LÔ PËZËT A LA MÔNTIGNË

I GIOCHI DEI NOSTRI NONNI

GLI DZOUÂ DË NÔHRI PARÈN E ĎE NÔHRËS MARÈN-NËS

Con il passare degli anni, giochi e giocattoli sono cambiati. I nostri nonni non avevano grande disponibilità di materiali, ma si divertivano con poche cose e oggetti che trovavano in natura. lo scopo della nostra ricerca è quello di conoscere il modo di divertirsi dei nostri nonni.

Avoi lô pasath dô tèn gli dzouâ e gli damothët ô sônn sèngiâ. Nôhri parèn l’aiônn pa biënn dë material â dispôszisciôn ma ô së dëvërtiônn avoi hè pô chë ô trôvavônn. Lô môtif, lô fin dë la nôhrâ ricèrcâ eth hèl dë cugnuhrë ân chë manéthë ô së dëvërtiônn gli nohri viëgl.

I GIOCHI NELLE QUATTRO STAGIONI

GLI DZOUÂ DËDIN LË CATRÔ STAGIÔN

Quando i nostri nonni tornavano da scuola, non avevano molto tempo per giocare perché dovevano aiutare nei lavori domestici o nei campi, però non appena riuscivano a ritagliarsi un attimo, organizzavano con i loro amici dei giochi di squadra all’aperto come: mosca cieca, la settimana…

Cânchë nôhri viëgl l’arvavônn dâ scôlâ l’aiônn patânn dë tèn për damôthasèi përchèi dëviônn èidasèi dëdin gli travouâgl dë muijôn e dë la campagnë ma pouèn-nâ l’arsiônn a trôvath un mômânn dè tèn cônbinavônn avoi gli ami fôthâ a l’ariâ dë dzouâ dë cômpagni chëmë: a topa, a couet, a la sëmân-nâ, a calimborgnô e d’otri.

INVERNO

L’ËVART

In inverno, invece, il luogo preferito dei bambini era la stalla perché, oltre ad essere il posto più caldo, riscaldato dal respiro degli animali, era il ritrovo della comunità. lì gli adulti allietavano i piccini con racconti, novelle e canzoni varie ( in italiano, in piemontese e nel dialetto di Venaus). i ragazzi più grandi giocavano a carte o alla “morra”. durante il giorno si costruivano pupazzi di neve e palle utilizzate per colpire gli amici oppure si scivolava sulla neve con slitte o sci di legno; in mancanza di questi si usavano le cartelle.

Dëdin l’ëvart, ânveci lô pouâst prëfëthi dâ gli pëzët l’éthët lô bouit përchèi otrô d’arehë lô pouâst pru zot, asôda dâ lô fla dë lë béhës i-éthët lô pouâst aiônn chë ô së trôvavônn pit. Gli grânn fajônn pasath lô tën a gli pëzët couintânn dë couintës, dë prëpô e zântânn dë zâhônn (ân itagliân, ân piemôntèi e ân modâ Vëno). Gli giôvinât giuiévônn a lë cartës ôn a la mourâ. Dë dzârt ô fajônn dë babaciô dë nèi e dë môtës chë ô së tapavônn l’ün l’otrô. Tramânn së fajônn brëhéth dësu la nèi avoi la glivë o la glivë-matâ e, ân mâncânsâ dë hânn ichië, fajônn brëhésèi asta dësu la tascâ.

PRIMAVERA/AUTUNNO

DË PRËMÂ E DË SÈNMICÉL

Una delle occupazioni dei nostri nonni nel pomeriggio era quella di portare gli animali al pascolo (mucche, capre, pecore…); in questi momenti i bambini si divertivano a costruire oggetti con le pietre; con l’aiuto degli adulti si creavano cerbottane con rami di sambuco, estraendo dalla pianta la parte interna, la più tenera. Costruivano archi e fionde con le piante più elastiche ed usavano frecce ricavate da stecche di vecchi ombrelli. Le bambine si divertivano a costruire ghirlande di fiori o bamboline con i papaveri.

Unâ zôszâ dâ fathe apre-dënath dâ gli nôhri viëgl i-éthët hlâ d’alath ânzâm a lë béhës (vazës, cévrës, agnèl…).

Ân hì cas ichië gli pëzët së dëvërtiônn a gibourath cârchërënn avoi lë péthës. Èida dâ gli pru grânn ô së fajônn lô hgliôpët avoi ün tâc dë boués dë sâmbu, apre d’avéth gava da lô mès la miôlâ tèndrâ e lingéthë. Së fajonn l’ârc pliânn unâ brânzë dzouvânn dë zahgnéth e chëmë frecës anôvravônn lë bachëtës di pathaplodzë rôt. Lë pëzitës së damôthavônn faszânn dë côthônës e diszègn avoi gli bôchëte, dë pëzitës bouètës avoi gli pavâout.

