Venaus il nostro paese, si trova nella Valle di Susa, precisamente nella Val Cenischia e conta circa 1000 abitanti. Questa valle ha avuto molta importanza ed è stata più conosciuta quest’anno, durante la ventesima edizione delle Olimpiadi invernali e delle Paraolimpiadi, che si sono svolte oltre che a Torino, (città d’inaugurazione e di chiusura dei Giochi), anche nell’Alta Valle.

Venaus è un paese tranquillo, allegro, ma soprattutto ricco di vegetazione, è quasi interamente circondato da montagne, tra cui il Rocciamelone, che è la vetta più elevata, sulla quale si trova la statua della Madonna che ha le braccia aperte come se volesse benedire la popolazione.

In particolari zone il paese ha una vegetazione più fitta, specialmente verso il centro, dove si trovano i castagneti.

Questo posto, visto che è ricco di alberi, è molto ombreggiato e quindi è molto bello giocarci in estate, quando fa caldo.

Inoltre, a Venaus si coltivano molte piante da frutto, come meli, peri, peschi, ciliegi, kiwi; ci sono molti orti, coltivati soprattutto a pomodori, patate, carote, cavolfiori, cavoli, insalata e molte altre verdure tipiche del nostro clima.

Anche le vigne sono ancora coltivate, però stanno diminuendo perché danno troppo lavoro e la gente preferisce acquistare il vino.

Salendo verso la Francia, lungo la statale numero 25, si trova il Moncenisio, che un tempo apparteneva all’Italia, ma ora è territorio francese.

Questo luogo è molto conosciuto perché vi è un grande lago artificiale che, quando il tempo è bello, brilla di un azzurro splendente ed è meta di molti turisti.

Il nostro paese, così bello e ricco, rischia di essere gravemente danneggiato a causa della TAV, cioè del treno ad alta velocità.

La cosa più grave è la costruzione della galleria, che durerà molti anni e che potrebbe essere nociva per la salute a causa di alcune sostanze pericolose, che potrebbero essere contenute nelle rocce.

Tutti sperano che questo non accada, e che il nostro paese e la natura della valle rimangano come sono, perché dei territori così belli non devono essere rovinati.

Il bosco

Lô boués

Le bois

La plântâ e së part

La rèi

La crëfâ

Lô bigliôn

La foglië

La brânzë

La racine

L’ecorce

Le tronc

La feuille

La branche

Il frassino

Lô frenô

L’abete

Lô sap

Il pino

Lô pënn

Il ciliegio

Lô hëthijéth

La quercia

Lô zouthô

Il castagno

Lô zahgnéth

Il noce

Lô nôiéth

L’agrifoglio

Lô grivôl

La betulla

La bioulâ

Il faggio

Lô fâou

Il larice

Lô mëlëouô

La primavera

La prëmâ

Le printemps

In primavera dalle gemme della pianta nascono i fiori le foglie

Ân prëmâ dâ lë drëmës dë la plântâ ô néisonn lë flouth e lë fogliës

L’estate

Lô zôtén

L’été

In estate la pianta è coperta di foglie che fanno ombra

Ân zôtèn lâ plântâ l’ëth crëvâ dë fogliës che ô fânn ônbrâ

L’autunno

Lô sénmicél

L’automne

In autunno le foglie delle piante ingialliscono e dopo cadono

Dë sénmicél lë fogliës dë lë plântës ô zanônn e apre ô zaiônn

A cosa servono gli alberi?

Offrono rifugio agli animali

A chéi sërvauéisónn lë plântës?

Lesônm pôst a cacésu a lë béhës

Il cervo

La lepre

La volpe

Lo scoiattolo

Lô cervro

La lévrâ

Lô rèinot

Lô sëthât

Arricchiscono di sostanze organiche il terreno sul quale crescono

Ândrugiônn lô torên aiônn ch’ô crèisônn avoi lë fogliës sëzës ch’ô zaiònn

Frenano la violenza dell’acqua della pioggia ed evitano le frane

Frenônn la viôlènchë dë là plodzë evitânn lë rëvënë

Impediscono il formarsi delle valanghe e riparano le abitazioni

Âmpédèisônn la fôrmasciôn dë lë lavouènzès e ô prëszorvônn lë muijôn

Forniscono il legname per fabbricare le case, per fare i mobili e per riscaldarsi quando fa freddo

Fôrnéisônn lô boués për fabrichath lë mujônn, për fathë gli moblô e për asôdaséi cánch fét frét

Din gli zahgnëthéi

D’autunno nei castagneti si schiacciano i ricci con il picciotto

Dë sénmicél din gli zahgnëthéi së casônn gli ëthë avoi lô pëcât

Si rastrellano le foglie secche e si mettono in un lenzuolo facendo delle lenzuolate

Së rahelônn lë fogliës ë se bétônn din lô votén faisânn dë patëneienaiës

I boscaioli tagliano gli alberi con l’ascia e trasportano la legna sulla slitta

Gli boschéitân ô taglionn lë plântës avoi la piôla e o trânmônn gli boués dësu la glivï

Con la ramaglia degli alberi si fanno le fascine

Avoi la ramiglië dë lë plântës së fânn lë fouèiscënës,

TRÈI PËNN A ZALÈNDËS

Gli trèi pëzët pënn

Dônânsèi la mân

L’alavônn jnënn,

pa gnânca trouplân.

