LA FEHÂ DI CÔSCR
I A VËNO

Mânn chë i-érhônn ün câl gli Côscri…

Coscritto /i, ossia scritti assieme nelle liste di leva.

Per Venaus la prima apparizione in pubblico dei coscritti avveniva nell'anno seguente al compimento dei 18 anni. Si faceva una festa con i giovani della classe precedente ai quali si doveva pagare l'entrata, ossia la brinda, una brenta di vino (50 litri). Prima di allora questi giova­notti non avevano ancora maturato il diritto di uscire la sera e costretti a colpi di cinghiate di tornarsene a casa. Perché përchèi l'ânn pa
acôrh pai
â la brindâ; non hanno ancora pagato la brenta. A sconvol­gere tale status quo furono gli anni di guerra con la chiamata alle armi anticipata per cui questa brenta che comunque doveva essere acqui­stata ed offerta dai coscritti gio­vani, veniva compartecipata dai più anziani che si univano nella relativa spesa. In realtà questo vino veniva offerto a tutti durante il giro che si faceva per il paese. Ai due coscritti più giovani era riservato l'onore e l'onere di portare questa damigiana ed alzarla in modo d'aiutare il bevi­tore. Un tempo era la damigiana da 35 litri che circolava. Più sem­plice e comodo sarebbe stato usare contenitori più piccoli, come poi si fece in seguito, ma a quei tempi ciò sarebbe stato un indice di tirchieria. Anni addietro sarebbe stato

impen­sabile che le ragazze si unissero ai giovanotti coetanei per festeggiare insieme.

Allora lë côscriszës o couscriszës nel loro ventesimo anno di età al pomeriggio di Pasquetta tutte insieme vestite con l'abito migliore facevano la passeggiata sino a Susa per recarsi dal noto fotografo Polacco per "farhë lô ritrât" quella foto che si conservava fra le memo­rie di famiglia.

Per i ragazzi invece la foto ricordo la si faceva il mattino subito dopo la "visitâ" con in mezzo l'immancabile podestà ed anche un paio suonatori: almeno un fisarmonicista ed un clarinettista sempre presenti con i coscritti nei primi giorni di festa.

In tempi non troppo lontani festa fra i coscritti (ma più esatto dire fra coetanei) la si ripeteva ogni decennio; in seguito anche ogni quinquennio.

In questi ultimi tempi ogni occasione è valida per festeggiare.

Cânchë papâ e mamâ s’érhônn côscri..

La fehâ di côscri ô tèn dë nôhri parhë l'érhët ün avënimânn biënn âmpôrtânn cômânchë l'ërh acôrh ô dzârt d'incouô për gli fëgl chë cômpèisônn si diszouôt'ân e chë ihë a Vëno ô l’ânn dëlôn fëstëgiâ da chi sâ verhô d'ânn arérhë.

I së cômânhévêt a farhë fehâ pouèn-nâ sôn-na la mimè dô dërérh dzârt dë l’ânn e l’ânn chë ô vënèt i-érhët hèl chë l'arônn cômpi gli diszouôt'ân.

Da unâ partiâ d'ânn i së fèt dëlôn mahânn. Bë ânn apre a vënt'ân i së tôrnët farhë la fehâ di côscri. Unâ tradisciôn dë Vëno lë vout chë tôtës lë përsënës dë lë clasës chë ô lévrônn avoi lô memô numèr, për ëszinplô: hi dô bë sônn gli na dô milënôhânn e sësântëbë, milënôhânn e sëtântëbë, milënôhânn e ouôtântëbë e inënn parhérh faszisônn ün dënarh pit ânsèn pit gli hinc ânn, chëmë dirhë: vènt'ân, vëntëhinc’ân trânt'ân., trântëhinc'ân. A ôrganiszarh hlâ fehâ ichië i tôcët a gli côscri pru dzouvânn, hiti chë ô l'ann vënt'ân (hi dë vëntëhinc së la fehâ 1’ërh dô hinc).. Lô târt ô pasët pe a hiti chë ô vénônn apre. Erh chëmë 1ô mândô: ô virhët dëlôn…

La festa dei coscritti, al tempo dei nostri genitori, era un avvenimento come ancora oggi, molto sentito tra i ragazzi che devono compiere 18 e qui a Venous è sempre stata festeggiata da non si sa quanti anni indietro. Si cominciava a fare festa allo scoccare della mezzanotte di Capodanno dell'anno nel quale si compivano i tanto attesi 18 anni e questo è sempre stato così.

