Ÿ citti dla scòla elementar at Frasinei i sòn:

Craveri Simone

Marchiando Sara

Richiardi Massimo

Tamagnini Matteo

Truffa Chiara

Classe I

Marchiando Giovanni

Perono B. Davide

Classe II

Callà Fulvio

Cattarello Christian

Craveri Alessia

Poletto M. Alberto

Richiardi Irene

Classe III

Bonatto M. Gianluca

Brunasso C. Andrea

Cattarello Valeria

Classe IV

Callà Jessica

Classe V

Coppo Cristina

Perono Fiorella

Maestre

AL NOSTU PAIS

Frasinei as trove giüri at Pont Canaveis, a 60 Km da Turen, an mès la Val Orco e la Val Suàna. Alé ciamá la “Lobia dal Canaveis”.

È Ò

Vocali aperte

É Ó

Vocali chiuse

Ë

Indistinta

Ö

Come nel francese “feu”

Ü

Come nel francese “dur”

s-ce

Come in bes-ce

s-ci

Come in mas-cià

LE FESTE DEL CALENDARIO – IL CAMBIAMENTO

FESTE TRADIZIONALI

PRIMAVERA

DOMENICA DELLE PALME

Air

Na vota as preparavan al rame d’aliva an gesia. As benedivan a masà.

Ancüi

Ancü al rame d’uliva vinan dunà dopù la masà. Al mason as benediisan pì.

PASQUA

Air

Al vendru sant as fasive la prosesion par al vie dal pais ön a pürtave la crus e i auti pregavan.

Na vota al saba da noit, canchi risüscita al Signur, canchi sunevan al cioche as levave gl’iüi par ciamar la benedision al Signur.

Na vota as benedivan al mason.

Ancüi

Ancüi la via crucis as fai an gesia.

Ancüi as fan pi. Ancüi no, as costume ufrir öf a ciculata. Al lünës at Paschëtta as vai a mingir an ti pra.

IL MESE DEL ROSARIO

Air

Na vota as fasive la prusision an tal ciapele dal pais e le fnè veie visiva al rusari

Ancüi

Ancüi al rusari la die al prevan an gesia

ASCENSIONE

Air

As celebrave al digios, un mëis dopu pasca

Ancüi

Ancüi a lè spuntà a la dümengi.

ESTATE

CORPUS DOMINI

Air

Na vota as fasive festa al digiòs. Mentre as fasive la prucession quàt parsune i purtavan an baldachen e sòt a iere al prevan cun l’ustensori.

Ancüi

Al giurn dan cuì as festège a là dùmengi cun la màsa (i mìna at 3a i fan la primà cuminiòn) e la prucessiòn.

SAN GIOVANNI

Air

Nà veià tradisiòn i vò che la gens da pais a la prima luce in dèt an ti prà ancò pen ad rùsa e sa cùiet an brènc ad nùs par bùtalu fŏr da la porta ad màsòn.

ASSUNTA

Air

Na vota a la vigilia i marghèr i viscàvan citti falò e as visive tuta la muntàgni allumina.

Ancüi

Al giurn 15 d’öst a iè masà granda e la prucesiön. A la noit prima, i priur i fan al falò e al fusette.

SAN BARTOLOMEO

Air

La masà anniva dità dal vicari.

Air e ancüi as fai la prusision e as portan la standar e la statua at S.Batrumec. L’urdin dla prusision alè stusè: crucifis, standar, la gëns, la b-nda dla musica se aiè, i prevan i pariur, la statua, aministratür dal Cuman, gëns. La prusision as fai pasar par al vie dal pais. A la prusision as preghe, a cënten al lode e le urasion dla gesia e se aiè la b-nda a suna.

Ancüi

La masà o ven dità dal vicari o da nautu prevan o dal Vscü.

AUTUNNO

I SANTI E I MORTI

Air

Nà vota a sua másón “Luis Garofu” a fàsive al castagne e a dûnave vi al “Pan biava” a chi andave an tla súmiteri e a pasave da chèl. nà vòta an t asti giurn as dunave vi ai visen ad mason al ris, sàl par ricurdar i nostri mort.

I nostri nonni i visiva che la noit dì sant an tà gnin andar vi da màsòn. A san dàve cucìse prèst e as lasive sal tavù pan, mlesta at castagne, rìs, suppà at coi e al vén par I mort che innuvan a mingir e sciudáse.

Ancüi

An tal 2003, dopù diversi an ch Luis Garofu à lé mort a fàn türna le castagne e a « Pan Biava ». Al giurn di santa s parte an tla sùmiteri i fiur e i lümen. Al giürn dan cüi cacôn a mantine viva la tràdisiön ad dunàr vi al pan, o là sal o al sücher

SAN MARTINO

Air

À le ricùrda cùme al sànt di povar parchè a lè càla dà caval par cùir ad grane ad gran e a lè tradision gnin purtar niente a màsòn da là campàgni (per es castegne) e gnin làvar i patùi.