ESTATE

DË ZÔTÈN

Durante l’estate, vicino ai torrenti si riunivano piccoli gruppi che scivolavano sulle pietre del torrente per eseguire rinfrescanti tuffi. Nei boschi giocavano a indiani contro cowboy.

A volte si riunivano per giocare a pallone e ad altri giochi di società come nascondino, guardie e ladri…

Dë zôtèn ô së trôvavônn ansèn, pedzâ gli pru pëzët, a damôthasèi dapiâ a ün riô për paciôcath e garfôgliéth dëdin l’evâ. Dëdin lë ravouethës ô giuiévônn a indiân e zahouth, carcâl ô së trôvavônn carchereun ansèn a giuiéth a la pomâ ôn a d’otri dzouâ da fathësèi ansèn chëmë a topâ, a couet ôn a lathë e carabignéth.

IN GIOCATTOLI DEI NOSTRI NONNI

GLI DAMÔTHËT DI NÔHRI PARÈN E DË NÔHRËS MARÈN-NËS

I nostri nonni non avevano tutti i giocattoli che abbiamo noi ora, ma nel tempo libero riuscivano a divertirsi ugualmente con i giocattoli molto più semplici dei nostri, costruiti con materiali diversi, reperibili in quel periodo.

All’aperto potevano divertirsi con le biciclette, saltare con la corda e, nella stagione adatta, fare sport con sci e slitte di legno, alcune usate anche sull’erba. Giocavano con palle e palloni, biglie di legno e di vetro, bocce e birilli di legno. Potevano imparare a fare i giocolieri con il gioco delle cinque pietre, far volare aquiloni costruiti da loro e far girare trottole di legno. Le bambine si divertivano con bambole di pezza e a giocare alla cucina con utensili di fortuna.

In casa giocavano alle carte ed alcuni di loro potevano già sfogliare alcuni giornalini di fumetti, giocare con le figurine, con lo yoyo.

Non mancavano modellini di auto, carriole, trenini, tutti costruiti artigianalmente in casa, con uso del legno o di altro materiale reperibile e soldatini di metallo. Con i bottoni, ma anche con le pietre, si poteva giocare a centrare un contenitore.

Venivano usati anche strumenti musicali: armonica, flauti e trombette costruiti in legno, pentole, coperchi e cucchiai di legno o bastoncini per le percussioni e vari recipienti contenenti pietre da usare come le maracas.

Armonica

Arganin

Trombetta

Trômpëtâ

Pentola, cucchiaio, coperchi

Pouithôlës, crëvëhelës e cugliéthës dë boués

Flauto di legno

Flâout dë boués

Hula-hop

Hula-hop

Fionda

Fionda

Trenino

Pëzët trèn

Auto

Machinës ânboués

Carriola

Barât

Bicicletta

Biciclëtâ

Palloni e palle

Balôn e pomës

Sci

Sci dë boués

Trottola

Chiërlâ

Aquilone

Acouilôn

Biglie

Goubiës

Yo-Yo

Io-io

Gioco delle cinque pietroline

Dzouâ dë lë hinc péthës

Birilli e bocce di legno

Barabaciô e bocës dë boués

Fumetti

Dzôrnalin

Le carte

Cartës dâ dzouâ

Slitta da erba

Glivë dâ arbâ

Centro i bottoni

Giuiéth a bôtôn

Bambola di pezza, di stoffa

Bouètâ dë strâs, dë pânn

Soldatini di metallo

Souldart dë plôn, dë feth

Corda

Couôrdâ

Pietre

Péthës

Gioco della cucina

Dzouâ dë la cuszinâ

Telefono

Telefônn

Questionario: Quali giocattoli usavano i nostri nonni?

SI

NO

Strumenti musicali

11

2

Peluches

1

12

Modellini di veicoli

5

8

Bambole

13

0

Robot

0

13

Personaggi dei fumetti

5

8

Monopattino, pattino, skate-board

1

12

Bicicletta

9

4

pallone e palle

13

0

Giochi creativi

9

4

Videocassette

0

13

Giochi elettronici

0

13

Giochi per il tempo libero (es. aspirapolvere, carrozzina)