A vent'anni si ripeteva la festa e, poiché una tradizione vuole che tutte le persone che appartengono alla stessa classe (ad esempio tutti quelli di anni che finiscono per "2" come 1962,1972 ecc.) facciano un pranzo tutti insieme ogni 5 anni, cioè quando si compiono ad esempio 20-25-30-35 ai coscritti che attualmente compiono i 20 anni spetta il compito di organizzare la festa per due volte, cioè ai 20 e ai 25 anni, lasciando poi l'onore a quelli dello stesso numero finale di anno (1982-1992 ecc.) che nel lasso di tempo che intercorre ogni 5 anni, raggiungono i 20 anni.

Për gli côscri fré (ch'ô fânn fehâ për 1ô prëmiérh câl) i së cômouènhët për tèn a ôrganiszarh la fehâ përchèi dévônn dëcidrë chë diszègn farhë dësu la bândierâ e dësu 1ô foular, ciërcérh unâ APE chë lë sarvisët a trânmarh pit gli côscri e garnilâ dë SLOGAN e dë diszègn. Apre acôrh mëszarh a tôtës 1ë ghënigliës chë ô s'anôvrônn chëmë zapèl, fiâc e côcardës, a la damigianâ, dëcôrhaië asë hlâ, chë lë sarvouèit a sëmôndrë da bérhë a lë dzânn chë s'âncôntrônn për 1ô zëmin. Apre i fôlèt trôvarh ün lôcal: la baracâ chëmë dirhë la BASE ôn la SEDE, chë lë pôièt arehë ün bouit ôn ün sôlérh.

Si cominciava molto presto ad organizzare tutta la festa perché si doveva decidere che disegno fare sulla bandiera e sui foulard, cercare un' Ape che potesse trasportare tutti i coscritti e decorarla e inoltre pensare a tutti gli accessori necessari, come cappelli, coccarde, pon-pons e una damigiana, che veniva decorata ed usata per offrire da bere alle persone che incontravano per strada; infine bisognava trovare un locale "la baracca", che a volte poteva essere anche una stalla o un qualunque altro locale, che veniva preparata dai coscritti e diventava la loro seconda casa nella prima settimana di Gennaio, in cui ritrovarsi sia per organizzare che per prepararsi e addirittura per dormire insieme (in genere i maschi!) .

Për hi dzârt chë i së faszèt fehâ, sôvânn la prëmiérhë sëmân-nâ dë dzënérh, l’érhët la sëcôndâ muijôn për gli côscri da gliour prëstaië për trôvasèi fusët për ôrganiszarh së zôszës e fincâ për drëmirh pit ânsèn (gli fëgl pëdzâ). Lë fehës cômânhévônn 1ô vefrô dë Bônânn (sarët pru giust dirhë la vëdzilë).

Gli côscri ô së trôvavônn a la baracâ, môntavônn pit ansèn dësu l'APE e pouèn-na chë i sôn-navët la mimèt ô fajônn vésèi ân palutâ chëmë ô ristôrhânn dë Candidâ aiônn chë së i-avèt pa gli parhânn i-avèt d'ami e dë chirhou chë gli atandiônn. Fëstëgévônn pit ânsèn ân muszicâ,

avoi dë pëtart e dë zahôn (bouèn chë carcâl lë zahôn fusônn prutô dë bërlaheés).

Lô matin apre i-érhônn caszë ôbligiâ d'alarh a mësâ për fasèi bënëdirh la bândierâ. Apre mësâ la fehâ prënèt l'ènghgliô e biënn sôvânn lë durhavët tôt la sëmân-na dèisze ô dzârt di Rèi.

