I citti dla scola elementar i son

Tamagnini Luca

Roncaglione Tet Francesco

Classe II

Classe III

Callà Alberto

Cristiano Demetrio

Giacchetto Mena Catia

Marchiando Matteo

Poletto Merlo Davide

Classe IV

Rocca Maria Rosa

Maistra

AL ME CÜNI

Al me cüní

as sa s-ciame Sandrino

alé dus e citu

e mai ijá restu sempre visin.

A ciumine a saute antal giardin

ma poi a ven sempre da visin.

IL CONIGLIO SANDRINO

Il mio coniglio

si chiama Sandrino

è dolce e piccolo

ed io gli sto sempre vicino.

Corre e salta nel giardino

Ma poi torna vicino.

Poesia scritá e tradota da Tamagnini Luca classe II

AL GIARDINÈ CHI CIANTAN SUVANS

I eu sis giardinè

Bele desvijè e furbe e

Ciantan suvans.

Canchi i ciantan

Aiè n’ov tot par maj.

Ieu an bel gal

Ros e jaun

A la matén

A cianten par prim.

LE GALLINE CANTERINE

Ho sei galline

Vispe furbe e canterine.

Quando fanno coccodè

C’è un uovo tutto per me.

Ho un bel gallo

Rosso e giallo

Che al mattino

Canta per primo.

Poesia scrità e trodota da Roncaglione Tet Francesco

Classe III

AL ME BURIC

Al me buric se s-ciame Mirò

Alè at culur bianc e gris.

Canchi i la cavalcu

As –mie pij grant che sunca-a-lè.

I sö propi annamurà

Dal me buric

Cun chiel i giü, i ciuminu, i sautu

An sai e an lai par i prà.

IL MIO CAVALLO

Il mio cavallo si chiama Mirò

È di colore bianco o grigio.

Quando in groppa salgo mi sembra

Più alto di una casa.

Sono proprio innamorato

Del mio cavallo

E con lui, gioco, corro, saldo

In qua e in la per i prati.

Poesia scrità e tradota da Callà Alberto

LA CIVA

I spuntavan drer da l’erba

Cun al curne e la barbëtta;

al nas an muviment

inufieve an bel cucümber, cuntra al vent.

Sal filar al cucümber ieran tänti

E la civa jà mingia tüti

Jà mac pi lasia al foie, tänte, bele…

..la civa i na mingia tänte tutè at na vota.

LA CAPRA

Spuntavano dall’erbetta

Le corna e la barbetta;

le narici in movimento

annusavano un cetriolo, ma controvento.

Sul filare i cetrioli erano tanti

E la capra li gradì tutti quanti

Rimasero le foglie, tante, belle…

la capra le mangiò a crepapelle.

Poesia scrità e tradota da Cristiano Demetrio

DILETTA

Diletta,

alé na vaci chi ià nun an difet,

jé bele e granda,

e canchi jé antal prà i saute sempre.

I minge l’erba e al fen,

e bëive an sidel ad let.

I sorte sempre dal fil Diletta

E i vai a mingir al fiur at Marietta.

Ogni giurn i fai an gran viagiu

E i dimustre d’avëir tantu curagiu,

tra mai e la mia vaci aié an bel rapport

e speru tantu ca set lunc e nin curt.

DILETTA

Diletta,

è una mucca perfetta,

è bella e alta,

e quando è nel prato salta.

Mangia l’erba e il fieno

E beve un secchio di latte pieno.

Esce sempre dal filo Diletta

E va a mangiare i fiori di Marietta.

Ogni giorno fa un grande viaggio

Dimostrando di avere grande coraggio.

Tra me e la mia mucca c’è un grande rapporto

E spero tanto che sia lungo e non corto.

Poesia scrità e tradota da Giachetto Mena Catia classe IV

LA GIARINÀ

La giarinà Carolina

A fai l’ov ogni maten.

I beche i beche da sai e da lai

Garion e verm a vuluntà.

L’om an la giarinà

A le al gal

Anturn a chi a fai an bal.

Canchi i pulen nasen

Cun chi i diventan gran.

LA GALLINA

La gallina Carolina

Fa l’uovo ogni mattina.

Becca becca qua e là

Grilli e vermi a volontà.

Suo marito è il gallo

Attorno a lei farà un ballo.

Quando i pulcini nasceranno

Con lei cresceranno.

Poesia scrità e tradota da Marchiando Matteo Classe IV

LA CIVA

Civa civa citta

Tai inufie l’erba

I ciumine as-lans

Cume na saietta.

Civa civa citta

Cun o sënsa na cita corna

I trovu tantu bela.

LA CAPRA

Capra Capretta

Tu adori l’erbetta

Corri veloce

Come una saetta.

Capra caprina

Con o senza la cornina

Ti trovo tanto carina.

Poesia scrità e tradota da Poletto Merlo Davide Classe IV