggi sono situate accanto. La stalla veniva pulita con il trënt (tridente) e con il “rabiû” (attrezzo apposito simile alla zappa). Anche oggi nel nostro paese la stalla viene pulita così l’unica differenza è che il letame viene trasportato con il trattore.

In paese ci sono pochissimi allevatori effettivi (con almeno una ventina di mucche) che vivono di questa attività. Esistono poi famiglie che hanno due o tre mucche. Le mucche si allevano per il latte il formaggio e la carne.

LA VACI

Corne

Corna

Cua

Coda

Piët

Petto

Socu

Zoccolo

Vel

Vitello

M-nsa

Manzo

Bori

Toro

Le mucche si puliscono se sporche e quando vanno all’alpeggio. Si puliscono con la striglia (brûsci) e si taglia il pelo sulla coda (tusunar la cûa). Gli zoccoli devono sempre essere ben tagliati, altrimenti la mucca zoppica. Per far diventar belle le corna ai vitelli si mette il “Viracorne”. Per la riproduzione alcuni allevatori hanno ancora il toro, ma la maggior parte effettuano l’inseminazione artificiale. Il parto avveniva e avviene ancor oggi nella stalla: una volta si dormiva nella stalla e si vegliava la mucca partoriente ora si va a turno ad assisterla. A volte occorre un parto cesareo effettuato dal veterinario.

MALATTIE DELLE MUCCHE

Una malattia delle mucche si chiama “mastite”.

Una malattia delle mucche è anche “l’afta epizzotica” che colpisce la bocca e un tempo si cercava di curare con erbe locali che disinfettavano.

ALIMENTAZIONE E ABBEVERAGGIO DELLE MUCCHE

Alle mucche si dà da mangiare per ordine:

fieno – acqua- fieno – mangime. Il fieno dal fienile alla stalla veniva trasportato a spalle con il fiûrer (telo di canapa). Oggi si usano i balôt.

L’abbeveraggio è sia interno alla stalla (ciotole di ghisa attaccate a un tubo, da cui esce l’acqua), sia esterna (si portano le mucche alla fontana più vicina). Le mucche non bevono acqua sporca.

IL GIACIGLIO DELLE MUCCHE

Nella lettiera si mettono paglia, foglie secche (giâs) e a volte anche un po’ di segatura (specialmente per i cavalli).

LA MUNGITURA

Solitamente la mungitura è manuale, qui in paese sono pochi ad avere la mungitrice meccanica. Si utilizza il grasso solo quando le mammelle fanno male.

mungere

Musar

Preparare le mammelle

Mettar

IL LATTE

Il latte viene usato dalla famiglie per consumo proprio e per fare il formaggio. Inoltre nel nostro paese c’è un locale adibito a raccolta latte; il latte viene ritirato da un camion due volte la settimana e viene portato alla “Latteria della Valle Sacra” (Borgiallo).

Le razze, qui a Frassinetto, più allevate sono la Valdaostana e la piemontese.

CIVE E FÉ

Ancüi s’anlevan meno cive e fé at na vota. S anlevan par al let e la tumá. Al fümele is ciaman cive, i mas-ciu as ciaman bêc, i ciatti ciavrì. Is tintan an tal bul cun al vace o da sule a sec und dal post ca aié. As dune da mingir fen o erba fres-ca.

I CREN

Air: mac al famie pi ricche pusivan tinir i cren; aiere nin rase diverse. Da mingi ras dunave la mingir vansia ad mason o anche ploie at trifule e vardüre. Ancüi s’anlevan pì.

AL PASCOLO

S’nalpe vers la fen at mei, a pia travers i santer e al mülatere. S’alp a reste tütà la fàmia o mac cancön i pi giuan devan far al fen. An tl’alps as portan avoi aute bes-ce: fe, cive, cavai, giarinè e cüni. L’alp as lase a la fen da stembar.

LE MUCCHE AL PASCOLO

Le mucche pascolano tutto il giorno e vengono ritirate solo per essere munte, i “manson” che non danno latte vengono lasciati fuori anche la notte. Con il recinto col filo elettrico, il pastore gode di una maggiore libertà. Le mucche al pascolo mangiano erbe fresche e una volta alla settimana viene dato loro del sale. Le erbe lattifere sono: biautà e pancue, negli alti pascoli c’è anche “piota at galina”.

LARGIR AL VACE

AIR

Margher

Margaro

Cagnöl

Cane da pastore

ANCÜI

Filo elettrico

IL CANE PASTORE

Il cane pastore è ancora molto importante per tenere sotto controllo le mucche.

