Gli spadonari sono il simbolo del nostro paese, Venaus. Il loro costume comprende un copricapo ricoperto di fiori variopinti che, insieme alla danza delle spade, ci riporta a cerimonie di propiziazione per un futuro abbondante raccolto.

FRUITS VERGERS ET LÉGUMES

LA FRUTÂ E LA VËRDUTHÂ

LA FRUTTA E LA VERDURA

FRUITS VERGERS ET LÉGUMES

LA FRUTÂ E LA VËRDUTHÂ

LA FRUTTA E LA VERDURA

Le raisin

Lô rèiszin

L’uva

La pomme

La poumâ

La mela

La poire

Lô pëthë

La pera

Les châtaignes

La zâhgnë

Le castagne

La noix

La miszë

La noce

La noisette

La dôlignë

La nocciola

La figue

La fiâ

Il fico

La prune

La bërgnôlâ

La prugna

Les châtaigniers

Gli zahgnéth

I castagni

Le poirier

Lô pëthéth

Il pero

Le pommier

Lô pôméth

Il melo

Të plaiônn gli pëthë?

Ouô më plaiônn gli pëthë.

Të plèt lô rèiszin?

Ouô më plèt lo rèiszin.

LA VËRDUTHÂ DIN L’ORT

Les petits pois

Gli pouèi

I piselli

Les épinards

Gli spinâs

Gli spinaci

Les pommes de terre

Lë trôfôlës

Le patate

L’oignon

La hivâ

La cipolla

Les haricots

Gli fouijèl

I fagioli

Le poireau

Lô porët

Il porro

Le chou

Lô zâou

Il cavolo

Le poivron

Lô pôvrôn

Il peperone

Les courgettes

Gli cousât

Le zucchine

Les carottes

Gli gnif

Le carote

Les tomates

Lë pômatichës

I pomodori

La courge

La courdâ

La zucca

Din l’ort de unâ plântâ dë rômanin, unâ dë salviâ e dë bôrazës.

Të plaiônn gli spinâs?

Ouô më plaiônn gli spinâs

Të plaiônn gli pôvrôn?

Nâ, më plaiônn pa.

LE NOSTRE RICETTE

FARSI (Tourtâ dë Paschës)

Hétâ viéglië dë marèin-na së aprëstavet la vëdzilë dë Paschës.

Questa vecchia ricetta della nonna si preparava la vigilia di Pasqua. Per renderla più gustosa, bisognava mettere molte erbe selvatiche tenere e saporite.

Persil

Péthâsëmôl

Prezzemolo

Houblon

Avërtin

Luppolo

Ortie

Ôrchi

Ortica

Cerfeuil

Arbâ dô sân

Cerfoglio

Bourrache

Bôrazës

Borragine

Agnëlin gras

Strigoli

Épinards

Spinâs

Spinaci

Bettes

Côhës

Costine

Riz

Ri

Riso

Trois oeufs

Ouâ

3 uova

Lait

Lèt

Latte

Raisin sec

Rèiszin sëc

Uva passa

Beurre

Bouôrô

Burro

Sel

Sal

Sale

Parmesan

Parmigiân

Parmigiano

Saucisse

Soutisëta

Salciccia

Vin blanc ou rouge

Vin

Vino bianco o rosso

Rôti

Arâst

Arrosto avanzato

Chapelure

Pân pist

pangrattato

Nel burro soffriggere le verdure tritate e aggiungere la salciccia. Intanto far cuocere il riso nel latte e scolarlo. In una terrina unire il riso al soffritto, l’uva passa, il parmigiano, le uova e il pangrattato. mettere il tutto in una tortiera imburrata e coprire con uova sbattute con un po’ di vino. mettere in forno circa 20 minuti. Un tempo questa torta andava portata dal fornaio che la cuoceva come ultima infornata, quando il forno era quasi spento

Pëlath e zapôtath lë trôfôlës

Dëgrün-nath gli fouijèl për la soupâ

Së dzouintôn acôt otrës vërduthës

In passato esistevano le pesche da vigna, un frutto che sta scomparendo. Nell’orto si coltivavano le stesse verdure , mentre nei campi si coltivavano: grano, segala, orzo, granturco, e barbabietole; ora non è più possibile a causa della presenza devastante dei cinghiali.

