Il rito di passaggio è un rituale che segna dei cambiamenti importanti nella vita di una persona.

Alcuni cambiamenti riguardano il ciclo della vita individuale come la nascita, il battesimo, la maggiore età, il matrimonio, la morte…

Per ognuno di questi momenti ci sono delle tradizioni da tanto tempo.

I tëimp dal passage a sen ad mumëint ch’a segnën an cambiamiënt ampurtant d’la vita d’la gëint.

I cambiamiënt pì gros a sen al nassër, al batesim, cumpir 18 an, al matrimòne, la mort…

Par ognidun at cui mumëint sì a-j sen at tradissiun ch’a durän da tänt tëimp.

La nascita di un bambino era considerato fin dai tempi antichi un evento naturale. Si partoriva in casa. L’assistenza alla puerpera era data da una o più donne anziane sposate che avevano avuto almeno 5 o 6 figli (quindi con buona esperienza).

Si ricorreva al medico solo in caso di estrema necessità. Alla donna incinta veniva caldamente consigliato di non portare collane o foulard stretti al collo, di non allacciare il grembiule (che all’epoca era un capo di uso comune) troppo stretto in vita e mai con due nodi per evitare che alla nascita il bimbo si presentasse con il cordone ombelicale stretto al collo. Si consigliava di fare almeno due volte al giorno le scale a piedi nudi per riattivare la circolazione delle gambe. Per almeno tre settimane prima del parto era consuetudine prendere i semi di lino.

Far nasser an cit a l’è stèt cunsideraa da sèmpre na cosa natural. A-s catava a cà. Par assister la fumna gravia a-j s’erän ùna o pì fumne spusèe ch’a j-avian già avù almeno 5 o 6 fieuij.

As ciamava al mèdic mac sa l’era prope necesare. A la fumna gravia as disìa ad nin purtar culane o foulard strèt al col, ad nin grupase al faudèr (che ‘na vota as durava sempre) trop strèt an vita e mai cun duj grup parché se no al cit a pudìa nassër cun al curdun al col. As disìa ad far almeno due vote al dì j-a scale discaus par la circulasion dle gambe. Per almeno tre smane prima ad catar a-j era l’abitudine ad pjar samëint ad lin.

Ogni mamma in attesa secondo le proprie risorse economiche preparava un corredino per il neonato fatto di camicine, fasce, lenzuolini, bavaglini cuffiette, guantini, calzini, in cotone per il periodo primaverile – estivo, in lana per quello invernale. La mamma di solito allattava il proprio bimbo e nelle diete da seguire per evitare le coliche (mal di pancia) al neonato valevano i consigli della suocera o della mamma: evitare i fagioli e tutte le verdure verdi per almeno i primi tre mesi di allattamento. Per aumentare la produzione di latte bisognava mangiare finocchi.

La mare ch’a spetava, simun ij sot ch’a-j avìa, a preparava la roba par al cit: camisin, fasse, linseulin, bavarin, cùfiëtte, guantin, causetin, an cutun par la primma e l’istaa, an lana par l’invern. La mare ad solit a dasìa al lèt al so cit e, par nin faje agir mal la pänsa a devìa scutar lun ca j disìa sua mare o sua mare madonna: nin mängiar faseui e tùta la verdura vërda par almeno tre mëis. Per aumëintar al lèt a vëintava mängiar fnuij.

Il bimbo appena nato veniva messo nella culla e per l’allattarlo la mamma lo appoggiava sempre su un cuscino ritenendo che le part più delicate fossero la testa e la schiena. Al neonato, subito dopo la nascita, si metteva il camicino della fortuna, una piccola casacca leggera in cotone bianco che poi doveva essere conservata per ricordo senza essere lavata. Nella culla, per farlo dormire, il bimbo veniva avvolto in una camiciola di cotone e poi delicatamente disteso con le gambine ben allineate e avvolta in fasce di cotone morbido per i primi 5 o 6 mesi di vita. In ogni culla veniva posta un’immagine della Madonna o 3 foglioline di ulivo benedetto come protezione da negatività varie. La biancheria dei neonati doveva essere ritirata prima dell’imbrunire anche non asciutta e rimessa ad asciugare il giorno dopo.