INVERNO

NATALE

Air

An témp al Dignàl alère ricùrda cun la Màsà ad mesànoit. Par andar a màsà a l’ere abitudine truvase an tal burga e ansèm a san dàve an pais. al giùrn ad Dignàl antàve mingir pasta e ris, alere ad mingir ad lùssu, o la pulènta e ciàt. Cun la segala as fàsive al pàn ad furma da statua ad Gesù Bàmben.

Na vota as custunàve nin a dunàr ad rigàl, as citàve mac al bàmben fet al sucàr.

Ancüi

Al giurn dàn cùi an ogni màsòn as fai al presente e l’arba àd dignal.

Par càchi an alè a stà fet al presepe vivente e i partecipan la maggiur part dàl pais, fasando agnòn la sua part. a là fen dal presepe a san dòve a màsà ad mesànoit.

Al giurn dan cuì as mingè an famia an dinar grò o as vai an tlì bèrgi. for da là gèsia al giùrn ad dignal aiè babbo natale cà aspete I mina par dunài i regàl.

CAPODANNO

Air

An ti tëmp pasà i minaa indavan an tal mason ad iauti disandu “bundì” e “bunan”; an tasta moda al famie i regalavan cacciosa an sot o mëil o nisole.

Na vota la vigilia diverse persune indavan (avoi cun la nëi) an chinzeina e canche a sunave mezonoi, i basiva i fua.

Ancüi

Ancüi as festege la sinà an cumpagnia ad di amis e parent an tal capanon cu la musica e i bal fina a la maten.

L’EPIFANIA

Air

An ti tëmp pasà i minaa i butavan i socü dre da l’us o sot a la befana i purtise cacciosa da mingia.

Ancüi ancüi i minaa i pënden la ciausi spetandu che la befana i l’ampoiet ad dus e citti giüva.

SANT’ANTONIO

Air

S.Antoni a lè la festa dal padron ad i animal. Na vota i purtavan a benedir a masà giarinè e cüni. La masà innive dità an invern antla gesia paruchial e da istaa a Muntör.

Ancüi

Is benedisan pì bianimal, ma la masà is die sia an parrocchia che a Muntör.

LA CANDELORA

Air

N’hom a pasave a vender al ciandëile an ogni mason.

Ancüi

As celebre al düi at fevrer e antla masà as benedise al ciandëile e i distribuisan ai partecipant.

QUARESIMA

Air

Al jöun as fasive ma can cache famiie (parchè al mingir a l’ere già scars).

Ancüi

Ancò ancüi as fai al jöun e l’astinensi adla carn.

LE FESTE PATRONALI

Al feste patrunal an tal burga i seran pi santuve da la gèns, al di lai dal cerimonie religiuse chi vinen fate ancüi, is basiva ad bal fra la gens giuvan. Mentre ancùi al feste patrunal dal burgaa i son mac pi al funsion religiuse.

FESTE MODERNE

Nel nostro paese non ci sono vere e proprie sagre alimentari e manifestazioni culturali, però ogni anno da metà luglio a tutto il mese di agosto viene montato un capannone nella piazza del paese e quasi ogni sera vengono organizzate cene o spettacoli musicali con orchestra o discoteca mobile, grazie alla Pro Loco e al Gruppo Alpini l’obiettivo è quello di far venire gente e ricordare che queste semplici manifestazioni sono quelle che non “fanno morire il paese”.

LA FESTA DEL NARCISO

Nel mese di maggio, alcune ragazze si vestono con il costume tipico e offrono mazzetti di narcisi ai partecipanti. Sotto il capannone della Pro Loco, giochi e concorso di disegno per i bambini.

MOSTRA DELL’ARTIGIANATO

Da alcuni anni la Pro Loco organizza nel mese di luglio una mostra dell’artigianato in cui espongono artigiani del paese e altri partecipanti che giungono da vari paesi.

FESTA IN QUINZEINA

La festa prevede la tradizionale ascesa alla cima dove viene celebrata, proprio sotto la bianca croce, una santa messa in onore della montagna e delle genti di montagna. La croce è stata innalzata il 19 agosto del 63 ed è stata voluta dai frassinettesi.

LA FESTA DEGLI ALPINI

Da 26 anni a questa parte la festa degli alpini è una delle più sentite, in quanto gli organizzatori, cioè gli alpini allestiscono un grosso padiglione in piazza Galtrucco, organizzano pranzo, premiazioni di varie medaglie, sfilata per le vie del paese, partecipazione alla messa con deposizione della corona d’alloro alla lapide dei caduti e festeggiamenti vari per tutta la giornata e a concludere serata danzante con l’elezione di miss alpina.

HALLOWEN

È entrata solo da alcuni anni nel nostro calendario. Il 31 ottobre durante la sera alcuni bambini travestiti da vampiri e streghe vanno a bussare alle porte delle case dicendo “dolcetto o scherzetto”, ma non è ancora molto sentita.

CASTAGNATA

All’inizio di novembre si cucinano le castagne contornate da buon vinello e gustose fette di torta e si svolge il tradizionale “indovina quante castagne ci sono nella pentola”.

CARNEVALE

Una volta le donne facevano i mesi con bellissime danze e balli, recitando mese a mese la propria poesia; gli uomini invece facevano il fiurindo. Oggi si fa una sfilata di carri. Fagioli e cotiche.