Enti in rete L.482/99   

Poesie da Olivetta

"La scala"

"A SCÀŘA"

"La scala"
italiano

La vecchia nonna,

piegata e stanca

scende giù la scala

appoggiandosi alla ringhiera

intanto dall'altra mano

tasta con il bastone,

ad ogni passo.

E al bordo dello scalino

scende, piano piano,

e qualche volta si ferma e...

con gli occhi vetrati e...

con il cuore pieno di pene

guarda lassù in fondo

dove finisce la scala e...

l'ultimo scalino, che e

pare che sia l'ultimo scalino

della sua giornata...

su questa terra.

Ma ecco che se ne andava

in su per la scala a quattro zampe

e il suo piccolo nipote

che sale svelto e allegro...

e alzando la faccia la guarda...

con due occhi che le sorridono...

e la nonno ci si specchia

dentro.

Ora la scala non mette

più paura,

e la vecchia nonna...

che sente ancora le zampe

sugli scalini del nipote,

che sale sempre in su.

E l'ultimo scalino che

le dava dispiacere

oramai è il primo...

di una scala che sale!

occitan

A vĕia maigrăna,

c'gāia e isciăra

a cařa n'ğǐü d'á scařa

hapugǐănd ăa ringhiera

n'tant d'ă raǔtra măn

a tastǔna cun e bastǔn,

a ŏňǐ păh.

ăe bŏrd d'ĕ scarǐn

a cařa cǐănǐn

e d'vǐaği a h'fĕrma

e cun ï öii n'v'drăi

e cun e cör cĕn d'magǔn

a gacǐă amǔn e hǔbrăn

d'ǔn f'nǐsc a scařa

e r'ürtǐmu scarni

e lǐ... parēisc kĕe hǐg r'ürtǐmu..

scàrǐn d'ă hǔa gǐǔrnăia hü

stă tĕřa.

Ma ĕcu k'ĕ h'nandăgǐă

n'hü p'a scařa a cătr pate

e hēu p'cǐǔn nĕb

kĕ munta sbǐa e alĕgr..

e iscǐand e muř e l'ă gacǐă

cun düi öii hí ï rǐu,

e a maigrăna a i h'mǐrăia

n'drǐnt

ŏřa a scařa a n'ǔ mĕt

cǐü paǔu,

e a vĕia maigrana,

cā hĕnt n'cŏřa e pate,

hü ï scarni d'hĕ nĕb,

kĕ munta d'lŏng n'hü.

e r'ürtimu scarni

k'e lǐ dunăva e magǔn ur'ămai ĕ l'ĕ e prim

d'n'ă scařa ca munta!

 

 

Emilio Amaretti