Al cit apëina naa gnisìa cugina an t’la cùna e par daije al lèt la mare al pugiava sempre s’an cùsin parchè a pëinsava che le part pì delichèe a fussën la testa e la schiëina. Al cit, apëina naa, as vistìa al camisin d’la furtuna, an camisin at cutun biänc che dopo a devìa essër tegnùu par ricord, sëinsa esser lavaa. An t’la cùna, par falo dromër, al cit a gnisìa vistij cuna n camisin at cutun e slungaa con delicatëssa, cun al gambëtte bele dritte e anrucaa an fasse d’cutun morbid par i prim 5 o 6 mëis d’vita. An’tla cùna a gnisìan pusèe na maginëtta d’la Madonna o tre fujuline d’uliv benedij, par prutesiun. La roba dij masnèe cit a devìa essër ritiraa prima ch’a gnëiso nòt anche sa l’era nin sùccia e fèta sùar al dì apres.

Il battesimo veniva impartito nella prima settimana di vita del bimbo. Il papà concordava con il parroco il giorno e l’ora; con il padrino e la madrina e con una donna anziana e saggia che presentava al sacerdote il bimbo (al posto della mamma che rimaneva in casa) si procedeva al rito.

Le campane suonavano a festa. Per l’occasione il neonato, sopra al camicino e alla fascia indossava un coprifasce bianco di cotone o di lana ricamato e lo si metteva in un port-enfant bianco, anch’esso ricamato.

Si battezzava di solito al mattino dopo la messa. I padrini poi offrivano al sacerdote, ai parenti più stretti il bicerin (un cappuccino con cioccolato servito in un bicchierino con il manico da tazzina) nella locanda del paese. Per i bimbi nati fuori dal matrimonio (ragazze madri) il battesimo si faceva alle sei del mattino (prima della prima messa) o dopo l’ultima della giornata e non si suonavano le campane.

Al batesim as fasìa an t’la prima smana d’vita dal cit. Al pare as butava d’acorde cun al parco par la data e l’ura; cun al padrin e la madrina e cun na fumna veija e d’bunsëins ca presentava al preve ‘l cit (al post d’la mare ca stasìa a cà) as fasia la funsiun.

Par l’ucasiun, ‘l cit, asima al camisin a vistìa an coprifasse biänc ad cutun o d’lana ricamaa e as bùtava dina n t’al port-infänt bianc e ricamaa. As batesava ad solit a la matin, dopo la prima mëssa. I padrin a uffriän al preve e ai parëint pì strèt al bicerin (cafè e lèt cun ciculata preparaa an t’an bicerin cun al mane da tasina) an n’uberge dal pais. Par i cit nèe fora dal matrimòne (da fije nin marièe) al batesim as fasìa a ses ure d’la matin o dopo l’ultima mëssa e as sunavän nin al cioche.

I padrini e le madrine avevano un ruolo molto importante nella crescita e nella formazione del bambino. Venivano scelti dai genitori tra le persone anziane o ritenute sagge dalle rispettive famiglie. Se ne avevano la possibilità economica, in occasione del battesimo regalavano al neonato una catenina d’oro con una medaglietta di una immagine sacra. A Pasqua e a Natale era d’obbligo per loro ricordarsi del figliocci con semplici doni. A Pasqua si regalavano angioletti, pecorelle di zucchero e a Natale i Bambinelli, sempre di zucchero avvolti in carte colorate.