Un’antica ricetta che conosco è la frittata di pomodoro:

si prepara un soffritto con olio e cipolla, poi si uniscono i pomodori freschi privati di pelle e semi, qualche foglia di basilico e sale; dopo circa 20 minuti si aggiungono le uova, si mescola il tutto e si cuoce ancora per pochi minuti.

Minestra d’orzo

Si macinano i semi per togliere la pelle. Gli ingredienti erano: farina d’orzo, acqua, sale, condimento animale o vegetale. Si lasciava cuocere a fuoco lento per qualche ora.

Frittata con ortiche

Si raccoglievano le punte delle ortiche e si facevano bollire in acqua salata per qualche minuto, si sbattevano le uova con il sale e si aggiungevano le ortiche scolate e strizzate. Si amalgamava il tutto e si versava in una padella con condimento animale o vegetale, così si faceva una frittata.

Comptine

À la soupe, soupe, soupe.

Ou bouillon, ion,ion.

Zeille, zeille, zeille,

La soupe à l’oseille

C’est pour les demoiselles.

Zan, zan, zan,

La soupe à l’oignon

C’est pour les garçons.

LËS ARBËS MËVËNOUSZËS

CURARSI CON LE ERBE

Le dent de lion

Il tarassaco

Le millepertuis

Lô tracathâm

L’iperico

Les bourgeons de pin

Lë dzëmës dë penn

Le gemme di pino

Le lichen

Lô lichënn

Il lichene

Lô fort

L’assenzio

L’ôrchi

L’ortica

La viôlëta

La violetta

ERBE MEDICINALI DI UNA VOLTA

In estate, mia mamma e la sua famiglia, andavano al Moncenisio e a Bar per raccogliere determinate piante, che avrebbero usato poi in inverno: le violette, solo il fiore, una volta a casa, le stendevano su un foglio di carta e le facevano essiccare; quando erano secche, le mettevano in un barattolo e, quando avevano la tosse, o il mal di gola, facevano una tisana insieme ai fiori di tarassaco e al tiglio. Prendevano anche i fiori di genziana, per fare il liquore.

Una volta si faceva largo uso di ortiche: in cucina venivano usate nelle minestre e nelle frittate. Si usavano per la cura dei capelli o sotto forma di tisana per carenza di ferro nel sangue o per depurarlo.

Dë fo ün chgliath avoi salviâ mouèntâ e limôn.

Faccio una tisana con salvia menta e limone.

Caffo Chiara

Cervellin Sara

Corellino Massimiliano

Marzo Daniele

Marzo Federico

Nemo Diego

Patrizi Loris

Perottino Matteo

Rossetto Giulia

Vayr Andrea

Classe I

Aschieris Roberta

Bianco Prevot Elena

Leone Alinda

Tournour Silvia

Classe II

Armando Samantha

Cerminara Marta

D’Andrea Alessia

Ferrari Andrea

Volpi Matteo

Classe III

Basile Alessandro

Bitto Fabio

Caffo Alessandra

Cugnetto Alessandro

Garbo Martina

Justesen Yuri

Vottero Luisa

Classe IV

Bianco Dolino Sabrina

Chiabaudo Roberta

Chiabaudo Valentina

Clemente Martina

Cordellino Alex

D’Anrea Simone

Degiorgis Lucrezia

Foschia Eleonora

Marzo Andrea

Marzo Luca

Minchiardi Fabio

Rambone Michelangelo

Sereno Andrea

Classe V

Ceresa Clelia

Lambert Elvira

Orcelletto Graziella

Perottino Silvana

Sereno Ida

Abronzino Maria

Maestre

Ringraziamo i nostri due esperti di patois Adolfo Marzo e Matteo Ghiotto per le interessanti lezioni svolte nel corso dell’anno scolastico.

Ringraziamo anche le famiglie degli alunni, in particolare i nonni, per le numerose notizie che ci hanno fornito sui frutti, le verdure e le erbe di una volta.