IL PAESE DI VENAUS

Venaus è un paese della val Cenischia, una diramazione della Valle di Susa; esso si trova lungo l’antica strada reale, che in altri tempi portava in Francia attraverso il valico del Moncenisio.

Sulle case raggruppate in borgate, svetta il campanile della Chiesa Parrocchiale di san Biagio e Sant’Agata.

L’edificio che si vede adesso fu ricostruito agli inizi del Novecento per desiderio del Vescovo Monsignor Rosaz, in modo che fosse più grande e più bello di quello precedente.

LÔ PAI DË VËNO

Lö pai de Vëno së trôvët ô mès dë la cônbâ dë Nihgliâ ch’eth ün brânzemânn dë la Cônbâ dë Suszë. Së trôvët su lô viëgl zëmin real chë ün câl l’alavét ân Frânhë travasânn lô Mohouni.

LE VILLAGE DE VENAUS

Venaus est un village du Val Cenischia dans la Vallée de Suse; le village est situ éau long de l’ancienne route royale qui autrefois, menait en France par le col du Mont-Cenis.

Les maisons sont groupées en hameaux ; au dessus se découpe le clocher de l’église paroissiale de Saint Blaise et Saint’Agathe.

L’édifice actuel fut reconstruit au début du XXème siècle, par volonté de l’évêque Monsigeur Rosaz.

IL NOSTRO PAESE VISTO DAI BAMBINI

NOHRÔ PAI VOUÈI DA GLI PÉZËT

Quando è festa, ma soprattutto a San Biagio che è il Santo Protettore di Venaus, in piazza danzano quattro spadonari che sono dei signori con un cappello ricoperto di fiori finti. Gli spadonari hanno il fiocco del cappello di diverso colore: il primo e l’ultimo ce l’hanno rosso, mentre gli altri due ce l’hanno verde.

In questo momento sto pensando a com’è fatto Venaus. Allora comincio così: non ci sono né gnomi né fate, né mostri, ci siamo noi le persone.

Il posto che mi piace di più è il negozio del panettiere, lì si sentono buoni odorini e si vedono molte torte decorate. Alcune con panna!

Esiste una centrale idroelettrica dove ci sono molti tralicci a forma di extraterrestri e di torre Eiffel, con fili elettrici che vanno da paese a paese e da città a città.

Sento i cani che abbaiano e i gatti che miagolano. Alle volte sento gli uccelli quando la mamma apre la finestra. Il mio paese non è inquinato, è bello, tranquillo e silenzioso.

Nei boschi si vedono cinghiali, cervi, volpi, tassi e caprioli. Ci sono molti falchi e merli. Per il Crutun si vedono molte tracce di caprioli.

In questo paese, che è abbastanza tranquillo, si possono sentire i rumori degli animali, dei trattori, delle motoseghe e qualche volta del vento. Questo vento soffia fortissimo, ma talmente forte che una volta ha portato via la lamiera della tettoia di mio papà.

C’è anche la chiesa bella e antica con il parroco Don Alfonso che è molto simpatico e ogni domenica fa qualche battuta.

Venaus è un paese piccolo e chissà come sarà da un aereo in alto nel cielo infinito, da lì secondo me sarà minuscolo.

Il costume savoiardo è tipico delle vallate alpine italiane e francesi. Viene ancora indossato in occasione delle feste patronali dei paesi.

La poupée en costume savoyard: c’est un cadeau de nos correspondants français de Novalaise (Savoie). Elle est habillée comme les paysannes de notre vallée. Elle est très jolie !

Il costume delle savoiarde

Nella nostra valle e nelle valli della Savoia, una volta, le donne indossavano dei bei costumi nei giorni di festa.

Le costume des savoyardes

Dans notre vallée et dans les vallées de la Savoye, autrefois, les femmes portaient de beaux costumes les jours de fête : « paysannes la semaine, princesses la dimanche ».

Lô côstum da savôiardâ

Din nôhrâ cônbâ e din lë cônbës dë la Savôië, ün câl lë fëmelës vëhiônn dë bèl côstum gli dzârt dë fehâ.

Il costume savoiardo comprende :

Un vestito

Uno scialle

Un grembiule

Una cuffia

Le costume savoyard comprend:

Une robe

Un châl

Un tablier

Une coiffe

Lô côstum savôiart cônprânn :

Unâ robâ

Ün scial

Ün fôdal

Unâ bartâ

Il costume degli spadonari

Gli spadonari sono quattro e danzano alla festa patronale.

Il costume comprende:

un cappello decorato con fiori finti e nastri

un corpetto a maniche corte

una camicia bianca

una cravatta

pantaloni neri

guanti bianchi

scarpe nere

Il costume comprende anche una spada decorata con borchie.

Le costume des spadonari

Les spadonari sont quatre et ils dansent à la fête patronale.

Le costume comprend :

Un chapeau décoré avec fleurs artificielles et des rubans

Un corsage à manches courtes

Une chemise blanche

Une cravatte

Un pantalon noir

Des gants blancs

Des chaussures noires

Le costume comprend aussi une épée décorée à la poignée

Lô costum di spadôgnéth

Gli spadôgnéth ô sônn catrô e balônn a lë fehés dë Sèn Ble.

Lô côstum ô cônprânn

Ün zapèl garni de flouth dë fintâ avoi dë livreiës

Ün côrpët a mândzës chiërtës

Unâ zëmiszë blânzë

Unâ crôvouatâ

Dë pantalôn néth

Dë gân blân

Dë sôlath néth

Lô costume cônprânn asë unâ sabrô garniâ ala mândzouthà dë grouses tazës d’ôtôn

Nei giorni di festa, in piazza c’erano i caramellai che vendevano dolci e balocchi. I bambini aspettavano le folate di vento per avventarsi sui dolci e sul resto che cadeva in terra.

I bambini che vincevano la gara di Catechismo partecipavano alla processione vestiti da principi.

Le vie di lô pai ornate per la fehâ dô Corpô Crist.

Impariamo lô bal di spadôgnéth e altre danze popolari.

Aschieris Roberta

Bianco Prevot Elena

Leone Alinda

Tournour Silvia

Classe I

Armando Samantha

Cerminara Marta

D’Andrea Alessia

Ferrari Andrea

Volpi Matteo

Classe II

Basile Alessandro

Bitto Fabio

Caffo Alessandra

Cugnetto Alessandro

Garbo Martina

Justesen Yuri

Vottero Luisa

Classe III

Bianco Dolino Sabrina

Chiabaudo Roberta

Chiabaudo Valentina

Clemente Martina

Cordellino Alex

D’Anrea Simone

Degiorgis Lucrezia

Foschia Eleonora

Marzo Andrea

Marzo Luca

Minchiardi Fabio

Rambone Michelangelo

Sereno Andrea

Classe IV

Agus Serena

Bitto Mara

Caffo Doriano

Enrietta Matteo

Garbo Simone

Leschiera Alessia

Marcellino Sara

Rossetto Flavio

Stella Gabriele

Vottero Eleonora

Classe V

Ceresa Clelia

Lambert Elvira

Monviso MariaRosa

Orcelletto Graziella

Perottino Silvana

Sereno Ida

Maestre

Si ringraziano per la collaborazione:

Armando Massimo

Caffo Siro

Danza degli spadonari

Marzo Irene

Marzo Adolfo

Marzo Augusta

Vayr Modesto

Danze Popolari

Esperto di scrittura del dialetto e preziosa fonte di informazioni

Testimonianze sulla festa patronale

Ringraziamo anche le famiglie degli alunni, in particolare gli anziani, per le notizie sulle feste di una volta.