I padrin e le madrine a-j aviän an impegn änpurtänt par la carsùa e l’educasun dal lor fòss. A serän sernùu da pare e mare tra le parsune veije o cunsidewrèe pi savie da la famija. Sa a-j aviän quej sot, a regalavän al cit na cäinetta d’or cun na medajëtta religiusa. A Pasqua e a Natal par lor a l’era ubligatore ricurdase dal fioss cun quëij cit regalin. A Pasqua as regalavän angiulët, agnelin ad succhër e a Natal i “Bambin”, sempre ad succhër anvurtuijèe an carta culuraa.

Circa 60-70 anni fa nei paesi di montagna non vi erano strade asfaltate che collegavano il capoluogo alle frazioni e chi nasceva in queste ultime veniva portato alla chiesa parrocchiale in una culla di legno ricoperta da una copertina di pizzo, a spalle del papà. Nella culla il bimbo, dopo aver indossato una camiciola e la cuffietta, veniva avvolto in un lenzuolino ricamato e in una copertina di lana.

Ai lati della culla c’erano dei fori triangolari in cui si faceva scorrere una grossa e resistente fettuccia colorata (la trussa) per tenere fermo il bambino ed evitargli qualsiasi caduta. Sopra la culla si metteva la copertina del battesimo in pizzo antico bordata da nastri rosa o blu. La culla del battesimo era tutta dipinta con motivi floreali. In ogni frazione la culla più bella serviva per il battesimo di tutti i bimbi. Prima del battesimo i bimbi non venivano portati fuori dalla propria casa.

Fina a 60-70 an fa an tij paìs ad muntagna a-j serän nin j-a strèe asfaltèe ca ùniën al paìs a la frassiun e chi ca nassìa lì a gnisìa purtaa a la paròcchia an na cùna ad bosch cuèrciaa cun na cuertina ad pisët, a spalle dal pare. An t’la cuna al cit, dopo aver vistij al camisin e la cuffiëtta a gnisìa anrucaa an t’an linseulin ricamaa e an t’an lane. Si bord d’la cùna a-j seran d’asule e da lì as fasìa passar na grosa e robusta trussa par tegnër fèrm al cit ca cäijëiso nin fora. Sla cùna as pugiava la cuertina dal batesim an pisët cun ad fiòc ròsa o bleu. La cùna dal batesim a l’era tùta pituraa cun disëgn ad fiur. An tutte le frassiun la cùna pì bella a servia par al batesim ad tùte i cit. Prima dal batesim i cit a gnisìän nin purtèe fora da ca.

Ritornando indietro nel tempo, il matrimonio avveniva tra ragazzi assai giovani, 18-20 anni per le donne; 22-25 anni per i maschi.

Nel passato non c’era la libertà di cui si gode adesso. Prima del matrimonio si usava fare l’imprumessa ( i genitori del futuro marito andavano a casa della ragazza per chiederla in moglie per il proprio figlio). Il fidanzamento coincideva con il permesso ai due giovani di frequentarsi a casa e in pubblico. Il fidanzato regalava alla ragazza l’anello di fidanzamento. Il fidanzamento era un periodo breve, poi o ci si spossava o ci si lasciava.

Turnand andrer an tal tëimp, al matrimóne as fasìa tra fieuj giuvän, 18-20 an par le fije, 22-25 par I fijeuj.

Alura a-j era nin la libertà ca j-è adess. Prima del matrimóne as fasìa l’imprumëssa (pare e mare d’la spus andasiän a cad la fija par ciamala an spusa par al fieul).

Se la fija (o la famija) a l’era d’acórde, i murus a-j aviän al parmès ad vese a cà e an public.

Al murus a regalava a la murusa l’anel ad fidänsamëint. Al fidänsamëint a durava poc, i murus o s’as spusävan o as lassavän.

Alla ragazza fin da giovane veniva insegnata l’arte del ricamo e del cucito per prepararsi il corredo. La dote consisteva in alcune coppie di lenzuola e federe, coperte, asciugamani, tovaglie e tovaglioli, strofinacci da cucina e biancheria personale. La suocera metteva una cassapanca. Il marito si occupava dei mobili per la camera.