I së alavët ântârt për 1ô pai për farhë sintrësèi unâ briszâ. Plântavônn për 1ô zëmin lë dzânn për farhëgli bérhë a la damigianâ. (A gli ômô s'antânn; dë fëmelës i gn'ât pame chë ô bévônn dë vin chëmë ün câl la damigianâ). A mingérh dënarh e hin-nâ i s'alavët a la muijôn dë cârchë côscri.

I festeggiamenti iniziavano la sera di Capodanno: i coscritti si ritrovavano alla baracca , salivano sull'Ape e tutti insieme, allo scoccare della mezzanotte, facevano l'ingresso in un posto ben visibile a tutti, in genera il ristorante di Candida, dove i genitori e i parenti li aspettavano curiosi. Lì festeggiavano con musiche,canti, petardi...La mattina dopo ero d’obbligo andare alla Santa Messa e far benedire se stessi e la bandiera e poi si cominciava la vera festa, che in genere durava una settimana, fino all’Epifania, durante la quale si andava in giro per il paese a farsi sentire un po’, si fermavano i passanti per far bere un po’ di vino dalla damigiana e ogni giorno si andava a pranzo o a cena a casa di ciascun coscritto.

I-avèt pa grântâ difarhènhë trâ fëgl e figliës s'erh pa chë lë figliës dë vefrô alavônn drërnirh a sâ muijôn matènchë gli fëgl l'alavônn drëmirh pit ânsën dëdin la baracâ.

Non c’erano grand' differenze tra maschi e femmine, se non che le ragazze la sera andavano a dormire a casa, mentre i maschi rimanevano insieme, nella baracca.

Dô lôn dë la sëmân-na dë lë fehës i fôlèt ahrarh alèrta përchèi i-érhët l'uszânsâ dë pôrtarh viâ la bândierâ a gli côscri. I-érhônn dë fëgl dë otrës clasës chë për rèndrë la bândierâ prëtèndiônn chë gli paisônn da bérhë. Hânn i capëtavët dzâ ün câl bruvâ e i capétet acôrh ô dzârt d'incouô.

A hlës fehës ichië i-avèt dëlôn carcün chë eszageravët a angôrdëlarh dë vin e për hânn carcâl capëtavônn dë zôszës...dërolës...

Durante la settimana di festeggiamenti bisognava stare all'erta perché c'era (come succede ancora ora) l'usanza che i più grandi rubavano la bandiera e per riaverla i coscritti dovevano offrire da bere.

In questo periodo a volte si esagerava nel bere....e quindi si assumevano comportamenti strani.

Chi erh chë t’ât parla dë gli côscri dë Vëno?

Chi ti ha parlato dei coscritti di Venaus?

Më dë sehô pa dë Vënô ma dë Suszë e ô m’ânn ânvita cârchë ami dë Vëno. Cânchë ô m’ânn mânda dë parteciparh a la fehâ d’e fitacëta.

Io non sono di Venaus, ma di Susa e mi hanno invitata alcuni amici di Venaus. Quando mi hanno chiesto di partecipare alla festa ho subito accettato e si sono avviati i preparativi.

Côch’erh i vout dirhë farhô gli côscri?

Che cosa significa fare i coscritti?

Erh unâ bélâ fehâ in’së intrët magiôrânn

È una bella festa e si entra nella maggiore età.

Erh ôbligiâ ai farhë gli côscri? Lë figliës l’ânn dëlôn fèt?

Si è obbligati a fare i coscritti? Le ragazze l’hanno sempre fatto?

Pagnün l’ôrh ôbligiâ a farhë gli côscri: difati cârchë coscri lât pa fèt fehâ lë figliës dô solit ô sônn patântës chë ô l’ânn dëlôn fèt.

Non si è obbligati a fare i coscritti, infatti molti coetanei non l’hanno fatto. Le ragazze in genere sono di meno e l’hanno sempre fatto.

Verhô dë tèn dôvouânn sz’è cômânhiâ a prëstarh la fehâ?

Quanto tempo prima avete iniziato a preparare la festa?

Lë prëmiérhës riugnôn ô sônn ahra ô mouèi dë mars, bèlë së carcâl i-érhônn dë scuszës për sortrë dë mujôn. Gli dërerh mouèi d’aiônn acôrh tôt dâ organi szarh e parhérh d’èn dëvu cômânhérh a trôvanôs pru souvânn.