3

10

LA RÔBATÂ: IL CERCHIO DA TOTOLARE A SPINTA

Stranamente ognuno di questi giochi infantili aveva il suo periodo di …. auge. Ciò non era fissato o concordato in precedenza eppure….Talora bastava che uno o pochi si fossero esibiti con un o di questi giochi o giocattoli che ben presto tutti gli altri lo imitavano come in altri campi succede con la moda. Così nel periodo primaverile appariva la Rôbatâ. Non era un gioco competitivo perché con questa ognuno si divertiva da se. Si facevano anche corse ma ciò che influiva sull’esito non era la Rôbatâ bensì le…gambe. Era costituita semplicemente da un cerchio di ferro ricavato talvolta da una ruota di carriola che vecchia e logora era stata distrutta. ma sostanzialmente era un tondino che prima sosteneva il bordo di una marmitta o di un paiolo. L’accessorio era costituito da una bacchetta di ferro con alla cima un gancetto più stretto e tondo per il cerchio a tondino e più largo a staffa per la Rôbatâ a cerchione largo e più pesante. Questa bacchetta fungeva da motore e da volante alla nostra …… macchina. Il punto d’appoggio di questa bacchetta per l’avvio e la spinta della Rôbatâ sta circa fra metà altezza del cerchio ed il punto in cui questo tocca la terra. Molti bambini andavano e tornavano da scuola accompagnando la Rôbatâ. Il posto per nasconderla diventò, per molti durante le lezioni a scuola il rustico muro ad est del caseggiato che fu osteria della Piazza e casa del panettiere Pierino. Si appendeva il cerchio a qualche cavicchio del muro mentre la bacchetta la si nascondeva alla vista. (Dovrei precisare che a quel tempo la scuola aveva le sue aule nel Municipio e la maggioranza dei bambini abitava nella parte più a monte del paese.)

Nelle strade di allora, in genere assai dissestate, sovente si udiva quel caratteristico lieve stridio metallico simile ad un ronzio intercalato da un sommesso ticchettio provocato dal contatto tra le due estremità del tondino tra loro non saldate. Era uno sport poco costoso: sano, positivo ed anche utile poiché induceva e spronava il bambino alla corsa, come per raggiungere una meta che non arrivava poiché la Rôbatâ precedeva sempre il corridore. Ne coglievano l’occasione anche la mamma e il papà qualora dovevano mandare il bambino o il ragazzo a comperare il pane o il sale o per altre urgenti commissioni. Allora spedivano il ragazzo con la raccomandazione: Fai vitô, prâns tâ Rôbatâ- Devi fare presto, prendi dunque il tuo cerchio.

In tal caso andare adagio non si poteva specie se ancora si andava in discesa. Con la pratica lo si poteva inoltre far compiere evoluzioni tracciando stretti ghirigori anche con la Rôbatâ molto inclinata. Insomma, bambini, provateci anche voi e converrete con me che è divertentissimo, un vero spasso.

QUANDO I NONNI ERANO BAMBINI VESTIVANO COSÌ

CÁNCHË NÔHËS MARÈN-NËS E NÔHRI PARÈN I-ÉTHÔNN PËZËT SË VËHIÔNN MAHÂNN

LA FAMIGLIA

LA FAMIGLIÂ

Intere famiglie si recavano presso il fotografo per farsi fotografare. Le foto venivano inviate ai parenti lontani per far conoscere i nuovi nati e per farsi ricordare.

I maschi fino a tre anni vestivano come le femmine

Bambino

Pëzët

Bambina

Pëzita

Le bambine indossavano sempre gonne e vestiti lunghi fino alle ginocchia; le calze erano di lana, lunghe e corte in estate.

L’abbigliamento era spesso confezionato in casa dalle mamme o dalle nonne oppure dalle sarte del paese.

Zëmiszôlâ - camicia

Zohës -calze

Sôlath dâ fehâ- scarpe da vesta

I maschi portavano i pantaloni a “mezz’asta”, cioè lunghi fin sotto il ginocchio.

I vestiti più belli erano indossati solo nelle principali feste.

Zëmiszë

Pantalôn chiërt

Piônn dë lân-nâ – calze di lana

Sôlath – scarpe

Una volta gli indumenti avevano una « vita lunga » perchè venivano usati prima dai fratelli maggiori e poi passati ai più piccoli. Soprattutto i pantaloni erano rattoppati sulle ginocchia e sul sedere.

I neonati

Gli mouèn-na

Spilla da balia

pannolini”

Fasce

Fënólâ

Vatèn fruhô

Fesës

Una volta non esistevano i pannolini. Per assorbire la pipì dei bambini piccoli si usavano scampoli di lenzuola lise –arahouthés dë vatèn fruhô, fermate con una spilla da balia. I neonati si avvolgevano prima in una pezza- patin di cotone, poi in fasce- fesës che impedivano i movimenti delle gambe e delle braccia. Si pensava che in questo modo, forse, i bambini crescessero con le game e la sciena più dritta.