Fin da quänd ca l’era cita, a la fija as mustrava a cusër e a ricamar par preparase al corredo. La dote a l’era fèta da cubie ad linseuj e fùdrëtte, cùerte, sùamän par al bagn e la cusina tuvaije e tuvaijin e lingerìa. La mare madonna a regalava an cassiun. L’om a s’interessava dij mobëij par la stänsia.

Ai parenti più stretti e agli amici più cari si usava portare i confetti. Venivano dati sciolti in numero dispari, da tre a sette per persona. Chi riceveva i confetti era invitato al matrimonio e, nel limite delle proprie disponibilità economiche, faceva un regalo agli sposi. Di solito si trattava di oggetti di uso comune in cucina. Non si distribuivano le bomboniere. A volte venivano date solo ai testimoni di nozze. Erano fatte in casa lavorando con l’uncinetto un piccolo centrino che poi veniva chiuso con un nastro attorno a cinque confetti.

Ai parëint pi strèt e aj amis pì cara s custùmava purtar al giuraje. A gnisìän dètte sciòlte an numër dispari, da tre a sèt par parsuna. Chi a ricevìa al giuraje a l’era anvitaa al matrimòne e, par lun ca pudìa, a fasìa an regala j-a spus. Ad solita s tratava ‘d roba da duvrar an cùsina. As custùmavan nin le bumbunère. A vote a gnisiän dètte mac ai testimòne ‘d nosse. A gnisiän fètte a cà travajänd a crusiët an cit sëntrin che a gnisìa saraa cun an nastro antorn a sinc giuraje.

Negli anni 45-50 le spose avevano un bouquet fatto con i fiori di carta ed erbe secche. a fine cerimonia il bouquet veniva lasciato ai piedi della statua della Madonna. La sposa di solito indossava un tailleur e una camicetta bianca. Qualche anno dopo diventò di moda indossare il vestito bianco lungo e il velo.

An t’j an 45-50 j-a spuse a-j avian an buchët fèt cun fiur ad carta e d’erbe sëcche. A la fin d’la funsiun al buchët as lassava ai pee dla statua dla Madonna. La spusa ad solit a vistìa an taieur e na camisina bianca. Queich an dopo, a l’e gnu ad moda vestir la vesta lunga biänca e al vel.

Addio al celibato: confetti e vino.

Nella settimana che precedeva le nozze lo sposo festeggiava l’addio al celibato con gli amici. La serata comprendeva una cena e una gran bevuta di vino aromatizzato con i confetti. I confetti venivano messi a bagno nel vino diverse ore prima di cenare.

La porta trionfale ad arco. La sera prima del matrimonio, a volte il mattino stesso, si addobbava la porta d’entrata della casa della sposa con un arco fatto con rami verdi, edera, fiori di ginestra, fiori di prato e di campo, secondo la stagione. Era un messaggio augurante felicità prosperità e tanto amore per la coppia che iniziava a vita a due. Al centro della porta veniva appeso, con nastri colorati o bianchi, un cartello come questo.

W GLI SPOSI

Addio al celibato

An t’la smana prima dal matrimòne la spus a fasìa ne festa cun ij amis. Cula sëira lì as fasìa na sëina e na gran ciucca cun giuraje e vin. Al giuraje a gnisìan bùtee a mòjar an t’al vin diverse ure prima ad sëinar.

La porta triunfal.