Le prime riunioni sono state a marzo, anche se erano delle scuse per uscire. Gli ultimi mesi avevamo ancora tutto da organizzare e quindi abbiamo cominciato a trovarci più spesso.

Chinti o pann gli simbôle?

Quali sono i simboli?

Gli simbôl ô sônn: lô foular avoi l’ape ricamaië, e dësle la bândierâ avoi l’ánn dë la clase fet da unâ nanâ.

I simboli sono il cappello, il foulard con l’ape ricamata e l’anno, la bandiera fatta da una mamma.

Ahinti ricâm sz’aia dësu lô foular e dësu la bândierâ?

Quali immagini o ricami avevate sul foulard e sulla bandiera?

Dësu lô foular unâ ape tricolourh ricamaië matènchë dësu bândierâ ün stâmbèc e l’ëghgliszë dë Vëno tramès di boués

Sul foulard un’ape tricolore ricamata, mentre sulla bandiera uno stambecco e la chiesa di Venaus in un bosco.

Cômânchë l’erhet l’ape e chierh clë la ghidavet? Erirhrte lâ mâmann do comân?

Com’era l’ape e chi la guidava? Esiste un rito di iniziazione?

L’ape l’érhet tricolourh (verdâ blânzë e rôsâ). E la ghidavët nôhrô cóscrì Federico.

L’ape era tricolore (verde bianco e rosso) e la guidava il nostro coscritto Federico. Si benedice la bandiera durante la Messa del 1° Gennaio.

Dô lân dë chë tèn faszé fehâ?

Durante quale periodo fate festa?

D’èn cômânhiâ la mèt dôvouânn bônânn (gli trântün dë dëszènbrô) e d’èn lëvra gli hine dë dzënérh.

Abbiamo iniziato la notte di Capodanno (31dicembre) e abbiamo finito il 5 gennaio

Aiann sz’è fëstëggiâ?

Dove avete festeggiato?

D’e’n fëstëgiâ dëdin la tâvèrnettâ de Dorianô Cafo dë sen asë ala dëdini gli lôcal e gli ristorhânn dë gli pai dapiâ.

Abbiamo festeggiato nella tavernetta di Doriano Caffo, siamo anche stati nei locali e nei ristoranti dei paesi più vicini.

Chintës zahôn sz’è zânta?

Quali canzoni avete cantato?

D’en zânta: “Scarpettine colorate” “Viva la leva” “Fieui come noi” e gli pru grânn nôs ânn fèt zântarh acôrh pru fort për farhënôs sintre dâ lë dzänn.

Abbiamo cantato “Scarpettine colorate” “Viva la leva” “Fieui come noi” e i più grandi ci hanno fatto gridare per farci sentire dalla gente.

I së mingët carcherënn dë diforhann?

Si mangia qualche cosa in particolare?

La hinn-na dë lôdërèrh drârt dë l’ânn dë l’èn cuszëna lô dënarh dë l’ândëmân dë l’èn cômânda matènchë dë vefrô! alavët a hin-nâ dâ ün côscri, alafin dèn mingiâ la “pizza”.

La cena dell’ultimo dell’anno l’abbiamo cucinata noi, il primo abbiamo ordinato il pranzo, mentre la sera si andava a cena da un coscritto. Alla fine abbiano mangiato la pizza.

Chintës clasës l’ânn festëgiâ? Côch’erh ch’ô fânn gli côscri dë lôn dë l’ânn?

Quali classi hanno festeggiato? Che cosa fanno durante l’anno i coscritti?

L’ânn festëgiâ gli côscri dômilë nôhânn e nôrhântüm e hiti dômilë nôhannenorhântëtrèi gli fëgl pôrtônn la statouâ lô dzârt dë sèn’Ble apre cônbinonn ün dënarh

Hanno festeggiato i coscritti del 2991 del 1995. I maschi portano la statua il giorno di San Biagio e poi organizzano un pranzo.

I së fèt dë dëspèt?

Si fanno dei dispetti?