La marzë lëvra

Ou prozô paii,

Frân grô l’ânn zëta

Ouitânn pa lô pri.

Zalèndës fè vésèi

Cân nèt lô Signouth

Ouitath dë sargésèi

Dë to’ lë coulouth.

Apre, lô rëtârt

Fa véin a lë dzârt

Së listës d’ardzânn.

Arva la mimèt

Cân lô Bambin vënn

Dân loèn së ouaièt

Lëna gli trèi pënn.

TROIS PETIT SAPINS

Trois petits sapiens

Se donnaient la main

Car c’était Noël

De la terre au ciel.

Prirent le chemin

Menant au village,

Jusqu’à l’étage

D’un grand magazin.

Là ils se couvrirent

De toit ce qu’brille :

Boules et bougies,

Guirlandes pour luire.

Et s’en retournèrent

La main dans la main,

Par le beau chemin.

De l’étoile claire,

Jusqu’à la forêt

où minuit sonnait,

Car c’était Noël

De la terre au ciel.

LË BÉHËS DÔ BOUÉS

La farfalla

Lô parpagliôn

La chiocciola

La lëmahë

La vipera

La viprâ

Il gufo:

Il becco

Gli occhi

La testa

Le ali

Lô zanavél:

Lô bec

gli ouôgl

la cabohë

lës alës

Il lupo:

La coda

Le zampe

Il pelo

Il muso

Le orecchie

Lô lôu

La couâ

Lë plotes

La boura

Lô mourô

Lës èthëgliës

FESTA DEL PATOIS

Venaus 7 giugno 2005

La nostra festa è iniziata nel salone della scuola con l’esibizione dei bambini di Venaus, Novalesa, Guaglione, Chiomonte (francoprovenzale e occitano) e Susa (francese).

Sotto l’occhio vigile degli Spadonari, le Savoiarde hanno presentato lo spettacolo di canti e danze.

Tra le autorità presenti il nostro sindaco Nilo Durbiano e il sindaco Milena Plano di Guaglione. Anche il direttore Antonio Gentile è venuto tra noi.

Ed ecco il nostro esperto di patoua, Adolfo Marzo, che ha sempre collaborato con passione e competenza alla nostra ricerca.

Nel pomeriggio la festa è proseguita per le vie del paese, alla scoperta di antichi mestieri (gli mës-céth).

La scuola d’intaglio del legno e la semina delle patate…. Alla segheria: la rèiscë – la scie – la sega.

In visita all’AIB ….. dai forza!! Non si sa mai, dovesse scoppiare un incendio nel bosco (din lô boué), ci siamo noi a darvi una mano!

.e ora andiamo dalle mamme artiste vicino al lavatoio.

LA FEHÂ DÔ PATOUA

Vëno 7 sèn gënn 2005

Il fabbro

Lô fôrdèithôn / lô fréth

Le forgeron

Il calzolaio

Lô zagliéth

Le cordonnier

Il cestaio

Lô cavagnéth

Le vannier

L’innesto delle piante: il castagno

Lô zahgnéth

Fare il burro: esposizione di attrezzatura di una volta

Gli arnèis

La fienagione…. Adolfo prepara la falce e ci spiega come è fatta.

E dalle nonne a lezione di pazienza: che bei lavori all’uncinetto! Si sono sedute all’ombra perchè oggi fa veramente caldo!

Finalmente a scuola! Un po’ stanchi e accaldati ma soddisfatti delle lezioni all’aperto: è stata proprio una bella giornata! Speriamo che anche i bambini delle altre scuole siano contenti di questa esperienza.

Ringraziamo i nostri due esperti di patois Adolfo Marzo e Matteo Ghiotto per le interessanti lezioni svolte nel corso dell’anno scolastico.

Ringraziamo anche le famiglie degli alunni e la squadra AIB di Venaus per la collaborazione al nostro progetto sugli alberi e il bosco.

Venaus maggio 2006

Aschieris Martina

Bianco Dolino Giulia

Caffo Michela

Chiabaudo Elisa

Marzo Federico

Plano Simone

Classe I

Caffo Chiara

Cervellin Sara

Corellino Massimiliano

Marzo Daniele

Marzo Federico

Nemo Diego

Perottino Matteo

Rossetto Giulia

Vayr Andrea

Classe II

Aschieris Roberta

Battaglia Giona

Bianco Prevot Elena

Leone Alinda

Tournour Silvia

Classe III

Armando Samantha

Cerminara Marta

D’Andrea Alessia

Ferrari Andrea

Volpi Matteo

Classe IV

Basile Alessandro

Bitto Fabio

Caffo Alessandra

Chillau Alice

Cagnetto Alessandro

Garbo Martina

Justesen Yuri

Vottero Luisa

Classe V

Ceresa Clelia

Lambert Elvira

Perottino Silvana

Sereno Ida

Le insegnanti