A contatto con la pelle si metteva una camiciola di cotone o di lino –zëmiszóla dë côtôn ón dë lin senza bottoni, poi si indossava una maglietta di lana –flanelâ dë lân-nâ; sopra tutto c’erano un golfino-trico di lana o un grembiulino – fódal.

In testa avevano una cuffietta-bartâ di stoffa o di lana; le più preziose erano lavorate all’uncinetto e abbellite con perline ed erano usate per il battesimo – batémô.

Per sorreggere i neonati si usava il porta enfant – pôrtanfân di stoffa ben imbottita.

I neonati –gli mouèn-na dormivano nella culla – cunâ sopra materassi – pagliahât imbottiti con foglie di mais – fogliës dë megliá che al mattino si mettevano ad asciugare al sole.

Quando le mamme andavano in campagna o al pascolo trasportavano i piccoli nella gerla – grëbin o in un cesto – covouèn.

Mentre lavoravano si sistemavano i bambini in un lenzuolo – vatèn legato a qualche albero, lo stesso lenzuolo che serviva per trasportare il fieno o le foglie.

BAMBINI E BAMBINE

PËZITËS E PËZËT

Bartin

Calotâ

Vëhu a la marinarâ

Lô fiâc

Le bambine avevano i capelli lunghi, spesso raccolti, o tagliati a caschetto. In testa, sempre, portavano dei vistosi fiocchi.

Per arricciare i capelli si usava una specie di pinza di ferro che si arroventava sulla stufa.

PRIMA COMUNIONE E CRESIMA

PRËMIÉTHË CÔMIGNÔN E CRESIMÂ

Una volta si scattavano le foto solo in occasioni importanti, Prima Comunione, Cresima, Matrimonio

Robâ blânzë

Gli gân

Lô velô

La bôrsëtâ

I vestiti più belli si indossavano solo nelle occasioni importanti. Tarcisio, il nonno di Yuri, si ricorda che il vestito della Prima Comunione aveva i pantaloni lunghi; per la Cresima la sua mamma gli aveva preparato lo stesso vestito, ma con i pantaloni tagliati al ginocchio, perché nel frattempo lui era cresciuto e i pantaloni erano diventati troppo corti per la sua statura.

A SCUOLA

A SCÔLÂ

Le classi erano numerose. Le bambine indossavano il grembiule e i maschi la blusa

Blous

Côëlët blân

Fôdal néth

Fiâc bleu

Lô prôvâst

La magistra

Fin da piccole le bambine imparavano a ricamare e a lavorare a maglia e preparavano il corredo.

Giulia indossa una sottoveste e una camicia da notte che usava la sua nonna quando era bambina. Gli indumenti intimi erano chiari, in tinta naturale. Le stoffe erano di cotone o di lino un po’ ruvide.

Molti indumenti erano di lana grezza e, a contatto con la pelle pungevano. Alcuni venivano tinti in casa con coloranti naturali o acquistati nei negozi.

Le calzature erano zoccoli a suola di legno o scarpe di cuoio con le suole rinforzate con chiodi.

D’estate i bambini andavano sovente a piedi scalzi.

Per ricostruire il passato abbiamo utilizzato le fonti storiche:

orali: i racconti dei nonni

materiali: indumenti, calzature, giocattoli

iconiche: le vecchie fotografie

Grazie ai nonni, agli spadonari, alla signora Augusta, a Silvana T. e a Laura G. per le preziose testimonianze.

Alemanni Roberto

Barbero Mara

Caffo Sabrina

Caffo Silvia

Caffo Valentina

Favot Elisa

Graffi Simone

Marzo Alberto

Marzo Matias Vinicius

Marzo Simone

Pognant Andrea

Vighetti Giorgia

Volpi Micol

Classe I

Caffo Serena

Vigna Yuri

Classe II

Aschieris Martina

Bianco Dolino Giulia

Caffo Michela

Chiabaudo Elisa

Marzo Federico

Plano Simone

Classe III

Caffo Chiara

Cervellin Sara

Corellino Massimiliano

Marzo Daniele

Marzo Federico

Nemo Diego

Perottino Matteo

Rossetto Giulia

Vair Andrea

Classe IV

Aschieris Roberta

Bianco Prevot Elena

Leone Alinda

Tournour Silvia

Classe V

Bertini Paolo

Ciminelli Mariangela

Perottino Silvana

Poncet Compte Anna Maria

Insegnanti

Con l’intervento di marzo Adolfo e Ghiotto Matteo esperti in lingua franco-provenzale.