Nôs ânn bëta dë chèisônët dë lë rômahourhës ô mès dô zëmin nôs ânn pôrta viâ la bândierâ, lô foulard e l’ape.

Ci hanno messo dei bidoni della spazzatura in mezzo alla strada, ci hanno rubato la bandiera, il foulard e l’ape. A Federica hanno rubato il cappello, che non ha ancora trovato.

Chi t’ât parla dë gli côscri dë Vëno?

Vivânn a Vëno d’ai dzâ sëntu parlarh dë gli côscri e gli ai fincâ vouèi carcâl, parhérh dë sai dzâ chèi i së faszèt dèiszë chë i ât tôciâ a farhëlô a më.

Chi ti ha parlato dei coscritti di Venaus?

Vivendo a Venaus, avevo già sentito parlare molto dei coscritti e li avevo anche visti più volte, quindi sapevo già cosa si faceva, finché è toccato farlo anche a me.

Chèi vout dirhë farhë gli côscri?

I vout dirhë dëvërtisèi e farhë fehâ avoi lë përsënës dë tôn adzô e fëstëgérh hi diszouôt’ân chë fôr’ dë farhë sônn arva.

Cosa significa fare i coscritti?

Vuol dire divertirsi e fare festa con le persone della tua età e celebrare l’arrivo dei tanti sospirati 18 anni.

Erh ôbligiâ a farhë gli côscri?

Erh pa côstrèt a farhë gli côscri, tôtun a Vëno tôtës lë figliës ô l’ânn fèt ânsi, avoi nôs i avèt asë unâ figlië dë la Frérhë e bë fëgl: un dë Dzagliôn e un dë Mônpântérh.

Si è obbligati a fare i coscritti? Tutte le ragazze l’hanno fatto?

Non si è obbligati a fare i coscritti, però da noi tutte le ragazze l’hanno fatto, anzi con noi c’erano anche una ragazza della Ferrera e due ragazzi: uno di Giaglione ed uno di Mompantero.

Verhô dë tèn dôvouânn szé cômânhiâ a prëstarh la fehâ?

Bruvâ dôvouânn; ô mouèi dë mars d’èn cômânhiâ a mëszarh a gli diszègn për la bândierâ e për gli foular.

Quanto tempo prima avete iniziato a preparare la festa?

Tanto tempo prima: a marzo abbiamo cominciato a pensare ai disegni per la bandiera e per i foulards.

Chinti ô sônn gli simbôl?

Gli simbôl ô sônn: la bândierâ, lô foular, lô zapèl, gli fiâc fèt a mân d nôs, l’ape ôn tratourh, la damigianâ, la tërnâ trèicôlourh, lë côcardës, la baracâ, la mësâ dë Bônânn, lë bërlahés e lë zahôn

Quali sono i simboli?

I simboli sono: la bandiera, il foulard , il cappello, i pon pon fatti a mano da noi, l’ape (un trattore), la damigiana, la treccia tricolore, le coccarde, la baracca, la Messa di Capodanno, le urla e le canzoni.

Chinti ricâm s’aia dësu lô foular e dësu la bândierâ?

Dësu la bândierâ i ât dë môntignës, unâ grôousâ eghglië avoi scrëszu: “Vivâ la levâ 1980” matènchë dësu lô foular i ât un côrnu blân.

Quali immagini o ricami avevate sul foulard e sulla bandiera?

Sulla bandiera ci sono le montagne, una grossa aquila e la scritta “Viva la leva 1980”. Sul foulard c’è un unicorno bianco.

Cômânchë l’érhët l’ape? I ât unâ cerimognâ dë cômânhâgl?

Ô pouâst dë l’ape d’aiânn lô tratourh dë Biagio avoi lô chèisciôn dô côlourh dë la bândierâ itagliân-nâ e scrëszu pit gli nôhri nôn. D’èn pa avou d’otrës manérhës për cômânhâgl.

Com’era l’ “ape” e chi la guidava? Esiste un rito di iniziazione?

Al posto dell’ape avevamo il trattore di Biagio, con il cassone pitturato con i colori della bandiera italiana, su cui risaltavano tutti i nostri nomi. Non abbiamo avuto un rito di iniziazione.