La seira prima d’le nòsse, a vote la matin stessa, a s’adubbava la porta d’la ca d’la spusa cun n’arco fèt cun ram vërd, brasabos-ch, fiur ad ginèstra, fiur ad praa e ad cämp, sec und la stagiun. A l’era na manèra par far ij auguri ad felicità, prosperità e tänt amur par la cubbia ca cumëinsava na vita ansema. An mès a la pòrta as pëndìa an cartel cun nastri culurèe o biänc mee cust:

W GLI SPOSI

Lo sposo nel giorno delle nozze si presentava con la sua famiglia e gli invitati a casa della sposa, poi insieme raggiungevano la chiesa. Era consuetudine della suocera portare a sorpresa i “sunadur” (uno con la fisarmonica e uno con il clarino) per rendere attraverso la musica indimenticabile la giornata. Il pranzo di nozze avveniva di solito in qualche trattoria o locanda. All’uscita della chiesa gli sposi venivano festeggiati da amici e parenti con il lancio simbolico del riso. Di solito c’erano dei bambini che recitavano le poesie per gli sposi. Sempre in quest’epoca non si usava fare il viaggio di nozze.

Ancora più indietro nel tempo (anni 20-30) ci si poteva sposare per procura. Se il futuro marito era emigrato in America o in qualche paese europeo era di solito la suocera che per procura (permesso scritto rilasciato dal figlio) accompagnava in chiesa la ragazza e la sposava per il figlio. In tal modo il certificato di matrimonio per procura permetteva alle donne di imbarcarsi e raggiungere i mariti.

La spus al dì dal nosse as presentava cun la sua famija a ij anvitèe a cà dla spusa, dopo ansema andasiän an gesia. A-j era l’ùsänsa da part dla mare madonna ad purtar i sunadur (ùn cun l’armonica e ùn cun al clarinët par rëindër cun la mùsica la giurnaa favulusa.

Al disanar ad nosse as fasìa ad solita an quëj piola. Quand ca surtiän da la gesia ij-a spus gnisìän festegièe da amis e parëint tiräntie ados mäncièe ad ris.

Ad solit a-j serän ad cite ca disiän puisìe ij a spus. Sempre an cul periodo lì as custumava nin far al viagge ad nosse. Ancura pì andrer an t’al tëimp (an 20-30) a s’as pudìa spusar par prucùra. Se al murus a l’era emigraa an America o an quich aut pais, a l’era ad solit la mare madona che par prucùra (parmès scrit dal fieul) a cumpagnava an gesia la fija e la spusava par al fieul. An custa manèra al certificato ad matrimòne par prucùra a pärmëttìa a la fumna d’ambarcase e andar da so òm.

PUISÌA PAR IJ A SPUS

Sposi gentili e cari

Io oggi voglio offrirvi

Il fiore più bello, che più odora

E lo dono a voi della vostra nuova aurora.

È vero son piccina

E difficili parole non so dire

Ma quando l’amore è dentro al cuore

Anche i bimbi si fan applaudire.

O sposa sii felice

Bianchi fiori ti danno bellezza di fata

E il sorriso che sboccia sulle labbra

Dice a tutti che è d’amore.

E anche allo sposo i miei più fervidi voti

La vita vi sorrida a un nuovo fiorir di speranze

E sul vostro capo piovono le benedizioni del cielo.

Evviva, evviva gli sposi.

A ogni matrimonio non mancava mai il ballo. Dopo pranzo iniziavano le danze e questo era il momento più atteso da tutti. Al suono di una fisarmonica e di un clarino si dimenticava la miseria, il duro lavoro, la fatica del giorno dopo.

Ai matrimòne a mancava mai al bal.

Dopo disnar as cumeinsava a balar e cust a l’era al mumëint che tùti a spetavän. Al sun dl’armonica e dal clarinët as dismëntiava la miseria, al travaj dùr, la fatiga dal dì dopo.

Ambrosio Elisa

Boukhaled Safoine

Brogliatto Francesca

Brunasso Mario

Chiades Aurora

Costa Michele

Cuberi Iris

Gallo Giada

Hrab Emila

Leschiera Giuseppe

Nobile Vincenzo

Parisi Giulia

Perono Paola

Reffo Luca

Regis Patrick

Serena Thomas

ALUNNI

Petracca Stefania

Vernetti Maria Pia

INSEGNANTI