ALL’ALPEGGIO

La mason at dl’alp a sciame cavana. Na vota an tla cavana a iere al fugliar, an ängul a iere al lit par dürmir, la b-nca at bosch e al fen. Ancüi al cavane son an po’ pi comude le stënsie son separà, a ié di mobal e al fen e al boschi s bütan an auti post. Al cavane son at pera cun al quert at lose.

L’INTERNO DELLA BAITA

Abitasiön margher

Al bül: la stalla

Al fugliar: il focolare

GLI ALPEGGI

Alcuni alpeggi sono di proprietà, altri sono in affitto. In alcuni alpeggi si arriva in auto in altri bisogna camminare. Alcuni nomi dei nostri alpeggi:

Cason, Ciavanis, Rucias, Basella, Miönda, Rai, Vicöl, Cremente, Canfier, Moschietto.

Ancó ancüi an tl’alp, is fan dal bune tumé, cume is basiva na vota.

I FORMAGGI DELL’ALPEGGIO

  • Tumá

  • Tumá düra

  • Tumá mola

  • Tumen

  • Tumá at pignata

  • Brus

  • Bürü

LA TUMÀ

Par far la tumá e i tumen, sa sciaude al let an tla ciudëri a 37 gradü, poi as büte l’ancai e as lase ripusar. Dopu la caia a ven sbatüa e a slase dunar giú.

Al mument giusta s pié sü la caia cun la culoiri.

Ora la caia as büte anti fatüren par far in tumen. Opüra as sale e s’ampaste par far la tumă, dopü as făse e a vĕn ciàrgià e presă. Al giurn dopü la tumă ven bută an tla früteri. A ven sală. Tütti i giurn an ta girila, dopü chis dì as pŏ mingire.

IL BRUS

Par far al brus as pie sun-ca resta dal bürü e dlà tumă, la büră e la litaă. Is fan cosar, poi as büte an bicer d’asilo. Dopü as lase fridar. E as büte an tla culoiri e slase scular. Poi aven ampastă, as büte la sal e al pëivar, al pöurenën, as fose e as prese.

AL BÜRÜ

Par far al bürü sa sciure al let, la fiur as büte an tla büreri e ad bate par an pŏ opüra as gire con la manüia fina a chĕ a ven al bürü. Canchi alĕ annü al bürü as pase an tl’aiva, poi a ven büta an tal furme. O as bâte sal piotĕl e s’ambale. Dopü a lĕ pront pae ese mingia.

UTENSILI PER FARE IL FORMAGGIO

  • Paröl

  • Ciuderi

  • Cüloiri

  • Ciargiar

  • Sbatioiri

Panson nin che i nosti alp i sen sta benedĭ, a-ie nin usënse e credënse particolar, al nostu Vicari an istă a vai vulanter a truvar i margher e a porte dus e carameele; ammagini sacre che al margher pënde an tal bul. Esiste perŏ:

LA PREGHIERA DEL MARGARO

O Maria, madre delle grazie e regina delle nostre montagne,

volgi il tuo sguardo e ascolta la preghiera di noi margari.

Benedici le nostre valli, le nostre baite e i nostri sacrifici.

Tu hai scelto la povera stalla di Betlemme per dare alla luce il Salvatore

e hai privilegiato i pastori e le loro greggi

Per annunciare loro il dono della salvezza.

Illumina, ti preghiamo, i responsabili della nostra patria

perché possano capire il nostro duro lavoro.

Proteggi dalle avversità del tempo, dai pericoli del fulmine

e da ogni altra sciagura noi e i nostri animali.

Non permettere all’uomo, avido di sport,

di distruggere quei pascoli a noi

preziosi e indispensabili per la sopravvivenza delle nostre greggi.

Fa’ che quando ci prende la sfiducia e l’amarezza per le tante delusioni,

ci sia sempre la tua grazia confortatrice

per poter sempre ricominciare.

O Maria, donaci la gioia di poter amare

sempre di più il nostro lavoro

Per la gloria di Dio e il bene di ogni uomo.

LA FESTA DLA CHINSËINA

Al prim saba d’ost as festege la Chinsëina.

Tenta gëns muntan sü an punta dla Chinsëina, an-ti-chi a iĕ na crus at fer e n’utar at pera, e as die masă. Dopu la masă i margher ofran la pulenta e as fa festa tüti ansem.