Ân chinti tèn szé fëstëgiâ?

D’èn cômânhiâ la mèt dë Bônânn, bèlâ së d’ôsânn cômânhiâ a farhë fehâ la sëmân-nâ dôvouânn. D’èn côntuna për unâ sëmân-nâ dèiszë a gli Rèi. D’èn tôrnâ fèt fehâ lô dzârt dë Sèn Ble.

Durante quale periodo avete festeggiato?

Abbiamo cominciato la notte di Capodanno, anche se in realtà abbiamo iniziato a fare festa la settimana prima; abbiamo continuato per una settimana, fino all’Epifania. Abbiamo di nuovo festeggiato il giorno di S. Biagio.

Aiônn szé fëstëgiâ?

D’èn cômânhiâ a farhë fehâ a la muijôn d’un nôhrô ami côscri. A mimèt d’èn fèt fehâ për dabôn, apre avoi l’ape dë sèn ala dèiszë a Nôvalèiszë.

Dove avete festeggiato?

Abbiamo iniziato a festeggiare da un nostro amico coscritto; a mezzanotte abbiamo fatto festa sul serio, poi all’una, con l’ape-trattore siamo andati fino a Novalesa.

Chintës zahôn szé zânta?

D’èn zânta: viva i couscrit, viva l’eut e viva al pertus, fieuj come noi, hip hip hurra.

Quali canzoni avete cantato?

Abbiamo cantato: Viva i coscritti, viva l’otto, viva il buco, fieui cume nui, hip hip hurra.

Szé mingiâ carchërënn dë fôrhaviâ?

D’èn mingiâ grô dë zôszes ma ânsitôt d’èn bouèi unâ zôszâ particôlarh: frân machë dë vin nérh dë Vëno.

Avete mangiato qualcosa in particolare?

Abbiamo mangiato molte cose, di tutto, di più; ma soprattutto abbiamo bevuto una cosa particolare: rigorosamente vino rosso di Venaus.

Chintës clasës ô l’ânn fëstëgiâ? Chèi ô fânn dô lôn dë l’ânn gli côscri?

D’èn fèt fehâ nôs dë la clasë 1980 e hiti dë vënt’ân, dô 1978. Dô lôn dë l’ânn, a lë fehës dë Sèn Ble e dë Sèntâ Ghëtâ gli côscri vânn a mësâ avoi lô foular e a la përsëhiôn gli fëgl pôrtônn la statouâ dë Sèn Ble e nôs figliës hlâ dë Sèntâ Ghëtâ.

Quante classi hanno festeggiato? Che cosa fanno durante l’anno i coscritti?

Abbiamo festeggiato noi della classe 1980 e quelli di vent’anni, del 1978. Durante l’anno, alla festa patronale di S. Biagio e S. Agata, i coscritti vanno a Messa con i foulards e durante la Processione i maschi portano la statua di S. Biagio e noi femmine quella di S. Agata.

Ô vô ânn fèt dë dispèt?

Gli pru grânn ciërcévônn dë pôrtanôs viâ la bândierâ, gli foular e gli zapèl. Bëviônn a la nôhrâ damigianâ, ô l’ânn tapa dë pëtart e din lô tratourh aiônn chë i avèt dë môtës dë fouâ.

Vi hanno fatto dei dispetti?

I più grandi cercavano di rubarci la bandiera, i foulards e i cappelli, bevevano dalla nostra damigiana e hanno lanciato i petardi dentro al trattore, dove c’erano i nostri fuochi d’artificio.

Per la realizzazione di questo lavoro abbiamo utilizzato le fonti storiche:

  • orali: i racconti dei nonni, dei nostri genitori e dei nostri parenti, di persone che hanno vissuto da poco questa esperienza;

  • materiali: indumenti ed oggetti;

  • iconiche: le vecchie fotografie e quelle recenti.

Ringraziamo tutte le persone che ci hanno aiutato, in particolare Federica e l’insegnante Marisa per le loro preziose interviste, nonno Adolfo per le traduzioni e Matteo che, come negli anni scorsi, ci ha seguito in tutto il lavoro.